Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Onde calde a Bergen | lotta di classe

Hothothot Festival ha offerto un’esperienza molto frammentata, con oltre un centinaio di DJ su tre banchi, cinque banchi e sei giorni.

Fa stranamente caldo qui. Dopo una serie di sbalzi di temperatura e il conseguente shock culturale, dall’inizio dell’estate a Oslo al tipico clima di Bergen a metà giugno, ho rifiutato un ombrello. Una volta su per una rampa di scale, sono entrato in un vicolo buio e poi in una stanza circondata da colonne di luci al neon a cascata. Ha alzato gli occhi al cielo e il DJ di stasera ha notato Annie (che pubblicherà il suo nuovo singolo “Neon Lights” tra pochi giorni).

Esattamente al nono colpo, il paesaggio fluttuante circostante è sostituito da un notevole battito di grancassa, mentre mi dirigo a tentoni verso un punto lungo il muro e annuisco mentre la stanza si riempie. E anche se ultimamente si è sentito dire che dovrebbe essere permesso, è difficile da credere quando le persone fanno un passo sul pavimento e… ballano. Nessuna supervisione o chiacchiere, solo seguendo uno schema basato sulla fiducia in termini di distanza, nonostante il fatto che la guardia guardi e controlli costantemente che il pubblico qui sul palco dello studio all’USF Verftet sia solo cinquantenne. La prima goccia di sudore che mi è caduta dalla fronte nel club da quando avevo vent’anni è caduta a terra, e sapevo che dovevo togliermi la felpa.

È la serata di apertura Per Hothothot Festival, e Annie è uno dei due importanti organizzatori di festival che saranno sotto i riflettori qui lunedì sera. Il programma è lontano da qualsiasi programma “Superstar DJ”, ma è straordinariamente ampio e composto da DJ provenienti da tutto il paese (con l’obiettivo principale sull’hub Bergen-Oslo-Tromsø, in quest’ordine). Poi non ci sono nemmeno i “Greatest Hits” in cui Annie sta lì e suona, con un fervore accresciuto, anche se mai abbastanza allegri passi di danza sul pavimento. Tuttavia, sono già passati 23 minuti dall’inizio del mix: “The Greatest Hit”, il singolo di debutto del 1999. Quella canzone con le tracce riciclate da una canzone di una certa Madonna, ha sognato il cuore di sette minuti e mezzo pezzo da discoteca ritmico galleggiante. All’epoca, Annie non era un nome d’artista, ma piuttosto un duo composto da Ann Lilia Berg Strand e Tori “Erott” Croknes (scomparsa nel 2001, all’età di 23 anni).

E mentre la pista da ballo ondeggia, le idee vengono inviate attraverso i ranghi sindacali, fino a quando non è venuto fuori un concetto in cui un veterano della musica da club norvegese degli anni ’90, Pål “DJ Strangefruit” Nyhus, ha parlato molto dell’uscita dell’attuale EP. Per il suo progetto Mungolian Jetset, A Very Confort City (2016).

READ  La sinistra vuole togliere il limite di assenza - gli studenti applaudono violentemente - VG

«Viaggi perfetti a Bergen» La traccia inaugurale era in questo EP. Un chiaro omaggio al già citato hub di musica da club norvegese con Bergen al centro e attacchi precoci definiti (anche in queste sale qui!) Accanto a persone come Erut e Bjorn Tursk. (Quest’ultimo ha dovuto anche finire Hothothot 2021 dopo cinque giorni, “2 mezzogiorno” nella stanza principale con il principe dell’East Country Thomas, parlando dell’asse Tromsø-Bergen-Oslo/Asker/Hamar.) Ma al centro dell’album del 2016 di Mongolian c’era l’idea di città immaginarie e piste da ballo immaginarie, e di come interi sottogeneri fossero nati da un tale viaggio intellettuale. Quando le stanze dei ragazzi lungo il lago Mjøsa, così come su un’isola più a nord, si riempirono del suono di oscure registrazioni su cassetta con quello che sarebbe, diciamo, un mix di DJ radiofonici di New York alla fine degli anni ’80.

