sabato, Giugno 22, 2024

Perché i rifugiati hanno diritto all’asilo?

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Se date un’occhiata alle sezioni dei commenti dei media norvegesi sul campo dell’asilo, scoprirete che viene costantemente ripetuta l’affermazione secondo cui il sistema di asilo non è mai stato progettato per occuparsi dei rifugiati di guerra, ma degli individui – in particolare i dissidenti politici e altri perseguitati persone.

Il sistema di asilo per i fuggitivi è stato creato durante la Guerra Fredda. Dopo la fine della Guerra Fredda, questo sistema avrebbe dovuto cessare nel 1990» Scrivine uno nel campo commenti.

L’intero istituto per l’asilo è pieno di frodi. Originariamente era destinato agli oppositori politici. Chi ha lavorato per la pace e la democrazia! Ora viene utilizzato in modo improprio per i trasporti» sostiene un altro.

Questa affermazione non è del tutto inaspettata, ma è lontana dalla completa verità.

Non è un’invenzione delle Nazioni Unite

Il concetto di asilo non è qualcosa che le Nazioni Unite hanno inventato dopo la seconda guerra mondiale.

Crediamo agli storici? Le sue radici risalgono all’antico EgittoEd è continuato in larga misura nel corso della storia. L’Inghilterra ottenne la prima legge sull’asilo nel VI secolo.

Pertanto, qualsiasi affermazione che “originariamente” significasse asilo è nella migliore delle ipotesi inaccurata.

OH Richieste L’asilo è un diritto umano: non può essere ottenuto

D’altro canto, il moderno sistema di asilo di oggi trova le sue basi in… Dichiarazione dei diritti umani delle Nazioni Unite – È una dichiarazione non giuridicamente vincolante del 1948.

“Articolo 14
1. Ogni individuo ha il diritto di cercare e ottenere asilo contro la persecuzione in altri paesi.

2. Questo diritto non può essere invocato in processi che abbiano una base reale per crimini o atti non politici che siano incompatibili con gli scopi e i principi delle Nazioni Unite.

Questo è tutto ciò che si dice sull’asilo nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite.

ATTENZIONE! La Dichiarazione delle Nazioni Unite non deve essere confusa con la Dichiarazione delle Nazioni Unite Convenzione europea sui diritti dell’uomo (CEDU) – È una parte della legge norvegese che non menziona l’asilo.

L’asilo come diritto umano è correlato al diritto di farlo cercare. Non dice nulla a cui si ha diritto Concesso Asilo, ma hai il diritto di accettare l’asilo se ti viene offerto.

Pertanto, il tuo Paese di origine non può impedirti di accettare l’asilo se ti è stato concesso altrove.

READ  Cultura e divertimento, consigli per il weekend | Ora inizia la stagione balneare

Cos’è la persecuzione?

La Convenzione sui rifugiati afferma che una persona ha motivo di protezione se resta Seguito “A causa della razza, della discendenza, del colore della pelle, della religione, della nazionalità, dell’appartenenza a un particolare gruppo sociale o dell’opinione politica”.

La sezione 29 della legge sull’immigrazione definisce la persecuzione come segue:

###

Affinché il procedimento costituisca persecuzione ai sensi dell’articolo 28, primo comma, lettera A, devono:

a) costituisce individualmente o ripetutamente una violazione grave dei diritti fondamentali dell’uomo, in particolare di quei diritti irrinunciabili ai sensi dell’articolo 15 n. 2 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 4 novembre 1950, oppure

b) Costituiscono diverse misure diverse, comprese le violazioni dei diritti umani, che insieme sono così gravi da colpire una persona in un modo paragonabile alla situazione descritta nella lettera A.

La persecuzione può assumere la forma, tra le altre cose

a) Violenza fisica o psicologica, inclusa la violenza sessuale,

b) Legislazione e misure amministrative, di polizia e giudiziarie, discriminatorie di per sé o praticate in modo discriminatorio,

c) procedimenti giudiziari e controlli penali sproporzionati o discriminatori,

d) l’assenza di possibilità di controllo giurisdizionale quando ciò comporterebbe l’imposizione di sanzioni sproporzionate o discriminatorie,

e) procedimento penale per rifiuto del servizio militare in un conflitto in cui tale servizio comprende crimini o atti di cui all’articolo 31, primo comma, o

f) Azioni specificamente rivolte al sesso o ai bambini.

Uno stalker può esserlo

a) lo Stato,

b) Organizzazioni o gruppi che controllano l’apparato statale o gran parte del territorio dello Stato in modo tale che lo straniero non può essere indirizzato a cercare protezione in altre parti del paese, vedere l’articolo 28, paragrafo cinque, o

c) Attori non statali se gli attori di cui alle lettere a e b, comprese le organizzazioni internazionali, non sono in grado o non vogliono adottare misure ragionevoli per prevenire la persecuzione, anche attraverso un sistema efficace per individuare, perseguire e punire atti che costituiscono persecuzione.

Il diritto di asilo è sancito dalla Convenzione sui rifugiati

secondo L’Associazione delle Nazioni Unite divenne la Convenzione sui rifugiati Dal 1951 ha fatto molta strada a causa della mancanza di obblighi in materia di diritti umani.

Il coordinatore delle Nazioni Unite in Norvegia spiega che “lo scopo di una convenzione separata sui rifugiati è quello di imporre ai paesi riceventi il ​​dovere di accogliere le persone in fuga, e di non mandarle in paesi dove potrebbero temere persecuzioni”.

