Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

NRK senza domande importanti per i convertiti norvegesi all’Islam

Pubblicità

Pubblicità

Questo fine settimana, NRK.no ha presentato un caso completo e completo sul suo sito web. Si tratta di convertirsi all’Islam.

Questo rapporto è arrivato alla fine del Ramadan. Oggi, il giorno di chiusura, i musulmani celebrano l’identità e per il terzo anno consecutivo c’è un’intera serata di “festa dopo il digiuno” a NRK. Nessuna religione diversa dal cristianesimo ha ricevuto tale attenzione. L’Islam è diventato la religione n. 2 in Norvegia, con meno del 5% della popolazione di origine musulmana.

Leggi anche: Hidden in Holmoy Report: meno del 50% dei norvegesi etnici entro il 2100

Pubblicità

introduzione NRK Come segue: “Tre convertiti norvegesi affermano di aver incontrato l’Islam in età avanzata”. Mi sento proprio lì”.

È interessante notare che due terzi dei profili NRK sono “norvegesi” dal Cile. Tra loro c’era Bastian Vasquez, un terrorista IS cresciuto sullo schermo. Andò in Siria ed è stato ucciso nel 2015.

La terza intervistatrice di NRK è stata Dorothea Mavroziani (28) Crebbe nella città di Hemnes nell’Aurskog-Høland, e si può solo leggere che si trasferì a Rykinn a Bærum all’età di dieci anni. Ma il suo nome si riferisce anche a un’origine straniera, probabilmente italiana.

A tutti e tre è stato chiesto del percorso verso l’Islam. La prima persona è descritta come segue:

Dorotea Mavrogianni (28) Un ragazzo di 14 anni ha letto il Corano per ore in biblioteca. Prese un taxi e si sedette di fronte in modo da poter parlare con l’autista se fosse musulmana.

– È un processo lungo, perché non mi sono convertito fino all’età di 21 anni, ma l’interesse è stato con me da quando ero un adolescente, dice.

Il 28enne è cresciuto a Hemnes, Aurskog-Høland, e all’età di dieci anni si è stabilito a Rykinn, Bærum.

– Hemnas non è abitato da stranieri, quindi non si parla di altre religioni. Ma quando ci siamo trasferiti a Bærum, ho imparato qualcosa di completamente nuovo.

Raikin si trova nella zona di Baram, nota per il suo ambiente di vita multiculturale.

Avanti nell’articolo:

Da bambino, Richard “Pumbaa” Bravo, 38 anni, viveva in Cile. Qui ha colpito la religione con un cucchiaino, ma per lui era la religione sbagliata.

Pubblicità

– Ho vissuto in un Cile completamente cattolico. Ho anche lavorato al Nordic Bible Museum, dove ho tradotto testi dallo spagnolo al norvegese, e lui sorride.

Ancora 38enne, non ha mai sentito che la “Santa Trinità” gli fosse vicina.

Quando la famiglia emigrò in Norvegia, si stabilì a Homlia, Oslo, dove poteva frequentare la scuola con persone di religioni e culture diverse.

Pamba iniziò a cercare religioni diverse da quelle scambiate nella sua stessa casa.

– Ho sempre saputo che Dio esiste, ma non è giusto essere cattolico. Suonava da parte mia. Ma ho trovato ciò per cui ho vissuto nell’Islam, che non ho trovato ne “La Santissima Trinità”.

Ha fatto come Dorothy e ha studiato molto.

Pubblicità

READ  Valerenca ha preso Malin Sunde (22) dal calcio italiano

Terzo:

Come Pumbaa e Dorothy, Jocelyn Alia Vason Martinez, 40 anni, è stata ispirata dall’ambiente circostante. Ma per lei, la relazione è stata la ragione principale per cui si è convertita.

Jocelyn ha anche genitori cileni, dove la tradizione cristiana cattolica è forte. Eppure la religione non è mai stata una parte centrale della sua educazione.

– I miei genitori erano molto preoccupati che potessimo trovare la giusta identità religiosa per noi. Sebbene la madre fosse religiosa, non erano molto interessati ad avere tradizioni o pratiche associate a una particolare religione.

Quando lei e la sua famiglia emigrarono in Norvegia, vivevano in un posto fuori Oslo, dove non c’era molta melanina. Era qualcosa che sentiva.

Pubblicità

– Mio fratello ed io siamo stati razzisti per tutta la nostra infanzia. È stato sottolineato che non siamo come tutti gli altri, dice Jocelyn.

Ma alle medie le cose erano un po’ diverse.

Ha iniziato in una grande scuola ed è diventato parte di un ambiente multiculturale più ampio. Fu qui che conobbe la comunità amorevole che l’Islam può offrire.

– La maggior parte dei miei amici della mia giovinezza aveva origini musulmane, ed è stato grazie a loro che ho iniziato a comprendere l’Islam, dice.

E dice che crea una difesa per includerla.

– Ci mancava quando eravamo piccoli: amici che ti accettano e ti aggiungono.

La NRK ha anche chiesto a un analista di commentare la conversione.

– La conversione all’Islam non è rara in Norvegia, afferma Nora Steine, professore associato di studi religiosi all’Università di Oslo.

“La ragione di ciò è che i convertiti possono essere sospettati”, scrive NRK.

– I convertiti a religioni sconosciute alla comunità hanno sperimentato lo scetticismo della maggioranza. Ciò è particolarmente vero per coloro che scelgono una religione trascurata, come l’Islam, spiega Stein. Ulteriore NRK continua:

Questa scettica, Dorothy, ha incontrato altri.

