Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Per me ha senso credere – vicino

La civiltà occidentale è stata segnata dalla fede cristiana fino all’età dei Lumi nei secoli XVI e XVIII. La maggior parte delle persone crede che Dio abbia creato l’universo, la vita e l’uomo. C’è sempre stato chi ha creduto che la natura potesse spiegarsi, ma questi pensatori non sono riusciti a conquistare la maggioranza.

L’età dell’Illuminismo ridusse Dio. La mente umana è stata messa al primo posto. Dovremmo pensare e credere solo a quale sia la ragione accettabile. Ciò ha portato alla visione deistica e all’emergere del naturalismo. I naturalisti ritengono che il meccanismo causale più importante siano le interazioni casuali tra la materia e l’energia dell’universo. Queste reazioni vanno secondo le leggi della natura.

Ma poiché le leggi naturali non possono creare nulla di nuovo, ma solo descrivere ciò che è già lì, il puro caso diventa la grande forza creatrice della natura. Dio è stato cancellato e non esiste un piano, un significato o uno scopo. Noi stessi dobbiamo dare un senso alla vita.

Per alcune migliaia di anni si è creduto che l’universo fosse eterno e immutabile. per ca. Tuttavia, 100 anni fa, molti scienziati sono giunti alla conclusione che l’universo ha avuto un inizio, che Sir Fred Hoyle ha chiamato il Big Bang, che in seguito è diventato un termine per l’origine di tutto. Oggi è generalmente accettato che l’universo abbia avuto un’origine e che non sia esistito per sempre.

Prima del Big Bang non c’era niente, né tempo, né spazio, né massa, né energia. Tutto è apparso nel Big Bang.

Una delle leggi della logica afferma che nulla può creare qualcosa. È solo qualcosa che può creare qualcosa. Un’altra legge afferma che tutto ciò che ha un inizio richiede una causa per il suo inizio. Allora abbiamo solo due possibilità: o il nostro universo è nato per puro caso, o è stato creato. Personalmente, non posso credere che il nostro maestoso universo sia sorto da solo. Trovo molto più ragionevole credere in un Creatore.

READ  La festa non è ancora finita, resta una torta (forse)

La scienza ci ha mostrato che l’universo ha un ordine particolarmente chiaro. Ha fatto urlare ad Einstein che l’unica cosa incomprensibile dell’universo è che è intelligibile. Questa disposizione si esprime, tra l’altro, nella cosiddetta sintonizzazione dell’universo: un numero di costanti naturali aventi esattamente la dimensione necessaria all’esistenza dell’universo e affinché esso abbia le condizioni per la vita. Esistono circa due dozzine di costanti naturali di questo tipo che dovrebbero avere esattamente lo stesso valore. La minima deviazione non è tollerata e avrà conseguenze disastrose.

L’ateo Christopher Hitchens riconobbe che questa straordinaria posizione era una potente prova dell’esistenza di Dio. Semplicemente non è possibile credere che una buona preparazione possa avvenire per caso. Per mitigare questa notevole situazione, i naturalisti hanno introdotto il concetto di “multiverso”. Non c’è un universo ma molti. Mi permetto di vedere il multiverso come un panico naturalista in risposta all’accordatura delle pinne.

La terza cosa che caratterizza il nostro universo è che qui c’è vita, e per quanto ne sappiamo c’è vita solo sulla nostra Terra. Questo di per sé merita una riflessione più profonda.

Allora arriviamo all’origine della vita. Per più di 65 anni, la scienza ha cercato di creare la vita in laboratorio, ma senza successo. Furono spesi pochi miliardi di dollari, parteciparono migliaia di saggi.

Vorrei presentarvi il professor James Tour alla Rice University negli Stati Uniti. È uno dei principali ricercatori mondiali nel suo campo. La sua ricerca ha mostrato che nessuno degli elementi costitutivi della vita – proteine, lipidi, carboidrati e acidi nucleici – avrebbe potuto formarsi da solo sulla Terra primordiale primordiale prima che esistesse la vita. Il tour dice inoltre che anche se avessi tutti questi materiali a tua disposizione, nessuno sarebbe in grado di metterli insieme nel modo giusto. Quindi l’origine della vita è un mistero irrisolto, anche se la scienza vuole trasmettere un messaggio diverso.

