Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nostalgia per il bar principale – Diretto

Non sono autorizzato a venderti birra, ma nessuno ha detto che non potevo darti birra.

Il proprietario di un pub attivo Einar Lystrup (71) serve un bicchiere di birra di varietà italiana all’amica del pub Ola Kopperud (67). Il Copperrod parcheggiò il suo “scooter da viaggio” fuori e si tolse il cappello da alpino. Ora la birra può essere ricaricata.

Ola Kopperud è un fiocco di “Flua”.

Ole Kopperud in Flua.

Qui di solito va da due a tre giorni alla settimana.

Ole Kopperud in Flua

È nostro cliente abituale da otto anni.

Swede Ewe Adler (61) tira la museruola sopra il mento e sorseggia la coppa. Fa il turno di notte e oggi si impegna a prendere il caffè.

Il Fly Fisher, chiamato anche “Flua”, è il bar dove i tre sono diventati amici. Oslo può essere grande, ma nel pub di Bislet incontrano sempre celebrità.

È un po ‘come “giubilo”, dice Adler. Lystrup e Kopperud annuirono con due teste per ammettere.

Di solito le persone sono impegnate qui, ma ora Beslett e Oslo stanno dormendo.

Ho davvero dovuto dire di no ad alcune delle persone che hanno bussato alla porta qui oggi, dice Listrup.

Adler e Cuprod argilla. Non sembrano essere sorpresi dalla vittoria di Lystrup.

Era la pausa di un semestre dal medico per “Flua”, ma per un breve periodo “Flua” si svegliò dal letargo. L’incontro al bar principale è chiaramente atteso da tempo, anche se il motivo dell’intervista è che il proprietario del bar ha ora aperto le porte.

Filosofia che ha rotto

Una conversazione piena di risate diventa improvvisamente più seria.

READ  2000 CV e materiale solido - BilNorge.no

La nostra filosofia è di rimanere aperti 365 giorni all’anno, afferma il proprietario del pub.

La filosofia si è incrinata dopo più di un anno di epidemie di arterie coronariche. Nella capitale abbiamo fatto uno scalo continuo dal novembre dello scorso anno.

Fatta eccezione per gli ospiti, le finiture e gli arredi sono ancora al loro posto. Stai lontano dall’alcol. bevilo! “Scritto su uno dei tanti cartelli sui muri. C’è un’altra immagine di un pesce con la didascalia” Hunting Club “. Nel bar, bottiglie e rubinetti di birra stanno scorrendo – in attesa di rimuovere la polvere dalla polvere. Puzza di un bar nella stanza, da cui uno ha lasciato la festa da oggi Precedente È passato molto tempo dalla nostra ultima festa, ma è così che dovresti annusare il bar dopo una lunga vita.

Einar Lystrup e sua moglie Ganesh Aserod Lystrup hanno tenuto in vita il pub per 16 anni. È diventato il lavoro della loro vita, ed è qui che trascorrono la maggior parte del loro tempo.

Guidato da Flua

Janiche e Einar Lystrup gestiscono il bar da 16 anni.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

In totale, il 71enne è nel settore da 55 anni. La sua carriera è iniziata al Kviknes Hotel di Balestrand, prima di intraprendere il viaggio verso est. Ci sono state molte esperienze, ma non gli è mai passato per la mente che avrebbe sperimentato ciò che sta vivendo ora.

Non c’è stata nessuna guerra zero nei quasi 72 anni che ho vissuto, ma questo è esattamente pazzesco qui, dice la ricerca un po ‘diluita.

I soldi che sono andati al bacino

Il tono non è solo attenuato. Centinaia di litri di birra sono stati versati in mare. Le conseguenze finanziarie sono reali.

– Ora hanno tirato fuori i 400 litri a cui stavo pensando. Sono appena entrati nella vasca, dice Lystrup e mostra una lettera di esempio.

Recentemente, 400 litri di birra sono andati all'acquario

Lettera campione con evidenza degli ultimi 400 litri di birra andati direttamente all’acquario.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

Nonostante la chiusura del pub, Lystrup ritiene che perderà 20.000 corone al mese per le spese fisse. Per fortuna, aveva dei risparmi che è riuscito a pompare.

Non c’è rischio di bancarotta e così via, ma quei poveri che non hanno alcuna possibilità di ottenere i soldi potrebbero soffrire ora, dice Lystrup.

E ci sono molti che stanno lottando. Rhiannon Hovden Edwards, leader di Virke kultur og opplevingar, afferma che il 62% dei ristoranti del paese ritiene di essere a rischio di bancarotta. A Oslo, due ristoranti su tre vincono la stessa cosa.

La Oslo Municipal Business Authority ha riferito che ci sono 1.281 aziende colpite dall’interruzione di alcol nella capitale.

