Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vuoi “rinfrescare” i tuoi copriscarpe blu

Non così bello: l’azienda giovanile spera di sostituire i suoi classici copriscarpe in plastica blu con un’alternativa più sostenibile. Foto: Dmytro Malyarchuk / V.G

Piatti, cannucce e bicchieri usa e getta hanno trovato un modo per eliminare la plastica. Ora una giovane azienda vuole scommettere su un prodotto a cui molte persone potrebbero non pensare.

Frequentano il secondo anno di arte, design e architettura alla Brevang Senior High School di Tromsø.

Con i loro copriscarpe blu fatti in casa, vogliono rivoluzionare “l’industria dei copriscarpe” in Norvegia.

– Nessuno ha pensato ai copriscarpe, si è chiesta Monica da Silva Gamboa (18 anni) quando le è venuta l'idea.

Concorrenza evidente: Renova UB ha recentemente partecipato al campionato regionale di Tromsø sotto l'egida di Young Entrepreneurship. Foto: privata

L'anno scorso, Gamboa, insieme ad altri della classe, ha sviluppato Ecostep, una versione sostenibile ed ecologica dei classici copriscarpe blu che dovrebbe evitare di contaminare il pavimento.

È stato Aurora boreale Come accennato prima Compagnia Giovanile.

“Moda copriscarpe”: così scommettono i giovani su come sarà un copriscarpe. Foto: privata

Aiuterà il Comune

Gli studenti hanno detto a VG che la loro scuola spende 25.000 NOK all'anno in copriscarpe usa e getta. L’obiettivo ora è sostituirli con copriscarpe riutilizzabili.

READ  Fauci: - Stai usando il lockdown per vaccinare le persone

Gamboa punta alle misure ambientali nel comune di Tromsø. Una misura è Lavorare per realizzare la visione di “Tromsø come città senza plastica”.

– Quindi abbiamo ritenuto giusto contattarli nella speranza di una collaborazione. “Stiamo aspettando un incontro”, dice, e spera che i copriscarpe vengano utilizzati in più edifici pubblici.

Svuota il tuo portafoglio

Secondo gli studenti, è stato difficile creare collegamenti e collaborare con altre aziende per far decollare il progetto.

-Mi sento come se fosse difficile essere preso sul serio. “Quindi siamo dovuti intervenire noi stessi”, dice Gamboa.

Attraverso campagne di mutui, prestiti finanziari da parte dei genitori e aiuto con i propri portafogli, il gruppo è finalmente riuscito a creare un prototipo di copriscarpe.

Foto: privata

Allo stesso tempo, non hanno mai smesso di chiamare e lamentarsi delle aziende.

– All'improvviso hanno iniziato ad ascoltarci. Ovviamente la motivazione nel gruppo era molto alta in quel momento.

In competizione

Il progetto e l’idea hanno recentemente suscitato l’interesse della “Shoe Pulling Gang”. Campionato Provinciale di Imprenditoria Giovanile.

-Fa un po' paura perché è così pericoloso e così grande. “Quindi sentiamo una certa pressione”, ha detto Gamboa a VG prima del torneo.

La banda non si è mossa da lì, ma è motivata a continuare il progetto.