Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Papa Francesco ha dato all’Ucraina il cattivo consiglio di deporre le armi

Papa Francesco ha dato all’Ucraina il cattivo consiglio di deporre le armi

Un giorno è arrivato il momento di parlare. Ma Putin deve prima rendersi conto che non può vincere.

Questo è un editoriale. Il leader esprime il punto di vista dell'Aftenposten. Il caporedattore e il redattore politico sono responsabili del contenuto.

Papa Francesco è uscito sventolando bandiera bianca. Crede che l’Ucraina dovrebbe essere abbastanza coraggiosa da fare lo stesso. La bandiera bianca è usata da chi rinuncia a combattere e depone le armi per la guerra.

Sabato il Papa ha detto in un'intervista alla radio svizzera che i negoziati non sono la stessa cosa della resa. Ora che si è rivelato così difficile espellere gli occupanti russi dall’Ucraina per un periodo prolungato, è necessario pensare in modo nuovo e coraggioso. La cosa più importante, ritiene Papa Francesco, deve essere porre fine alla guerra e all’insensata perdita di vite umane.

Questo passo è molto ingenuo e non è piaciuto alla leadership ucraina. Atteggiamento molto negativo. Papa Francesco ha ricevuto uno schiaffo sulle dita anche dal segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Negoziazioni e compromessi sono questioni su cui Stoltenberg si è impegnato molto anche nella sua carriera politica. Anche suo padre, l’ex ministro della Difesa e degli Affari esteri Thorvald Stoltenberg, pensava che il compromesso fosse una delle parole più belle del mondo.

Ma ogni cosa ha il suo tempo.

– Per l'Ucraina non è il momento di arrendersi. Stoltenberg ha detto in un'intervista alla Reuters che sarebbe una tragedia per gli ucraini e pericolosa per tutti noi.

READ  Rafforzerà Hamas politicamente - VG

Non è sbagliato che i Papi interferiscano nella politica. Papa Giovanni Paolo II, ex vescovo di Cracovia, divenne una delle principali e importanti fonti di ispirazione per la lotta per la libertà polacca negli anni '80. Ha contribuito alla caduta della cortina di ferro e alla fine della Guerra Fredda.

Papa Francesco argentino non ha mai avuto paura di impegnarsi nella politica internazionale. Ha parlato apertamente della crisi climatica, della crisi migratoria e dei pregiudizi economici mondiali.

Durante la crisi ucraina ha tentato più volte di parlare con il patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill. Ma questo non è stato possibile, perché Kirill non è un uomo di pace. Al contrario, è tra i principali motori della continuazione della guerra nella cerchia attorno al presidente Vladimir Putin.

Una bandiera bianca non è un segno di debolezza. Nel saluto agli ucraini, Papa Francesco ha detto: Al contrario, il più forte è colui che ha il coraggio di alzare bandiera bianca e chiedere il negoziato. È ben intenzionato. In linea di principio, sembra saggio. I nemici prima o poi devono parlarsi. Altrimenti le guerre non finiranno mai.

Ma la persona che negozierà deve avere un livello minimo di fiducia nella persona con cui negozierà. Putin non ha più alcuna credibilità come interlocutore dopo dieci anni di guerra e la perdita di decine di migliaia di vite umane. Deve essere costretto a rendersi conto che non sarà mai in grado di ottenere ciò che vuole con questa guerra. A tal fine, l’Ucraina ha bisogno di granate e altre armi, non di bandiere bianche.

Purtroppo il tempo è ancora così.

READ  Victor Orbán è penalizzato per aver indossato una sciarpa da calcio