Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Perché le persone non si fidano della scienza?  Ecco quattro possibili spiegazioni.

Perché le persone non si fidano della scienza? Ecco quattro possibili spiegazioni.

Uno studio americano ha concluso che 4 americani su 10 rifiutano le spiegazioni scientifiche per il Covid-19. Un ricercatore identifica quattro spiegazioni per la sfiducia delle persone nella ricerca.

Biblioteca Bodleian, Oxford: Perché così tante persone diffidano della conoscenza scientifica classica?

I migliori repubblicani, come Ron DeSantis e Greg Abbott, rifiutano categoricamente la descrizione della ricerca sul clima di un mondo sempre più caldo, le cause e le contromisure contro le pandemie e altro ancora. Nelle scuole americane, politici locali e genitori attivisti si oppongono all'inclusione degli insegnamenti di Darwin nei programmi di studio. L'elenco può essere esteso. Perché la sfiducia nella scienza e nelle scoperte scientifiche è così diffusa nella società americana?

Aviva Philip Muller, professoressa associata alla Bede School of Business della Simon Fraser University, si è messa metodicamente al lavoro per trovare possibili spiegazioni. Notizie universitarie globali Lei descrive come Philippe Müller e il suo team hanno sfruttato gli ultimi dieci anni di ricerca nel campo del marketing e della psicologia per avvicinarsi alle persone come potenziali clienti e quindi come raggiungerli con un messaggio.

Articolo È stato recentemente pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences.

Partizione

La parola chiave è segmentazione. Secondo Philipp Müller la sfiducia nei confronti dei ricercatori non ha una sola spiegazione, bensì quattro. Questo è il suo messaggio secondo cui le tattiche per affrontare la sfiducia devono essere calibrate di conseguenza. I quattro gruppi sono:

1. Coloro che sospettano che gli scienziati siano freddi e insensibili, e quindi non si fidano di loro. La sfiducia è rafforzata dal fatto che molti vedono gli studiosi come anticristiani. Ciò è rafforzato dal fatto che i messaggi dei ricercatori sono percepiti come confusi, poco chiari e contraddittori. Il fatto che la spiegazione sia spesso che i messaggi dei ricercatori cambiano man mano che acquisiscono maggiori conoscenze sul campo di cui stanno comunicando non viene riconosciuto perché i destinatari richiedono messaggi chiari e distinti, il più possibile in bianco e nero.

READ  I concorrenti sviluppano la tecnologia nella stessa stanza

2. Coloro che appartengono a gruppi sociali che hanno ragioni storiche per diffidare degli scienziati. Negli Stati Uniti, questo vale almeno per gli afroamericani, che storicamente sono stati oggetto di grandi abusi in nome della scienza. Ciò spiega in parte perché i neri americani sono stati lenti ad assorbire la conoscenza sul Covid-19.

3. Dissonanza cognitiva: coloro che sostengono una visione del mondo che contraddice l'immagine scientifica del mondo. Un esempio storico è la “svolta copernicana”: la Chiesa cattolica ha a lungo messo in dubbio l’idea che la Terra fosse il centro dell’universo.

4. Quando c’è una “discrepanza cognitiva” tra il modo in cui i risultati della ricerca vengono comunicati e il modo di pensare del destinatario. Persone che pensano e si esprimono in termini concreti, concreti, e che non riescono a comunicare quando il messaggio è accompagnato da riserve, sfumature e incertezze. Ciò che il destinatario vuole è che gli venga detto se è così oppure no.

Nella sua ulteriore analisi delle possibili contromisure, Philipp Müller sottolinea che un approccio “one size fits all” non funzionerà e che puntare il dito e cercare di insegnare alla popolazione una serie di fatti non fa altro che peggiorare le cose. Il metodo descritto da lei e dai suoi colleghi è un approccio diverso.