lunedì, Luglio 22, 2024

Perdente quasi immangiabile – Intrattenimento

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

(Klikk.no) Secondo la pubblicità del prodotto, gli spaghetti secchi contengono esattamente gli stessi ingredienti: farina di frumento e acqua. Questo significa che hanno anche lo stesso sapore? ovviamente no.

Abbiamo testato 9 marche di pasta, una delle quali ha ottenuto un punteggio di 5, mentre un’altra marca ha ottenuto un punteggio di 1 e “macellazione completa”.

La pasta è diventata un ospite frequente e gradito nella cucina norvegese. Gli spaghetti sono spesso uno dei piatti preferiti dai bambini e per molti la pasta ha sostituito le patate a cena.

Klikk.no ha testato 9 diversi tipi di spaghetti con l’aiuto di un gruppo di degustazione composto dallo chef e scrittore di cibo Morten Overbye, dallo chef e proprietario Dag Tjersland del Baltazar Ristorante & Enoteca, Oslo e dalla buongustaia dodicenne Heidi Gustafsson.

Il vincitore del test è il più costoso

La maggior parte degli spaghetti sul mercato costa circa 10 NOK al chilo, mentre gli spaghetti più costosi che abbiamo testato costano quasi sei volte quel prezzo. E qui si scopre che vale la pena pagare un piccolo extra se sei preoccupato per il gusto: le linguine del vincitore del test Jacob sono in cima alla classifica del test con molto sapore e una buona consistenza. Al contrario, è il più costoso tra tutti i prodotti testati: 57,80 NOK al chilo.

Il marchio ICA, Delish Spaghetti, è risultato il peggiore nel test. Hanno un aspetto, un odore e un sapore sgradevoli e vengono valutati da un comitato del gusto come quasi immangiabili. Il fatto che sia economica non aiuta, ci sono tante altre paste low cost che nel test rendono molto meglio.

Informazioni sull’audizione: La giuria dell’audizione: Dag Tjersland, chef e proprietario del ristorante italiano Baltazar Ristorant & Enoteca a Oslo, nonché l’autore del libro di cucina ¿Italia¿, chef professionista, scrittrice di cibo e autrice di libri di cucina Heidi Gustafsson. Un dodicenne con un interesse per il cibo I 12 prodotti testati rappresentavano una selezione di spaghetti pre-acquistati venduti nei negozi norvegesi, sia di marca che di catena. I prodotti sono stati testati e valutati in base al gusto e al contenuto nutrizionale, mentre il prezzo non è stato considerato nelle classifiche. Cuocere la pasta secondo le istruzioni riportate sulla confezione. Il panel ha assaggiato solo la pasta, sottolineando che molti di essi potrebbero avere un sapore diverso con il sugo. Nessuna pasta contiene uova.
READ  Scherzi sfacciati alla fattoria "Farmen kendis".

Grano duro

La pasta è un prodotto alimentare solitamente preparato con pasta di grano e acqua. Possono essere aggiunti anche altri ingredienti per aggiungere colore e sapore alla pasta, molto spesso uova.

La parola pasta stessa è italiana e significa impasto. L’ingrediente principale secondo la tradizione italiana è il grano duro, che conferisce alla pasta un alto contenuto di proteine ​​e carboidrati, e un basso contenuto di amido. Aiuta anche a fare in modo che la pasta non risulti appiccicosa dopo la cottura.

Pasta è un termine ampio. Secondo me, le cose più importanti per fare una buona pasta sono una buona farina e acqua pulita, afferma Dag Tjersland.

Ma la preparazione incide anche sul modo in cui viene vissuto il gusto:

L’errore più grande che molte persone commettono è mettere l’olio d’oliva nell’acqua, poiché ostruisce tutti i pori della pasta e impedisce al sugo di essere assorbito dalla pasta. Pensi che dovrebbe aggiungere sapore, ma è completamente sbagliato. Non dovresti usare altro che acqua bollita e leggermente salata, dice il proprietario del ristorante.