A differenza della Dichiarazione dei diritti dell’uomo, la Convenzione sui rifugiati è stata incorporata nelle leggi norvegesi dal 1954.

READ  “Shall We Dance”: rabbia dopo la première:

La Convenzione identifica un gruppo molto specifico con un diritto d’asilo esteso.

Quelli che “Esiste un legittimo timore di persecuzione per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica».

È vero che esistono una serie di eccezioni, anche nei confronti di persone condannate per crimini di guerra o crimini non politici o che sono fuggite da paesi “in cui sono concessi loro i diritti e gli obblighi associati alla cittadinanza del paese in questione”.

guerriero NO Motivi di asilo

Ma questo vale anche per la Convenzione sui rifugiati NO Chi dice che la guerra debba essere considerata motivo di asilo. La Convenzione chiarisce che deve trattarsi di una forma di persecuzione per motivi speciali.

Il Ministero della Giustizia norvegese afferma che questo non ha importanza, perché in guerra spesso si verificano varie forme di persecuzione.

Sebbene la Convenzione sui rifugiati stabilisca i requisiti alla base della persecuzione, questi possono essere importanti anche in situazioni di fuga di massa. In relazione alla guerra o alla guerra civile, possono esserci, ad esempio, grandi gruppi che vengono perseguitati per motivi nazionali o etnici. In altri casi, grandi gruppi vengono perseguitati perché hanno un’opinione politica o sono affiliati a partiti in guerra», scrivono nella didascalia di pagina 3.

La Norvegia è obbligata a concedere l’asilo

L’articolo 33 della Convenzione sui rifugiati afferma che le persone perseguitate hanno il diritto non solo di chiedere, ma anche di chiedere asilo Il diritto di ricevere cercare rifugio.

“1. Nessuno Stato contraente potrà in nessun caso espellere o respingere un rifugiato oltre frontiera in aree in cui la sua vita o la sua libertà sarebbero minacciate a causa della sua razza, religione, nazionalità, opinione politica o appartenenza ad un particolare gruppo sociale.

Naturalmente la formulazione non si riferisce direttamente all’obbligo di concedere l’asilo, ma piuttosto al divieto di rimpatriare nel luogo di provenienza chiunque abbia subito persecuzioni. Il significato pratico è lo stesso.

Non ha diritto all’asilo: può ancora ottenerlo

Ma non è vero che un richiedente asilo debba soddisfare i requisiti per lo status di rifugiato stabiliti nella Convenzione sui rifugiati per poter ottenere asilo in Norvegia.

È qui che le cose iniziano a complicarsi.

Perché sebbene la Convenzione sui rifugiati definisca chiaramente la protezione del ritorno a causa di persecuzioni Razza, religione, nazionalità, opinione politica o il fatto che si appartenga ad un particolare gruppo sociale, La Norvegia non può necessariamente rimpatriare persone che non rientrano in questa definizione.

READ  Nicole Kidman: - Depressa dopo la rottura

In Presentato al Parlamento il disegno di legge in materia di legge sull’immigrazionecosì spiegato:

“Le persone che non soddisfano i requisiti per l’asilo possono comunque avere diritto alla protezione dalla deportazione ai sensi di altre convenzioni sui diritti umani”.

Indicano qui Tutela assoluta della Corte europea dei diritti dell’uomo Contro la tortura Dalla Convenzione sulla tortura Proibire il rimpatrio di persone in paesi “dove esistono ragionevoli motivi per ritenere che la persona interessata correrebbe il pericolo di essere sottoposta a tortura” e Divieto contro “Trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti”.

In §28 della legge sull’immigrazione Pertanto, è pacifico che qualunque persona può godere del diritto di asilo, anche se non ha un fondato timore di persecuzione, se “Tuttavia, corrono il rischio concreto di essere sottoposti alla pena di morte, alla tortura o ad altri trattamenti o punizioni inumani o degradanti al loro ritorno nel loro paese d’origine.»

Questi sono chiamati richiedenti asilo non rimpatriabili.

La Convenzione sui rifugiati non è necessaria per proteggere dalla guerra

Il dibattito su quali avrebbero potuto essere le intenzioni dell’Asylum Institute quando fu sottoposto a diversi cicli all’inizio della Guerra Fredda è in gran parte infruttuoso.

È vero che il diritto di asilo sancito dalla Convenzione sui rifugiati non è scritto direttamente in modo tale da garantire che la fuga da un conflitto armato sia di per sé una base per l’asilo.

Ma è proprio per questo motivo che l’abrogazione della Convenzione sui rifugiati avrebbe un impatto minimo sull’attuale situazione dei rifugiati, perché altre convenzioni prevedono diritti più ampi.

Il diritto d’asilo semplicemente non è un elemento unico.

Per citare i preparativi in ​​materia di diritto dell’immigrazione:

“Alle persone che hanno diritto alla protezione dalla deportazione ai sensi dell’articolo 15 senza essere riconosciute come rifugiati ai sensi dell’articolo 16 non viene concesso l’asilo, ma viene loro concesso un permesso di soggiorno ordinario in conformità con la disposizione discrezionale generale su forti considerazioni umanitarie di cui all’articolo 8, secondo comma la legge sull’immigrazione”.

Questo caso è stato pubblicato per la prima volta il 13/01/2016.

More articles

Latest article