Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nonostante tre giorni e undici tentativi – la Camera dei Rappresentanti è ancora senza leader – chiude

Nonostante tre giorni e undici tentativi – la Camera dei Rappresentanti è ancora senza leader – chiude

Circa 20 disertori repubblicani stanno ancora impedendo a Kevin McCarthy di diventare leader della Camera dei Rappresentanti. Hanno votato contro di lui undici volte in tre giorni.

McCarthy ha ricevuto 201 voti nelle prime due votazioni di giovedì, uno in meno rispetto al giorno prima. Ha bisogno di 218 per ottenere la maggioranza ed essere eletto leader. Al terzo scrutinio nessun rappresentante ha votato, lasciando McCarthy a 200. La stessa cosa è successa al quarto e al quinto scrutinio.

Giovedì i Mavericks hanno anche lanciato Byron Donalds come avversario, che ha ricevuto qualche voto in più rispetto al giorno prima. Matt Gaetz della Florida ha rotto lo schema nei giorni scorsi e ha votato tre volte per l’ex presidente Donald Trump. Non vi è alcun requisito formale che la persona che presiederà la Camera debba essere essa stessa eletta al Congresso. Lo stesso Trump sostiene anche McCarthy.

Nel ballottaggio di giovedì – ottavo assoluto – due disertori hanno votato per Kevin Hearn, apparentemente solo per poter indicare che sarebbero stati felici di votare per Kevin, purché non fosse McCarthy. Alla terza votazione, Gates ha seguito.

Hearn ha ricevuto sette voti al quinto scrutinio, mentre Donalds ne ha ricevuti 12.

Accettazione da McCarthy

La repubblicana Victoria Spartz ha ripreso la stessa battuta mercoledì, quando non ha risposto la prima volta che è stata chiamata e poi ha detto “sì” la seconda volta. Quindi è rimasta senza votare per un candidato.

Pertanto, la resistenza nei loro ranghi era ancora abbastanza grande da bloccare McCarthy.

Prima del primo voto di giovedì, c’erano segni che McCarthy avesse fatto diverse concessioni, comprese alcune che avrebbero indebolito la sua posizione di leader. Uno dei separatisti ha negato che fosse stato raggiunto un accordo e nel voto non vi era alcuna indicazione in merito.

READ  Fino alla Luna e ritorno

I democratici sono uniti

I democratici hanno anche votato nei turni di giovedì per il loro candidato, Hakeem Jeffries, che ha ottenuto 212 voti. C’è un numero simile nei turni precedenti.

Per essere eletto, un candidato deve ricevere correttamente più della metà dei voti espressi. Pertanto, il “presente” non fa parte della partitura.

Senza un leader, la Camera dei rappresentanti non può iniziare il suo lavoro politico. Per molti degli eletti a novembre, significa anche che stanno lottando per assumere personale e avviare il loro ufficio a Washington, poiché non è stato loro assegnato un budget operativo.

Quest’anno è la prima volta in cento anni che la Camera dei rappresentanti non riesce a eleggere un leader al primo tentativo.

Acquista qui l’e-book di Kent Andersen!

Compra qui “Il Maestro e Margherita”!

Acquista qui il libro di Susan Weisinger “Kulturkamp i klasroomt”!

Compra qui il romanzo Camp Saints di Jean Raspail!

Compra “Scienza incerta” di Stephen E. Kunin come tascabile qui e come e-book qui!