Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ora i marchi automobilistici più leggendari potrebbero scomparire

Fusioni, fusioni e vari tipi di collaborazioni sono diventati sempre più popolari nell’industria automobilistica negli ultimi anni. Ciò ha diversi motivi: le economie di scala, l’accesso a nuove tecnologie, l’efficienza e il risparmio sui costi sono i più importanti qui.

Una delle più grandi case automobilistiche del mondo si chiama ora Stellantis. Creato dopo la fusione tra GM e FCA e comprende fino a 16 marchi diversi (!). Sono: Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Citroën, Dodge, DS, Fiat, Fiat Professional, Jeep, Lancia, Maserati, Mopar, Opel, Peugeot, Ram e Vauxhall.

È quindi uno dei maggiori produttori al mondo e ha 400.000 dipendenti in totale. È presente in più di 130 paesi e ha stabilimenti di produzione in 30 paesi.

Non tutte le marche vanno bene

Il nome Stellantis è utilizzato esclusivamente per la casa madre. Il nome del marchio delle auto del gruppo e il loro logo non sono cambiati. Questa gigantesca fusione è stata completata e approvata all’inizio di quest’anno.

Sebbene ci siano molti marchi forti e leggendari nel gruppo Stellantis, non tutti si comportano altrettanto bene. Alcuni hanno pochi modelli, vendono male e perdono soldi.

Tra i marchi automobilistici con i rendimenti peggiori, troviamo due italiani. Sono Lancia e Alfa Romeo. Entrambi gli iconici marchi automobilistici hanno una storia lunga e orgogliosa e molti appassionati.

L’Alfa Romeo ha avuto diversi ritorni e ambiziosi business plan negli ultimi decenni. Tuttavia, ci sono riusciti e il risultato è stato grande meno i numeri.

Anche il derivato Citron di lusso delle DS Automobiles non è una lettura felice quando si tratta di matematica. L’americana Chrysler Corporation è anche una prestigiosa vecchia casa automobilistica, che ha guidato molto ultimamente. Il denominatore comune tra tutti loro è che stanno perdendo denaro.

READ  L'Agenzia norvegese dei consumatori ha aperto un caso contro cinque nuove società elettriche: E24

Leggi anche: Volevo solo una pizza – è finita così

Seconda possibilità

Anche per un grande giocatore come Stilants, questo non può andare avanti. Allo stesso tempo, è stato sottolineato che ai marchi automobilistici dovrebbe essere data una possibilità. Dopotutto, la fusione è ancora abbastanza nuova. Ma il lavoro è necessario, seguito dai risultati.

L’Alfa Romeo è un marchio Stellantis forte e importante, ma è anche in difficoltà finanziaria. Devono scoprire se vogliono sopravvivere.

Diamo una possibilità a tutti i marchi, poiché vengono pagati per creare un piano di marketing completamente nuovo. Deve essere chiaro nei suoi obiettivi e allo stesso tempo deve essere realistico e raggiungibile. Inoltre, ogni marchio deve definire una visione su come utilizzare le risorse di Stellantis per raggiungere il successo, facendo così prosperare l’economia.

Questo è ciò che ha affermato l’amministratore delegato dell’azienda, Carlos Tavares dal Portogallo, in una conferenza stampa digitale.

– Tavares, 62 anni, ha aggiunto che è anche importante che tutti i marchi abbiano l’opportunità di fare qualcosa di diverso, accrescere la loro unicità e trovare qualcosa che piaccia al loro gruppo di clienti.

Leggi anche: Le auto sono vecchie e assetate, ma i loro proprietari le adorano

Molti nuovi marchi nel mercato orso

Secondo la nostra esperienza, tutti i marchi hanno un periodo fisso di dieci anni, per invertire il trend negativo.

Se i marchi convertibili non hanno successo, non ci vorrà molta immaginazione per capire cosa sta succedendo. Quindi c’è un pericolo imminente che scompaia.

Come è noto, l’antica grandezza significa poco quando si riassume la linea di fondo. Quindi, i risultati di oggi contano.

READ  Processo di tornitura in Cina - E24

Negli ultimi anni sono entrati nel mercato europeo anche numerosi nuovi marchi automobilistici. Soprattutto dalla Cina, ma anche dagli Stati Uniti. E altro ancora in linea. Si tratta di un mercato aggregato che l’industria stessa ritiene sarà più piccolo nei prossimi anni. Quindi i più forti, i migliori e i più intelligenti sono i sopravvissuti. Come spesso accade sia nell’industria che nella natura stessa.

L’articolo è stato pubblicato per la prima volta da scopa.