Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Opinioni: Pressioni incrociate prima delle partite

Opinioni: Pressioni incrociate prima delle partite

La questione russa resta un telo rosso olimpico a 100 giorni dai Giochi. Ma il livello di conflitto potrebbe scendere a un livello inferiore al previsto.

Non rischiamo di vedere scene del genere a Parigi. A Tokyo la Norvegia ha perso contro la Repubblica Cinese e le squadre russe non parteciperanno alle Olimpiadi fino all'estate. Foto: Bjorn S. Dilipik/VG

Entrambe le parti vedono la posizione del Comitato Olimpico Internazionale come una provocazione.

Mentre il Comitato Olimpico Internazionale fa del suo meglio per parlare dello sport come qualcosa di conciliante, le pressioni reciproche rimangono intense con l’avvicinarsi delle Olimpiadi di Parigi.

Non si raggiungerà mai un accordo se sia giusto o sbagliato bandire gli atleti dallo stato belligerante russo.

È il conto alla rovescia per le Olimpiadi. Fotografia: Benoit Tessier/Reuters/NTB

L'Ucraina ha perso diverse centinaia di atleti nella guerra e ha reagito con forza in vari forum permettendo a russi e bielorussi di partecipare come “neutrali” in Francia dalla fine di luglio a metà agosto. Il presidente Volodymyr Zelenskyj ha dichiarato: “È chiaro che qualsiasi bandiera neutrale appartenente agli atleti russi sarà macchiata di sangue”. All’inizio di quest’anno, 192 atleti hanno scritto una lettera aperta chiedendo il boicottaggio.

Questo desiderio non è stato esaudito. La Norvegia e gli altri paesi che per principio si oppongono all’apertura delle porte non vedranno esaudito il loro desiderio.

D’altro canto nemmeno i russi. Anche a questo riguardo è acuta l’apparente insoddisfazione per la soluzione provvisoria offerta dal CIO.

Questa illustrazione mostra come pianificare l'apertura lungo la Senna. Fotografia: Florian Halliu/AFP/NTP

Il Cremlino ritiene che l'idea olimpica sia in pericolo perché molti atleti sono stati privati ​​della partecipazione a causa della guerra di conquista. Pertanto, in autunno, organizzano “Giochi dell'amicizia” con paesi amici.

READ  rotto. Poi è arrivata la notizia scioccante

Qui si gioca sulla grande paura del CIO: che la spaccatura diventi così grande da portare al collasso del movimento olimpico. In questo caso sarà costoso.

Esattamente 100 giorni prima che tutto abbia inizio, due cose sembrano chiare.

Non ci sarà pace nel mondo nei giorni che precedono i Giochi. Ma può diventare rapidamente più silenzioso del previsto.

I russi non possono partecipare alla cerimonia di apertura. L'hanno capito a Pechino. Fotografia: Ben Stansall/AFP/NTP

Molti dei principali paesi critici nei confronti della Russia sembrano essere venuti a patti con il fatto che ci sarà una percentuale di cosiddetti “neutrali” a cui sarà permesso di partecipare. Il tono non è più così fondato come una volta.

Ciò è probabilmente in gran parte dovuto al fatto che il risultato finale della selezione sarà probabilmente diverso dalle “sanzioni” ridotte a seguito della sistematica adulterazione del doping.

Era più facile convivere con qualche dozzina di cosiddetti “neutrali” nei giochi che quando venivano inviate quasi intere forze e dove si facevano molti sforzi per mantenere costantemente calda la spalla non così fredda.

Non sappiamo esattamente quanti saranno. Ma una stima parla di circa 40 russi e forse 20 bielorussi alle Olimpiadi.

Si chiameranno AIN, che sta per “Athlète Individuel Neutre”. La grande differenza rispetto a quanto visto a Rio de Janeiro e Tokyo è che le squadre presentate come neutrali non potranno partecipare.

Ciò significa, ad esempio, che le ragazze norvegesi di pallamano non dovranno affrontare in entrambe le partite l'avversario che ha infranto il loro sogno d'oro. E quando le ragazze norvegesi si sono autodistrutte, incolpando i giudici francesi a Tokyo, dall'altra parte del campo c'era ufficialmente il Comitato Olimpico russo.

READ  Pogba è pronto per la Juventus

Questo particolare Comitato Olimpico – la ROC – è stato uno degli argomenti di controversia che hanno portato alle Olimpiadi di Parigi. Il comitato stesso è stato sospeso in risposta alla guerra, decisione che è stata confermata dopo che i russi hanno presentato ricorso alla Corte Arbitrale dello Sport (CAS).

Ain è una parola nuova nella nomenclatura in continua evoluzione. In Corea del Sud nel 2018 è stato applicato “QAR” (atleta olimpico proveniente dalla Russia), mentre come detto è stato sostituito da “ROC” negli ultimi due cicli. Il fatto che la lettera R sia scomparsa ha evidente valore simbolico.

Agli ultimi Giochi estivi sono state raccolte 71 medaglie russe e 335 partecipanti. Quindi non sarà così adesso. Ciò è dovuto ad una serie di criteri, legati al non appartenere a quell'esercito e al non sostenere apertamente la guerra. Sicuramente saranno molti problemi se qualcuno scivola attraverso la cruna dell'ago, ma non sembra che sia in arrivo una grande liberazione.

Forse è strategicamente astuto, anche se molti rimarranno comunque insoddisfatti, con segnali completamente diversi.

Questo è un commento. Il commento esprime la posizione di chi scrive.