“Dietro tutti i numeri ci sono i destini”, dice Edwards.

I proprietari dei ristoranti sono in costante contatto. Virke si sente molto preoccupato per i dipendenti, ma anche per alcuni clienti.

Così Lystrup può mostrare le conseguenze finanziarie sulla carta, ma non ha un modello per altre conseguenze dei rubinetti chiusi della birra. Molti bar sono molto più di un semplice ristorante.

Il bar e gli autisti di Flua

I proprietari non hanno la capacità di mantenere il bar aperto ai propri clienti.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

Pub di quartiere

È molto triste per me come autista e come cliente, dice.

I messaggi dei clienti stanno squillando su Facebook. A loro manca Floya. Molti di loro hanno fatto “naudpub” attorno a un fornello o un tavolo da cucina per ridurre la carenza.

Prima dell’arrivo di Corona, qui si sono incontrati medici, avvocati, idraulici, pittori e parrucchieri.

– Quindi abbiamo lo spettro completo. Tutti i tipi di persone. Non è una massa omogenea. È la combinazione perfetta che rende tutti felici.

Einar Lestrup sente la mancanza dei suoi clienti

Einar Lystrup mostra il muro fotografato con una foto di alcune persone che hanno fatto un viaggio a Floya. Gli mancano i suoi clienti.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

“Il suo quartiere di città” chiama il suo pub.

– Una visita e sei agganciato. Poi torni, perché è così bello essere qui. Qui le persone ti parlano, dice Lystrup.

Posso confermarlo, forse come nuovo ospite qui. Solo otto anni, dice Cupirod.

Dice che il tempo in cui i quartieri visitati venivano visitati spontaneamente è finito. Ma si ferma qui due o tre giorni alla settimana, prende due bicchieri e parla con le persone intorno a lui.

Potrebbero essere anche tre tazze, dice.

Kopperud ha un posto fisso nel bar. Con i rubinetti della birra chiusi davanti a lui, ha perso quello che aveva una grande sensazione di fare: la conversazione al bar.

Ola Copperrod

Ola Kopperud ha un posto fisso nel bar.

Ola Copperrod

Qui si siede facilmente accessibile per avere una conversazione con il cameriere e coloro che lo circondano.

Ola Copperrod

In “Flua” è anche maestro di gare.

– Ovviamente hai quelli che dovrebbero averlo qui. E questo potrebbe essere un problema per loro. Puoi comprarlo e berlo a casa. Ma poi c’è chi visita il bar, non necessariamente per l’alcol, ma per l’interazione con gli altri, con l’alcol.

Adler lo sa in questo modo. Dice che pensa che sia troppo triste non uscire a parlare con le persone.

– Non vado al bar e pago il caffè costoso. Non mi importava. Dice che la birra è costosa di per sé, ma mi piace.

Il pub è un’arena sociale

Nina Sterner è un consulente privato per KoRus Sør, un centro di competenza nel campo degli alcolici. Ho anche scritto una tesi di laurea sull’osteria come campo di promozione della salute.

Un pub è uno spazio sociale importante per molti, dice.

Le persone nei pub fanno l’esperienza di far parte di una comunità di cui non ci sono standard per far parte, dice Stirner. Essere parte della comunità, sperimentare il sostegno sociale e un senso di appartenenza, dice, è una delle cose che potremmo dire molto sulla nostra esperienza di qualità della vita.

In quanto rituale legato all’interazione sociale, dice, l’alcol ha una funzione più simbolica. Crede che possa essere vissuto come un contributo a questo senso di comunità.

Bar acceso "Floa"

Uno dei cartelli nel bar del Flua dice: “Bevo solo per renderti più sexy”.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

L’alcol attiva anche il sistema delle endorfine e può avere lo stesso effetto del ridere e di altre attività che aiutano a rafforzare i legami sociali.

Quando un pub è chiuso, pensi che molte persone abbiano perso un punto d’appoggio sociale nella vita.

Come luogo di incontro sociale, un bar può aiutare a prevenire la solitudine e dare un senso di appartenenza a un luogo. Si dice che sentirsi soli sia pericoloso quanto fumare. Può dare un’indicazione di quanto siano importanti questi luoghi di incontro sociale.

Solitudine

– Hai visto che in Giappone, ad esempio, hanno un nuovo ministro. Unico ministro, Ewe Adler dice all’improvviso.

Ha avuto “Flua” come un bar normale 21 anni fa. È qui che lo svedese si è messo nei guai quando si è recentemente trasferito a Oslo.

Eve Adler al volo

Ewe Adler è nostro cliente abituale da 21 anni. Gli manca la possibilità di andare al suo pub.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

– Il locale è seguito, dice scherzosamente Lystrup.