Non c’è dubbio sulla sua conversione, ma non è facile portarla al pubblico. Tra l’altro, per l’atteggiamento della famiglia nei confronti della religione. Per molto tempo ha dovuto nascondere il suo interesse per la religione a una famiglia stretta.

– Quando ho detto conversione, ho detto che potevo essere ereditario.

Commento

READ  Celebra il National Redemption Day con una ricetta in stile italiano

L’articolo della NRK afferma chiaramente quanto sia difficile essere un musulmano. Tu sei il “set di gufi” e questo è il “sospetto”.

– Essere un musulmano bianco non è così facile perché ci sono alcuni di noi, dice Dorothea.

Prima delle spiegazioni per le difficoltà, è arrivata la storia di ciò che sentivano essere la loro attrazione per l’Islam.

NRK nasconde completamente molte delle condizioni che separano l’Islam dalle altre religioni. I quattro giornalisti dietro il rapporto non si vedono da nessuna parte sul perché i convertiti si siano chiesti perché la loro conversione all’Islam sia così controversa.

Ci sono vari problemi che possono essere risolti. Riguarda il profeta Maometto come modello, inclusi schiavitù, stupri e genocidi. L’interesse di base dei giornalisti dovrebbe portarli alla domanda: come si vorrebbe convertirsi a una tale “religione”?

E solo negli ultimi anni sono stati praticati molti esempi di Islam, ad esempio in Siria sotto l’IS o ora in Afghanistan sotto i talebani. Ma al contrario, l’Islam governa solo il rispetto innocente dei convertiti.

Jocelyn prega cinque volte al giorno, ma ha scelto sinceramente di non indossare l’hijab.

– Non sono pronto per quello. Per me, essere centrale per la propria volontà e non essere obbligati alla religione è centrale.

– La cosa più importante per me è la preghiera. E vivere secondo le regole musulmane di pace e dignità umana. Questo è ciò che cerco sempre di implementare nella mia vita quotidiana “, afferma il 40enne.

Dice che è molto interessata a insegnare ai suoi figli che siamo tutti ugualmente preziosi indipendentemente dal genere, dall’orientamento sessuale e dall’espressione di genere.

– È importante insegnare ai miei figli a non giudicare nessuno ea non discriminare nessuno, dice.

Anche Dorothy considera l’hijab, ma dice che ha paura di come ci incontreremo se lo indossiamo.

– I miei capelli attualmente hanno più della mia identità. Ho anche molta paura di come i membri della famiglia incontreranno questo.

Qui, l’NRK rivela la consueta distorsione islamica della realtà. Non dovrebbe esserci costrizione nell’Islam, l’hijab dovrebbe essere volontario e la scelta delle donne per se stesse, l’Islam dovrebbe riguardare “la pace e la dignità umana”.

READ  Dibattito Norvegia, calcio | La Danimarca ha tutto ciò che la Norvegia non ha e Michael Tomskard

NRK non è l’unico mezzo di comunicazione che fa questo in Norvegia, sta abbellindo l’Islam. In precedenza abbiamo considerato la mancanza di un diario di revisione di Aftenposten.

Leggi anche: Aftenboston si è “dimenticato” di ascoltare l’Imam Kofilika

Nelle scuole norvegesi non hai davvero imparato nulla sull’Islam. È considerato il gemello del cristianesimo e la versione di Maometto Gesù.

Quando abbiamo chiesto il contenuto dell’Islam nella lezione KRLE in Norvegia nel 2017, la Direzione dell’Istruzione ha detto: “Un punto che non si crea con pregiudizio è prestare particolare attenzione a non calpestare i sentimenti delle persone”. Scuole. Ma uno era un signore della guerra e l’altro era un uomo che si sacrificò volontariamente sulla croce.

Altri hanno trovato presentazioni curve simili nei libri di testo norvegesi.

“Dopo aver letto i libri di testo, la storia occidentale può sembrare aperta a mettere in evidenza eventi storici complessi, critiche e denunce, ma eventi così complessi, come critiche e denunce, non compaiono nella sezione di storia del libro. Il mondo islamico. Il nostro Paese Nel 2019.

Esamina come l’Intermedio è presentato in nove libri di testo utilizzati nelle scuole elementari e medie dopo lo sviluppo della conoscenza.

Secondo Høisæther, i libri di testo “dipingono un quadro di un’Europa religiosamente intollerante con la persecuzione dei dissidenti, mentre presentano un contesto completamente diverso per il pluralismo religioso, la tolleranza e la cooperazione nel mondo islamico”.

Leggi anche: Cosa imparano gli studenti delle scuole norvegesi sull’Islam e sulla vita del profeta Maometto?

Quando non fai alcuno sforzo nei media, finiamo con una popolazione di norvegesi con un’immagine innocente della nostra seconda religione più grande, che è praticamente una forza di mobilitazione politica. L’Islam è un’ideologia.

La maggior parte dei norvegesi non conosce l’Islam e nessuno nei media affermati vuole informarli. Sempre più persone si stanno convertendo all’Islam nei prossimi anni.

Inoltre, il problema cresce. L’Islam è un problema per i musulmani e per gli altri.

Recensione: Finalmente un libro in cui le linee principali sull’Islam sono chiare

Iscriviti per un abbonamento
O
Sostienici in altri modi
Se vuoi vivere un reset contro i media affermati e sponsorizzati dallo stato in Norvegia.

Fruste 124526
conto bancario 1503.94.12826
SMS “Ripristina”(200, – ancora una volta) 2474