Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Palestina, Israele |  Dov’è la condanna di Hamas?

Palestina, Israele | Dov’è la condanna di Hamas?

commento Esprime le opinioni dello scrittore.

Le condizioni a Gaza e il bilancio delle vittime sono estremi.

Anche per quanto riguarda la storia di questo conflitto.

Rimani aggiornato con le ultime novità: scarica l’app Nettavisen i phone E Androide Qui!

Peggio di ogni altra cosa

Che l’anno 2023 sia peggiore che mai e che sembri che ci stiamo dirigendo verso un’escalation del conflitto è inaccettabile e paralizzante. La crisi acuta, combinata con una storia di conflitti, porta a fronti difficili.

Israele viene giustamente criticato per i suoi attacchi sproporzionati, che causano enormi sofferenze e la morte di numerosi civili. Capisco perfettamente chiunque condanni il comportamento di Israele, e lo faccio anch’io.

Mi chiedo ancora: dov’è la condanna di Hamas?

Centinaia di organizzazioni, politici, celebrità e attivisti condannano Israele per il bombardamento di Gaza.

di nuovo; Ne ho una grande comprensione.

Quello che trovo difficile da capire è che loro (la maggior parte di loro) non hanno spazio nemmeno per una clausola che condanni Hamas. Con alcune onorevoli eccezioni, ciò che serve è solo Israele.

Un’eccezione onorevole è Save the Children, che chiede anche il rilascio degli ostaggi.

Leggi anche

Nessuna ingiustizia può difenderlo

Sadico, pervertito e feroce

Considerato cos’è Hamas e cosa ha fatto Hamas, mi è difficile capirlo. Penso che molte persone non si rendano conto di cosa sia Hamas.

Si è diffusa l’opinione che l’attacco terroristico del 7 ottobre sia stato il risultato di una frustrazione repressa per molti anni.

Il terrorismo è stato deplorevole e brutale, ma non giustifica l’eccessiva risposta di Israele nei confronti della popolazione civile palestinese.

Sono d’accordo con l’ultima metà di quella frase. Ma l’attacco terroristico avvenuto il 7 ottobre non è stato né “sfortunato né brutale”.

Non è stato fatto neanche per affetto.

L’attacco è stato sadico, perverso e indicibilmente malvagio. Anche nell’ambito degli attacchi terroristici, questo attacco è stato anormalmente estremo.

Per capire cosa sta succedendo adesso, è importante capire cosa è successo il 7 ottobre.

C’è molta storia in questo conflitto, ma non possiamo essere ciechi di fronte alla storia. Gli eventi dal vivo sono i più importanti per capire cosa sta succedendo adesso.

Leggi anche

Israele e Palestina: il conflitto più difficile del mondo

Gli ha tagliato la testa

22 anni, tedesco-israeliano Shani Lok (Nota: immagini forti tramite il collegamento) È diventato il primo volto dell’attacco terroristico del 7 ottobre.

READ  Ecco come sarà il tempo a Capodanno

È stata vista per la prima volta nel retro di un camioncino a Gaza dove giaceva priva di sensi, a faccia in giù, con il sangue proveniente dal suo stomaco che indicava che era stata violentata, e le sue ossa erano mutilate e chiaramente rotte in diversi punti.

Un certo numero di terroristi e civili di Hamas le corsero intorno, festeggiando e sputando sul suo corpo quasi nudo. Sembrava morta sul posto, ma secondo fonti di Hamas era solo priva di sensi.

Forse non lo sapremo mai, perché le forze israeliane che entrano a Gaza hanno trovato la sua testa.

È stata decapitata.

Allora possiamo sperare che fosse morta o priva di sensi quando Hamas l’ha decapitata.


Jorn Sund Henriksen

Jørn Sund Henriksen è stato osservatore elettorale a Kiev durante la rivoluzione arancione del 2004 e ha prestato servizio nel comando della guardia costiera. È stato coinvolto nell’intelligence indipendente (OSINT) per più di 10 anni in diversi conflitti ed è un leader della Società degli amici norvegese-ucraina. I suoi contributi si basano su ricerche open source e sono quindi un accumulo e un’analisi delle informazioni attualmente disponibili, con il rischio di missourcing.

1400 storie

Luke è solo una storia. Esistono 1.400 storie simili, alcune delle quali difficili da comprendere ed elaborare.

Ma è importante sottolineare che questa brutalità non è stata compiuta per affetto. E’ stato pianificato.

Darò qualche altro esempio di questa brutalità, ma li metterò in corsivo in modo che possiate saltarli. Perché ci sono storie così sadiche che non consiglio davvero di leggerle.

Hamas ha chiesto a Jeddah di sbloccare il suo cellulare in modo da poter usare il suo profilo Facebook per trasmettere in diretta la loro uccisione. Molti membri della famiglia hanno visto l’omicidio così come è avvenuto.

Hamas ha legato insieme una madre e una figlia con del filo spinato, in modo che quando si muovevano, il filo spinato trafiggeva i loro corpi causando loro un forte dolore. Poi versarono su di loro un liquido infiammabile, gli diedero fuoco e li bruciarono vivi.