Questa era l’era pre-Internet, dove bisognava immaginare a dove appartenesse questa musica. E i malintesi che l’accompagnavano finirono per essere la cosa molto speciale quando questi ragazzi (e alcune ragazze, come Annie) sono cresciuti e sono diventati la prima generazione di musica da club norvegese. Con grandi brani leggendari come “The Greatest Hit”.

Ha l’idea delle piste da ballo delle fate Un’eco forte come nelle casse dei bassi qui e ora? Come spiegarlo, che riverbero e quali vibrazioni si creeranno, negli altoparlanti e sulla pista da ballo, dove per la prima volta da oltre un anno si intravede la gioia di sentire il suono di un pianoforte classico in una stanza con gli altri ? (Compresi i giovani che sono chiaramente entusiasti di provare per la prima volta il suono di un classico pianoforte da casa sulla pista da ballo.)

Nel frattempo, dietro i controlli, Annie suona una serie di canzoni con un’enfasi sulla voce e testi che mettono in risalto i valori classici riprodotti per la pista da ballo. Ad esempio, il singolo relativamente recente di Honey Dijon con Annette Bowen e Nikki-O, “Downtown”, dell’aprile di quest’anno:

Non dire a nessuno cosa faremo / Scendi a terra e lascia passare le anime / Devi cedere alla voce / DJ, suona queste registrazioni, fai cantare il mio cuore [ …] La metropolitana è dove voglio andare

Sembra simbolico Un gesto di solidarietà, appena in tempo, quando Annie finisce il gruppo camminando sul pavimento. Ha eliminato la distinzione tra dj superiori e spettatori passivi, in un festival che, nonostante i budget e l’impressionante attrezzatura per l’illuminazione, sembrava un tentativo di sostenere i valori fondamentali ideali.

Come quando torno il giorno dopo e mi siedo in giardino per testare il mercato alimentare con i ragazzi locali che servono cibo da tutto il mondo. Sono tutti vegetariani, ovviamente, considerando gli altri principali curatori del festival, il vecchio sperone dritto e la volpe dagli anelli Michal Till. Il cibo è servito a un prezzo ragionevole in sintonia con il microbirrificio piuttosto costoso prodotto localmente.

READ  Paura di isolare le donne incinte in situazioni molto difficili

Sono entrato nella sala principale, Røkeriet, che è una delle altre quattro sale completamente prenotate dal secondo giorno del festival. Al fine di verificare la gamma del produttore e DJ Niilas, recentemente vincitore del Premio Spellemann per il loro album di debutto 2020 “Also This Will Change”.

Niilas è un attore approssimativamente definito Per la “scuola norvegese” della cosiddetta musica da club disgiunta (simile ai titoli in studio del martedì sera Drippin, Fakethias e Purpurrpurple). Forse con “Norwegian” un po’ infreddolito, le sue radici culturali Sami stanno diventando un elemento sempre più centrale nelle produzioni di Nilas. Questo è udibile anche nel DJ set, che inizia con l’ultimo basso britannico, ma cambia immediatamente marcia per lanciare un remix a tre salti vecchio di decenni di Mary Bowen?

«L’idea delle piste da ballo fantasy ha trovato una forte risonanza?»

Parlando di una pista da ballo immaginaria: immagino l’immaginario futuro utopico che avesse in testa un decente DJ europeo Tjala, che impostava il ritmo su una corsa quasi corretta sotto la voce di Bowen in uno studio a Bruges. Mentre ha riflettuto ampiamente sulle idee concettuali sul campionamento interculturale… e peggio di tutto, sembra sorprendentemente logico nel campionamento interculturale nella nostra cultura contemporanea.

Penso che questo accada mentre la voce di Boine viene sostituita da voci cristalline e cristalline che vengono elaborate digitalmente. Di seguito è riportato il coro virtuale Enya, che consiste in un gruppo Gocce, Dritto al battito del cuore della nostalgia millenovecentonovanta. Questo, a sua volta, ha un senso inaspettato che Niilas venga messo prima del delirante veterano Per “Mental Overdrive” Martinsen nel programma.