READ  Suggerisce l'analisi collettiva per trasformare il CEO in un dipartimento

Questa ricerca si basa su un punto di vista naturalistico, e crede che la vita sia puramente fisica. Si ritiene che la fisica e la chimica siano in grado di spiegare la vita, ma la vita è molto di più. La vita ha una dimensione metafisica rifiutata dal naturalismo. La fisica e la chimica non possono mai spiegare l’amore, l’infatuazione, la coscienza, il pensiero… e molto altro ancora.

Oggi sappiamo che l’origine della vita richiede informazioni. Questa informazione si trova nel DNA. La materia morta non contiene DNA. Per quanto ne so, la scienza non è in grado di spiegare come si possa formare il DNA. Il DNA è composto da acidi nucleici e dallo zucchero desossiribosio, sostanze che non può produrre da solo. Ma c’è una connessione che la scienza non può spiegare: come il DNA può contenere tutte le informazioni che la vita richiede.

Forse non ti rendi conto che in ogni cellula del nostro corpo abbiamo un filamento di DNA lungo circa 2 metri che contiene 3,2 miliardi – ripeti 3,2 miliardi – “DNA di lettere”. Per accogliere un filamento così lungo nel nucleo di una piccola cellula, il DNA viene compresso 40.000 volte. Nella frase precedente, ho dovuto mettere le lettere nell’ordine corretto affinché la frase avesse un senso. Non riesco a capire che 3,2 miliardi di caratteri possono venire nell’ordine corretto come risultato di processi naturali casuali e ciechi. Personalmente, sono convinto che solo l’intelligenza può raggiungere questo obiettivo.

L’informazione biologica è un argomento di dibattito. I naturalisti devono credere che tali informazioni dovrebbero essere generate da sole attraverso lo sviluppo su un lungo periodo di tempo. Tuttavia, questo non corrisponde alle nostre conoscenze. Sappiamo che tutti i tipi di informazioni, in particolare le informazioni dettagliate e specifiche, possono provenire solo da una fonte intelligente.

READ  Marie Lundy Comment: La peggiore vacanza del mondo

In biologia, ci troviamo di fronte a molti problemi “pollo o uova”. Cosa è venuto prima? Hai scritto che le proteine ​​non possono essere prodotte da sole. Le proteine ​​della vita si formano in una piccola struttura chiamata ribosoma. Quindi la prima proteina vitale doveva essere formata nel ribosoma, ma il ribosoma stesso è ora composto da 50 proteine. Da dove vengono?

Possiamo anche considerare il fatto che nove mesi prima della nostra nascita, eravamo costituiti da un’unica cellula che ha posto le basi per lo sviluppo della vita non attraverso miliardi, ma miliardi e miliardi di reazioni. Poiché nasciamo sani e senza malattie o deformità, tutti questi riflessi devono andare per il verso giusto. La vita è governata da una serie di algoritmi. Gli algoritmi nei nostri computer sono stati creati da esperti. E gli algoritmi di vita?

Dopo aver cercato di conoscere le scienze naturali e le visioni del mondo che definiscono la visione che dovremmo avere sulla scienza, sono giunto alla conclusione che dividere la scienza in due parti può in qualche modo rendere più facile scegliere cosa pensare. Divido le scienze naturali in scienze solide che si occupano della natura morta o non vivente, come la geologia, la meteorologia, l’elettricità, il magnetismo, l’astronomia, ecc. – e la scienza SOFT che è la stessa della biologia. La pietra è lì, ma non vive. Il naturalismo può fornire una buona spiegazione della scienza dura, ma secondo me non va abbastanza lontano per spiegare la vita.

Qui ho cercato di fornire una ragione logica sul motivo per cui credo che sia l’universo che la vita siano stati creati e che né l’universo né la vita potrebbero formarsi da soli.