Una famiglia di quattro persone era legata alle sedie attorno al tavolo da pranzo. Genitori da una parte e figli dall’altra. Sono stati poi torturati a morte, anche tagliando parti dei loro corpi. È impossibile sapere se siano morti prima i bambini o i genitori.

READ  Recensione: Amanda Gorman, "La montagna che scaliamo"

In una famiglia con un bambino piccolo, il padre viene ucciso, il bambino viene messo nella stufa e arrostito vivo fino alla morte, mentre la madre viene violentata. E poi è stato ucciso.

Leggi anche

Penso che Netanyahu abbia finito come primo ministro

Brutale significa

Perché Hamas ha usato una brutalità così estrema? Perché l’hanno filmato in così tanti casi? Perché a così tanti terroristi vengono somministrati farmaci che li rendono più indifferenti alla violenza che commettono?

Perché la brutalità estrema era un mezzo per raggiungere un fine.

L’obiettivo di Hamas è annientare Israele. Vogliono uccidere tutti gli israeliani finché non ne rimarrà più nessuno.

L’unico modo per raggiungere questo obiettivo è attraverso la guerra. Una grande guerra che mobilita ampie parti del mondo arabo.

L’unico modo in cui possono intraprendere una grande guerra è convincere Israele a uccidere molti palestinesi.

L’obiettivo di Hamas erano i bombardamenti in corso adesso a Gaza e l’imminente guerra di terra. È anche uno dei motivi per cui cercano di impedire lo sfratto e svolgono tutte le loro attività in luoghi che forniscono loro scudi umani, come gli ospedali.

Il fatto che questo sia l’obiettivo di Hamas non esonera Israele dalla responsabilità per i palestinesi che sta uccidendo adesso. decisamente.

La leadership militare e politica di Israele ha il libero arbitrio, indipendentemente da ciò che fa Hamas.

Tuttavia, ritengo che le azioni e gli obiettivi di Hamas meritino una condanna senza riserve anche nei confronti di Hamas.

Leggi anche

Il conflitto israelo-palestinese: Putin si arrabbierà

Non hanno mai voluto la pace

È importante sottolineare che Hamas non è un rappresentante del popolo palestinese. Sono un’organizzazione terroristica.

Pertanto il popolo palestinese non è responsabile delle azioni di Hamas.

Hamas non ha mai voluto la pace. Vogliono la guerra.

È stato istituito in risposta all’avvio dei negoziati con Israele da parte dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina alla fine degli anni ’80. Hanno compiuto attacchi terroristici per fermare il processo di Oslo.

Sta scritto nel loro patto che annienteranno Israele, Ieri hanno confermato che continueranno tali attacchi, come è avvenuto il 7 ottobre, finché Israele non scomparirà dalla faccia della terra.

READ  Le organizzazioni umanitarie chiedono alla Norvegia di indagare sui crimini di guerra a Gaza

Il termine genocidio è usato liberamente nel discorso pubblico, come descrizione dell'”uccisione di molti”.

Ma il genocidio e la Convenzione sul genocidio riguardano i motivi dietro gli omicidi. L’uccisione di civili costituisce spesso (ma non sempre) un crimine di guerra.

Leggi anche

Ecco perché c’è la guerra in Israele e Palestina

Se lo avessero fatto, lo avrebbero fatto

Se venissero uccise troppe persone, ciò potrebbe equivalere a crimini contro l’umanità. Ma per essere un genocidio, gli omicidi devono essere legati al desiderio di eliminare un gruppo.

Il motivo per cui esiste il concetto di genocidio è a causa del tentativo industriale della Germania nazista di sterminare gli ebrei.

Hamas vuole commettere un genocidio contro Israele.

L’unica ragione per cui Hamas non ha commesso un genocidio contro Israele è perché non aveva la capacità militare per farlo.

Se lo avessero fatto, lo avrebbero fatto.

Ma finché esisteranno, continueranno a provarci. Anche il tentativo di commettere un genocidio costituisce una violazione della Convenzione sul genocidio.

Leggi anche

Karbi Magdi si getta nella polemica: – Ora Israele spegne le luci a Gaza

Dobbiamo continuare a condannare Israele

Nessuna di queste azioni e motivazioni portate avanti da Hamas può conferire legittimità a ciò che sta accadendo ora a Gaza.

La loro sadica brutalità non legittima il taglio delle forniture alimentari a diversi milioni di persone e i bombardamenti che uccidono migliaia di civili.

Dobbiamo quindi continuare a condannare la mancanza di rispetto da parte di Israele nei confronti dei civili.

Leggi anche

Gli attentati terroristici di Israele devono essere condannati e dobbiamo esercitare pressioni per evitare un genocidio

Ma possiamo anche condannare Hamas per aver dato il via a tutto (questa volta) con il suo tentativo di genocidio straordinariamente brutale.

Condannare Hamas per il suo uso sistematico di scudi umani e per l’uso della sua popolazione civile per provocare una grande guerra. E prendi degli ostaggi.

Condannare i crimini dell’organizzazione terroristica Hamas non indebolisce la tua critica a Israele.

anzi.

Ciò lo rende più forte, più legittimo e più credibile.