Ci dimentichiamo di immaginare DJ dell’Europa continentale. Un po’ di googling rivela che l’attuale remix di “Gula Gula” risale al 2001. Era firmato da Chilluminati, un progetto composto da Nick Sillitoe e Per Martinsen. Dimentica l’idea di smantellare la musica da club come un fenomeno a somma zero: esisteva prima? Alcuni Musica elettronica da club che non era a suo modo nel costruire suoni futuristici perfetti da frammenti di storia elaborata elettronicamente o elettricamente? Queste connessioni frammentate con il passato non sono necessarie quanto perdersi nel presente, se non del tutto una questione di due cose separate?

Tuttavia, il passaggio effettivo tra Niilas e Per Martinsen dovrebbe lasciare il posto a una piccola deviazione dal festival. I Vilde Tuv hanno tenuto una festa di lancio per il loro fantastico album “Melting Songs” nella hall della Grieg Hall. Nella sua miscela di synth estatici, composizioni new age e melodia vocale sul flauto dolce, sembra altamente improbabile e improbabile (specialmente quando Mira Thirushelfam arriva dai 9°N come ospite in uno splendido duetto di flauti intermedi), questa è l’impressione generale (potenziato dalla luce naturale dalle finestre Maestoso mentre i gabbiani volano in formazione all’esterno) diventa qualcosa di raro come un’esperienza sensoriale che mio figlio di 11 anni riconoscerà immediatamente come il suono del futuro. Il futuro che all’epoca sognavamo, ma vediamo e sentiamo sparire le tracce qui nel 2021.

Bene, torniamo al cortile Lo porta direttamente alla sardina, il piccolo palco più stretto. Lì ho appena avuto modo di ascoltare il funk sofisticato e la buona voce di Olefonken (in quelle che sembravano nuove produzioni speciali che non vedi l’ora di sentire su taping) rotto dall’avanguardia di Oslo, the Hunter e DJ Christoph Bulmer. Ha iniziato il suo successivo dj set con una versione in vinile chiaramente consumata del classico film leggero di Herb Alpert “Rise” del 1979.

In linea con il programma curato meravigliosamente caotico, l’headliner Lindstrøm è stato scelto a favore del gruppo di chiusura del produttore / DJ Helene Rickhard, anche su Sardinen. Rijkaard, come Bulmer, è il rappresentante della ristretta bolla di Oslo Caffe Herwerk. È un vero dj collezionista di dischi: il tipo che regala ogni disco che suoni a persone per cinque anni in quarantena prima che vadano in onda di nuovo. Peccato – per il mix che servi sul pavimento, dalla musica dance elettronica con un carattere continentale degli anni ’80 e vaghe associazioni con tutta una serie di sottogeneri dimenticati dal nuovo ritmo alla musica elettronica del corpo e oltre, mi piacerebbe sentire di più da . Mi ricorda come un DJ davvero bravo nella selezione e nella presentazione possa creare i propri tipi fantasiosi, dalle connessioni e dalle linee che vengono inserite nel mix. Qui, il ritmo della drum machine è il doppio meno comune, con elementi ripetitivi della batteria affilata 808 dello strumento come percussioni melodiche e voci scure che suonano come false conversazioni telefoniche in francese fallito.

Mentre l’artista Skatebård – tra il pubblico, non nel programma del festival questa volta, forse in quarantena dopo il suo primo sguardo al primo Hothothot lo scorso anno a dicembre – si insinuava sul pavimento, verso gli altoparlanti, con le orecchie in ascolto e i piedi che vibravano, notando il ballo più stravagante nella stanza intorno ad esso.

Proprio come questo slip Le transizioni tra l’ascolto e l’impegno creativo attivo sono di per sé parte del nucleo della cultura del club e un’altra parte centrale del tutto può essere vista attraverso un programma sponsorizzato da Hothothot. Lì, agli incroci, nei momenti di sudore prima che la luce si riaccenda senza sosta, nascono nuovi fantasiosi paesaggi acustici. Quelli che poseranno le piste da ballo, che ora sono in una posizione unica per essere posate di nuovo, dalle fondamenta.