Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Perché la bandiera non segue la provincia della Russia

L’invasione russa dell’Ucraina Ha pubblicato una vasta gamma di sanzioni, restrizioni e multe, principalmente volte a punire parti importanti ed economiche del regime di Putin. Il Cronologia Delle ultime settimane ne compare uno escalation Per misure che colpiscono gravemente settori chiave dell’economia russa come il settore finanziario, l’energia, i trasporti, le esportazioni o i visti. La maggior parte delle istituzioni internazionali ha chiaramente condannato questo attacco alla sovranità dell’Ucraina e ha anche implementato varie misure restrittive per la tecnologia, il commercio, ecc.

In campo scientifico, tutti i progetti internazionali ai quali la Russia sta attualmente collaborando in un modo o nell’altro sono stati colpiti, e molti di essi (come abbiamo visto nel caso della Stazione Spaziale Internazionale) sono seriamente minacciati… Per questo, di fronte a questo diluvio di decisioni e blocchi, alcuni si chiedono se l’establishment scientifico internazionale avrebbe dovuto aderire al boicottaggio, estendendo il blocco a studi e ricercatori russi. Il problema è difficile e una soluzione può avere conseguenze imprevedibili in futuro.

Le istituzioni scientifiche e i ricercatori occidentali dovrebbero boicottare le loro controparti russe? È la domanda diretta e potente che ci rivolge Articolo recente pubblicato su BMJIl British Medical Journal, una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo e considerata uno dei passaggi imprescindibili dell’attuale sistema scientifico è l’editoria, e quindi la maggior parte di questa massa virtuale rimarrà nelle mani delle riviste scientifiche.

Ciò significa, in primo luogo, che riviste e giornali devono decidere quali posizioni politiche sono soggette a boicottaggio e quali non sono Politisk, un ruolo politico che pochi editori sono disposti ad assumere.

[Relacionado: Cobertura del conflicto Rusia-Ucrania actualizada al minuto en Yahoo]

READ  Ribellarsi ai disaccordi digitali: nessuno vuole celebrare il proprio matrimonio in Teams

In secondo luogo, dobbiamo tenere presente che questa richiesta contraddice chiaramente un principio fondamentale della pubblicazione scientifica, stabilito dal Consiglio internazionale per la scienza e altre organizzazioni, da Non discriminare gli scrittori sulla base della loro nazionalità o opinioni politiche. Questo ideale dell’editoria scientifica ha una lunga storia ed è stato rispettato anche in situazioni difficili come la Guerra Fredda, quando le riviste scientifiche continuavano a ricevere articoli da autori dell’ex Unione Sovietica. “Gli editori ritengono che preservare la ricerca accademica dovrebbe essere libera e trascendere le controversie geopolitiche”, Ricorda nella scienza.

Finora il Journal of Molecular Structure, prodotto dal colosso editoriale Elsevier, è l’unica rivista ad aver lanciato un boicottaggio annunciando che Gli studi delle istituzioni russe non saranno pubblicati, sebbene questo divieto non si applichi ai singoli ricercatori russi, sia all’interno che all’esterno della Russia. Solo pochi giorni fa, Science ha pubblicato un articolo in cui spiegava il perché Poche riviste hanno ascoltato le richieste boicottare i ricercatori russi. Solidarietà e simpatia per l’Ucraina sono indiscutibili, ma accettano la politica di discriminazione basata sulle opinioni politiche come principio guida per il loro ruolo di giornale accademico. Come hanno sottolineato da Physical Review C, “Non crediamo che gli articoli pubblicati sulla rivista aiutino la Russia a ottenere alcun vantaggio tecnologico perché è aperta e non pubblichiamo nulla di segreto. È solo scienza di base”.

Storicamente, i boicottaggi delle pubblicazioni scientifiche sono stati rari e inefficaci. I più famosi furono prodotti dopo la prima guerra mondiale contro autori tedeschi, ma furono abbandonati dopo alcuni anni e finirono per fallire poiché i ricercatori tedeschi continuarono a pubblicare su riviste tedesche e vincere premi Nobel per il loro lavoro e le loro scoperte.

READ  Il contadino è un pacificatore: la nazione

È anche interessante evidenziare la leggerezza delle pubblicazioni russe nella collezione mondiale. Nonostante quello che si potrebbe pensare, il contributo degli autori russi alla letteratura scientifica mondiale è inferiore al 5%, e sono il penultimo paese nella classifica delle pubblicazioni scientifiche tra i quindici paesi più grandi.

In breve, sembra improbabile un boicottaggio generale dei giornali accademici contro la Russia. Sarebbe discriminatorio e contrario a uno dei principi di base della scienza, aprirebbe una diapositiva in cui ogni rivista potrebbe decidere quale posizione geopolitica meriterebbe un boicottaggio, e inoltre non sarebbe in alcun modo efficace o pratico.

Articoli e notizie più importanti su scienza e politica su Yahoo:

Riferimenti scientifici e maggiori informazioni:

Smith, Riccardo. «Le istituzioni scientifiche e i ricercatori occidentali dovrebbero boicottare le loro controparti russe?» BMJ, vol. 376, marzo 2022, DOI: 10.1136/bmj.o608.

Jeffrey Brainard »Poche riviste ascoltano le richieste di boicottaggio dei giornali russiScienza DOI: 10.1126 / science.adb1981