Non cuocere a lungo

Non solo la pasta è molto popolare in Norvegia, ma questo vale anche per gran parte del mondo. Ciò non sorprende, considerando che è facile da preparare e ha molteplici ambiti di applicazione. Secondo la tradizione italiana la pasta deve essere cotta (al dente), ovvero deve offrire una certa resistenza alla masticazione.

La pasta viene solitamente venduta secca, ma negli ultimi anni nella maggior parte dei negozi è diventato possibile acquistare anche pasta fresca. Ma lo “chef italiano” Dag Tgersland non ha nulla contro la pasta secca.

READ  Rapporto sulla poligamia - intrattenimento

– In Italia preferiscono conservare molta pasta alla volta, poi asciugarla e tirarla fuori quando deve essere preparata. Più a lungo si asciuga, più tempo ci vorrà per cucinare, dice.

Dice anche che gli italiani mangiano la pasta in modo molto diverso da noi norvegesi. La differenza più grande è che la pasta dovrebbe sempre essere condita con il sugo prima di essere servita, anche se si tratta semplicemente di salsa di pomodoro.

“I pori devono assorbire la salsa, quindi la pasta ha un sapore”, spiega Tjersland.

Anche il suo compagno di squadra Morten Overby ritiene che i norvegesi spesso cucinino la pasta troppo a lungo.

– Fa male mangiare la pasta scotta, e se seguite le istruzioni sulla confezione sarà sempre stracotta. Interrompere la cottura per qualche minuto prima di terminare. Se dice sette, cucina per cinque, consiglia Overby.



Prepara la tua pasta

Gli chef credono che si tragga grande vantaggio dal preparare la pasta in casa e che non sia così difficile come pensi.

-Una volta preparata la pasta, avrai altre opportunità per renderla deliziosa. La pasta semplice con farina, uova e acqua non richiede molto tempo per essere preparata.

Non serve la macchina per la pasta, ma potete stendere la pasta con il mattarello dopo averla stesa e lasciata riposare. Arrotolate la verza a forma di salsicciotto e poi tagliatela con il coltello a fette sottili o larghe, a seconda che la vogliate come tagliarini, tagliatelle o barpadelle.

Poi si possono usare farine migliori, un po’ più costose, come quella integrale, di farro o la farina di Holli mølle, consiglia Dag Tjersland.

READ  La star di "Euphoria" Hunter Schiffer si sta allontanando dai ruoli trans

Se non avete tempo o voglia di fare la pasta da soli, c’è anche pasta secca di ottima qualità che si può acquistare nei negozi specializzati, dice il ristoratore.

Cereali integrali o no?

A seconda del tipo di farina che si utilizza, la pasta può avere diversi gradi di finezza, da macinata fine a macinata grossolana e integrale.

– A casa nostra usiamo soprattutto pasta integrale, ma a me piace di più la pasta più leggera. “Lo riceviamo sempre da nostra nonna”, dice Heidi Gustafson (12).

Gli chef Tjersland e Overby ritengono che non vi sia alcun impatto significativo sulla salute nella scelta della pasta integrale invece della pasta fine, e la cosa più importante è che la pasta sia fatta con buona farina.

– Non esitate a comprare prodotti biologici, perché sono quasi sempre fatti con buona farina, dice Tjersland.

Leggi l’intero test qui



Linguine Di Pasta Selezionata Di Jacob

Prezzo indicativo: 28,90

Leggi l’intero test



Spaghetti ai funghi

Prezzo indicativo: 9,50

Leggi l’intero test



Spaghetti di primo prezzo

Prezzo indicativo: 9,90

Leggi l’intero test



Pasta di farro biologica Helios

Prezzo indicativo: 27,50

Leggi l’intero test



Spaghetti Barilla n.5

Prezzo indicativo: 26,90

Leggi l’intero test



Rima 1000 vera pasta italiana

Prezzo indicativo: 9,80

Leggi l’intero test



Jamie Oliver Spaghetti

Prezzo indicativo: 24,90

Leggi l’intero test



Spaghetti extra (coppa)

Prezzo indicativo: 11,00

Leggi l’intero test



Spaghetti Delizia (ICA)

Prezzo indicativo: 9,80

Leggi l’intero test

Questo caso è stato pubblicato per la prima volta il 13/01/2014.

More articles

Latest article