Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nell'aereoambulanza, Rushdie era riluttante a rivelare il suo peso.  – lettera

Nell'aereoambulanza, Rushdie era riluttante a rivelare il suo peso. – lettera

Negli anni precedenti al 12 agosto 2022, lo scrittore indiano britannico Salman Rushdie ha guadagnato più peso di quanto vorrebbe. Nel suo ultimo libro, “The Knife”, ammette di aver perso il controllo di se stesso. Voleva perdere più di venti chilogrammi, ma non poteva.

E il 12 agosto, come tutti sanno, venne aggredito sul palco durante un evento letterario a Chautauqua, New York. In meno di mezzo minuto, ha ricevuto diverse coltellate, tra cui all'occhio, al collo, allo stomaco e alla mano, prima che i presenti riuscissero a controllare l'aggressore. Mentre l’autore entrava nell’eliambulanza, più morto che vivo, qualcuno gli chiese: “Quanto pesi?” Rushdie nota che non ha voglia di rispondere quando ci sono così tante persone ad ascoltare. Pensa che sia imbarazzante.

Dopo l'attacco: un'immagine fissa del video di sorveglianza mostra i minuti successivi all'attacco a Salman Rushdie al Chautauqua Institute di Chautauqua, New York.

Foto: AP

“The Knife” è uno dei libri più brevi scritti dall'autore. È la storia dell'assassinio di Chautauqua, delle ferite che ha subito e di cosa ha dovuto fare per tornare indietro. La vista del suo occhio destro è scomparsa e la sua mano sinistra è danneggiata in modo permanente, ma lui stesso e i medici ammettono che la sua sopravvivenza è vicina a un miracolo.

È interessante notare che Rushdie scrive poco sulla politica principale e sull’Islam. E accenna appena al motivo per cui la sua vita è in pericolo da 35 anni. La fatwa emessa dall'Ayatollah Khomeini in Iran, che dichiarò blasfemo il romanzo dell'autore “I versi satanici”.

Sì, c'è chiaramente un certo desiderio che può essere rilevato quando scrive dell'opera in The Satanic Verses. Come ha manipolato figure della storia antica dell'Islam, ignaro del mare di crimini che sarebbero arrivati ​​e avrebbero spazzato via la sua vita come la conosceva. Ma va notato che trascorrerà il minor tempo possibile con coloro che vogliono distruggerlo e ai quali il suo nome è strettamente legato.

Rabbia continua: l’opposizione a Salman Rushdie è continuata nei decenni successivi alla emissione della fatwa contro di lui.  Qui, i manifestanti a Lahore, in Pakistan, bruciano la bandiera britannica per protestare contro il titolo di Cavaliere della Gran Bretagna di Rushdie nel 2007.

Rabbia continua: l’opposizione a Salman Rushdie è continuata nei decenni successivi alla emissione della fatwa contro di lui. Qui, i manifestanti a Lahore, in Pakistan, bruciano la bandiera britannica per protestare contro il titolo di Cavaliere della Gran Bretagna di Rushdie nel 2007.

Foto: AP

Emergono invece aneddoti come quelli sul peso. Lunghi paragrafi pieni d'amore per sua moglie, la scrittrice americana Rachel Eliza Griffiths. Dei suoi figli. Dei libri, dei libri che ha letto e dei libri che ha scritto. Di come tutto si capovolge e raddoppia con l'assassinio.

Come dice: “Ciò che mi sconvolge di più dell'attacco è che mi ha trasformato di nuovo in qualcuno per cui ho lavorato duro… Non importa quanto ho scritto prima, o potrei scrivere ora, sarò sempre la persona per cui ho lavorato”. Essere.” “Chi è stato accoltellato.”

È semplicemente il libro di un autore stanco di essere un simbolo. Rushdie sembra esausto perché si trova principalmente nella sfera superiore dove si discute della libertà di espressione. Arrabbiato per la sua stretta associazione con i suoi nemici, con un'ideologia che disprezza. In “The Knife” insiste sull'essere umano prima di tutto. Marito, padre e scrittore.