Il cosiddetto ministro dell’Unità non pensa che Adler sia un’idea stupida.

– Dice che c’è un numero folle di persone che sono molto più sole ora nella pandemia, in parte perché posti come questo sono chiusi.

Secondo ei Un sondaggio condotto dall’Istituto norvegese di sanità pubblica a novembre e dicembreCe ne sono molti altri che soffrono di solitudine e malattie mentali. Uno su quattro è insoddisfatto della vita. Ciò è particolarmente vero a Oslo e Bergen, dove le misure di controllo delle infezioni erano più complete che in qualsiasi altra parte del paese.

Lystrup, Kopperud e Adler raccontano di aver recentemente scoperto che un amico al bar gli aveva ucciso la vita. Ovviamente li colpisce. Adler crede che ce ne siano altri che lottano mentalmente

In realtà si chiama National Institute of Public Health. Bisogna pensare un po ‘di più a cosa succede alle persone quando smettono di lavorare.

Pensano che le autorità sanitarie abbiano considerato queste conseguenze?

Le autorità sanitarie potrebbero averci pensato, ma i politici non ci hanno pensato molto, dice Adler.

Fisher fly - vola su un bislet

Ewi Adler prende una sigaretta fuori Fluo.

Sì Adler

Gli Eagles dovrebbero fare solo una breve passeggiata dal loro pub.

Sì Adler

Nell’appartamento di Adamstuen vive da solo.

Sì Adler

Adler lavora come guardiano notturno in ospedale. Poi ci saranno delle tazze di caffè durante la giornata.

A poca distanza da «Fla», Bar Adler. Qui vive da solo.

Adler è un’infermiera e lavora il turno di notte in ospedale. Ora è contento di avere il lavoro a cui può andare e dove può incontrare persone.

– Altrimenti, credo di aver camminato sui muri. Sedersi a casa e non fare nulla. Questa è la maledizione. Ho notato di persona che sono felice di parlare con le persone, più o meno.

Non nasconde il fatto che il risultato dei rubinetti chiusi della birra è che diventa più solitario.

La maggior parte dell’attività dell’azienda al momento è la televisione. Per fortuna c’è lo slittino e lo slittino nel biathlon e nelle Alpi, quindi c’è qualcosa da guardare.

Sì Adler

Ewe Adler ora trascorre il suo tempo libero guardando la TV.

Sì Adler

E sul personal computer può vedere cosa sta succedendo nel mondo.

Sì Adler

Non nasconde il fatto che al giorno d’oggi TV e PC sono una parte importante dell’azienda.

Cucina senza TV

In Floa, il cane una capra (1.5) ruota tra le nostre gambe. È diventata un caro membro della famiglia Lystrup e porta il suo patrigno e la matrigna in viaggio. In sottofondo, una slitta suona e fissando Lystrup esce dal suo cellulare. Ha imparato a schizzare durante una pandemia. All’improvviso è stato anche informato di ciò che era in TV durante il giorno. Non era il nostro predecessore. In “Flua” non c’è un solo televisore da guardare. È una scelta consapevole. Qui le persone devono parlare insieme.

Einar Lystrup

Aynar Lystrup dice che l’unico vantaggio della corona è che lui e sua moglie sono diventati incredibilmente forti. Con dog tess, a Marka piace camminare per due o tre ore ogni giorno.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK

– È un divertente cruciverba in cui dici di questa serie TV. Non ho mai visto una serie TV. Improvvisamente ora sono in una posizione in cui posso discutere delle serie che sono andate avanti negli ultimi sei mesi, ma non ho un posto dove andare per discuterne, dice Copperrod.

Lystrup, Kopperud e Adler vivono nella speranza allo stesso tempo. Spero che la comunità venga vaccinata.

– E che sarebbe stato possibile tornare a quello che era ai “vecchi tempi”. Come prima del 12 marzo dell’anno scorso, puoi sederti al bar e tutti possono parlare insieme, dice Lystrup.

Il proprietario del pub non crede nell’apertura fino al 1 maggio. Non si aprirà fino a quando non sarà sicuro al 100% che consentirà loro di rimanere aperti. E secondo lui, altri proprietari di ristoranti pensano la stessa cosa.

I tre amici del bar difficilmente potevano descrivere quanto non vedessero l’ora di incontrarsi di nuovo al bar. Senza restrizioni.

Perché questo non è solo un pub, dice Adler.

È un’istituzione, dice Listrup.

Ed è importante sottolineare: è una stufa senza TV, afferma Copperrod.

Fisher fly.  Ola Copperrod e Eve Adler.

Ola Kopperud e Ewe Adler non vedono l’ora del loro prossimo incontro al bar.

Foto: Eskil Wie Furunes / NRK