Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nuovi dettagli sul dramma calcistico: pressioni vicine a Boris Johnson sullo stato del Golfo

Sia il primo ministro Boris Johnson che il leader laburista Keir Starmer sono stati strenui oppositori della Super League europea, annunciando domenica sera una dozzina dei club più grandi e ricchi del continente.

Johnson ha espresso profonda preoccupazione per il fatto che l’Europa League sarà un cartello, minacciando il futuro del sistema calcistico britannico. In un incontro con i leader del calcio britannico e gruppi di sostegno, Johnson ha annunciato che avrebbe sganciato una bomba da un disegno di legge sui club, per impedire la partecipazione alla Premier League.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha preso parte attiva a fermare i piani della Premier League.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha preso parte attiva a fermare i piani della Premier League. (Foto: Toby Melville / Reuters / NTB Scanpix)

Pressione diplomatica

Ma il principale quotidiano britannico volte È stato rivelato mercoledì sera che Johnson ha anche usato i canali diplomatici per fare pressione sul proprietario del Manchester City. La città è ufficialmente di proprietà dello United Abu Dhabi Group, controllato dallo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan. Lo sceicco Mansour è il vice primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e fratellastro del presidente dello stesso paese. Fa anche parte della famiglia reale di Abu Dhabi.

Secondo il Times, Edward Lister o Lord Audney Lister, l’inviato speciale di Johnson negli stati del Golfo, hanno sollevato la questione in diverse conversazioni con membri degli Emirati Arabi Uniti.

Il giornale ha scritto che Leicester ha minacciato che la possibile partecipazione del City alla Premier League avrebbe danneggiato le relazioni degli Emirati Arabi Uniti con la Gran Bretagna.

– Ha chiarito che sarebbe stata una cosa davvero positiva per il rapporto se non fosse accaduto, in quanto il giornale ha citato una fonte anonima.

Per molti anni, Leicester è stato un consigliere chiave di Boris Johnson ed è stato capo del personale quando Johnson era sindaco di Londra. È stato anche il capo stratega di Johnson e capo del personale ad interim durante la sua premiership.

Il primo ad essere confermato

Il Manchester City è diventato il primo club a confermare il suo ritiro dalla partnership ieri sera. In precedenza, un’organizzazione di stampa britannica unita aveva annunciato che il Chelsea, di proprietà dell’oligarca russo Roman Abramovich, e il City, sarebbero stati i primi due club a ritirarsi dalla fallita collaborazione miliardaria.

Il presidente UEFA Alexander Schiffrin ha elogiato il City, che guida la Premier League inglese in Inghilterra, e che era in guerra contro i piani.

Sono lieto di dare il benvenuto al Manchester City nella famiglia del calcio europeo. Hanno mostrato un’elevata intelligenza. L’allenatore sloveno ha dichiarato in un comunicato che il City è una risorsa importante per il calcio e sono lieto di poter lavorare con loro per un futuro migliore.

Poco prima di mezzanotte, i restanti club britannici – Tottenham, Liverpool, Arsenal e Manchester United – hanno confermato di essersi ritirati dai piani. Ciò è accaduto dopo una riunione di crisi tra i dodici club dissidenti

Mercoledì mattina il presidente della Juventus Andrea Agnelli, una delle forze trainanti dei separatisti, ha gettato la spugna.

I piani sono miliardi di dollari

I piani, che sono stati eliminati domenica sera dai dodici club, significano un distacco dal sistema del calcio europeo basato sul merito, dove le migliori squadre europee si sfidano in Champions League ed European League.

La proposta significa che un totale di 15 club faranno parte permanentemente del torneo separatista, mentre altri cinque posti andranno a club che non fanno sempre parte del campionato.

Secondo la lingua inglese Financial Times I club, che sono stati duramente colpiti dal calo delle entrate dovuto alla pandemia, hanno promesso una grossa somma di denaro per aderire. Il quotidiano scriveva che era stato garantito un “bonus di benvenuto” compreso tra 200 e 300 milioni di euro ciascuno.

Ciò corrisponde a tra 1,9 e 2,9 miliardi di corone al tasso di cambio odierno – qualcosa che potrebbe essere vantaggioso per i club, che hanno perso miliardi di entrate, tra le altre cose, dalla vendita dei biglietti e dalle partite nella pandemia di Corona. La principale banca statunitense JP Morgan Chase ha assicurato l’avvio.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e / o dei nostri fornitori. Vogliamo che condividi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Non è consentito riprodurre tutto o parte del contenuto o qualsiasi altro utilizzo di esso se non con il permesso scritto o come consentito dalla legge. Per condizioni aggiuntive guarda qui.

READ  Il primo ministro svedese Stefan Lofven si dimette - NRK Urix - Notizie e documentari esteri