In Norvegia: Brainpunkt ha intervistato Salman Rushdie sul caso Nygard e sulla sua situazione nel 2012.

In Norvegia: Brainpunkt ha intervistato Salman Rushdie sul caso Nygard e sulla sua situazione nel 2012.

Foto: Hallgrim Høge/NRK Brainpunkt

Tuttavia, è naturale che Knife sia anche un contributo al dibattito più ampio sulla libertà di espressione e su come ci prendiamo cura di coloro che sono minacciati da ciò che dicono o scrivono. È facile dire che le minacce sono terribili e che gli artisti dovrebbero essere liberi di dire quello che vogliono. Ma poiché le minacce sono reali, la società non è sempre così retta.

Rushdie ha ancora un pollo o cinque da scegliere tra i politici britannici che criticano le costose guardie del corpo che deve avere. Ci sono stati accademici che hanno suggerito che forse non avrebbe potuto scrivere questo libro.

A una festa dovrebbe apparire spensierato e comportarsi come se non ci fosse nulla al mondo di cui aver paura. Perché basta poco prima che gli altri ospiti inizino a guardarsi intorno e a chiedersi se anche loro sono in pericolo semplicemente trovandosi nella stessa stanza con lui. La libertà di espressione è più difficile nella pratica che nei discorsi ad alta voce.

Assassinio in Norvegia: l'editore norvegese di Rushdie, William Nygaard, capo di Ashhog, è stato colpito da colpi di arma da fuoco e ha tentato di uccidere davanti alla sua casa a Djallevyn a Oslo nel 1993. Il caso è stato recentemente archiviato.

Assassinio in Norvegia: l'editore norvegese di Rushdie, William Nygaard, capo di Ashhog, è stato colpito da colpi di arma da fuoco e ha tentato di uccidere davanti alla sua casa a Djallevyn a Oslo nel 1993. Il caso è stato recentemente archiviato.

Foto: John Egge/NTB

Questo è chiaro, almeno in questo Paese. “The Knife” arriva appena una settimana dopo che si è appreso che il pubblico ministero di Oslo aveva archiviato il cosiddetto caso Nygard. Sono passati più di 30 anni da quando William Nygaard, l'editore norvegese di Rushdie, venne ucciso e tentò di uccidere davanti alla sua casa a Djalevin a Oslo.

Si è trattato di un attentato che vedremmo naturalmente nel contesto della fatwa su Rushdie, che riguardava anche i suoi editori e traduttori. L'azione della polizia allora, e la chiusura adesso, sono state accolte con severe critiche.

Rushdie ha parlato brevemente e chiaramente della collisione tra libertà di espressione e religione. Riconosce che la religione può essere un conforto per le persone nel privato, ma ritiene che sia problematica quando viene utilizzata per stabilire i termini su come gli altri dovrebbero comportarsi. Solo una società laica può tutelare i diritti di tutti.

Quasi ucciso: l'ex boss dell'Aschehoug William Nygaard davanti alla sua casa a Dagaliveien, dove fu vittima di un tentativo di omicidio nel 1993.

Quasi ucciso: l'ex boss dell'Aschehoug William Nygaard davanti alla sua casa a Dagaliveien, dove fu vittima di un tentativo di omicidio nel 1993.

Foto: Tori Linvolen/NRK

E la prima lezione? Il fatto è che hai la libertà di espressione solo finché la dai per scontata, finché non ci pensi troppo. Nel momento in cui hai paura, non sei più libero.

Ma sei ancora umano, con gli effetti delle gioie grandi e piccole, e l'insignificanza e i complessi di pesantezza che ne derivano. Questo è ciò per cui Salman Rushdie lotta in “The Knife”.



17/04/2024 ore 15.28

READ  È morto il regista Norman Jewison