Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“Perdita di certificati MSC: qual è la via da seguire?”

Il Marine Stewardship Council (MSC) ha conquistato una posizione dominante come marchio globale di prodotti ittici sostenibili, influenzando l’accesso al mercato e il prezzo in molti mercati. L’industria ittica norvegese ha sempre beneficiato del fatto che la maggior parte delle nostre attività di pesca è certificata, ma in un tempo relativamente breve il volume certificato scende da oltre il 90% a quasi il 40%. Perché è questo e qual è la via da seguire?

La significativa diminuzione della taglia approvata del pesce norvegese è dovuta alla sospensione dello sgombro nel 2019, seguita dall’aringa NVG e dalle uova blu alla fine dello scorso anno. In pratica, ciò è dovuto al mancato rispetto delle condizioni a lungo termine per la definizione di accordi completi tra Stati costieri con meccanismi di distribuzione delle quote. I certificati MSC per altri clienti nei nostri paesi limitrofi sono stati sospesi per lo stesso motivo.

Quando l’attuale certificazione MSC per il merluzzo bianco e l’eglefino a nord di 62 gradi scadrà il 26 aprile, è probabile che la porzione di pesca che avviene al di fuori delle 12 miglia nautiche (nm) avrà una nuova certificazione da subentrare. Molti probabilmente subirebbero la perdita del marchio ecologico catturando il merluzzo stesso come una perdita di prestigio.

Breve storia e dichiarazione del problema

La perdita della certificazione è il risultato di sfide di sostenibilità di lunga data, irrisolte e auto-dichiarate dalla ricerca e gestione norvegese dall’inizio degli anni 2000. Ci sono sfide che la maggior parte delle persone ha deciso di risolvere prima di avere MSC, e dobbiamo comunque risolverle anche senza MSC.

Quando volevamo convalidare il merluzzo e l’eglefino più di 10 anni fa, è emerso dagli studi preliminari che la condizione del merluzzo costiero era un ostacolo alla certificazione. Quindi hanno scelto un “missile a due stadi” in cui la pesca al di fuori di 12 nm ha iniziato il processo, mentre il resto era in attesa che le autorità mettessero a punto un piano di ricostruzione per il merluzzo costiero. Il risultato è stato che la pesca al di fuori delle 12 miglia nautiche è stata approvata nel 2010, mentre la pesca entro le 12 miglia nautiche è stata inclusa nella certificazione più di un anno dopo nel 2011. Tuttavia, il problema del merluzzo costiero non è stato risolto. Il piano di ricostruzione ha consentito solo una testimonianza meno pratica Termini Lo stock di merluzzo costiero deve essere costruito secondo gli standard Certificato Entro il 2015. Ciò non ha avuto successo, ma con la ricertificazione nel 2014, Fiskarlaget è stata in grado di richiedere uno straordinario ritardo nel caso per cinque anni, dando effettivamente alla Norvegia il tempo fino al 2020 per ricostruire il merluzzo costiero a un livello credibile.

READ  SpaceX invia quattro dilettanti nello spazio

A partire dalla fine del 2019, DNV ha implementato un processo di ricertificazione Tutti Raggiungi 62 gradi a nord con Fiskarlaget come cliente. Tuttavia, nell’autunno del 2020 sono state effettuate osservazioni affermando che, a causa della situazione del merluzzo costiero, nonché la raccomandazione del Consiglio internazionale per l’esplorazione dei mari sulla pesca zero e il nuovo piano di ricostruzione negli ultimi due anni, il la pesca non riceverà la certificazione. Poi si è deciso di seguire la stessa linea di prima, lasciando le attività di pesca com’erano Lui può Certificato per continuare il processo. Il risultato pratico è che l’orologio risale al 2010. È probabile che la pesca oltre le 12 miglia nautiche ottenga ora una nuova certificazione, mentre la pesca costiera attende una gestione del merluzzo costiero rivista e un nuovo piano di ricostruzione. Speriamo Per riuscire nella riabilitazione il più rapidamente possibile.

Avanti così

L’associazione norvegese dei pescatori e il progetto congiunto di certificazione ambientale hanno ricertificato entro 12 nm come priorità assoluta. Molto di ciò che chiediamo da tempo alla ricerca / autorità lei ha proprio adesso Finalmente mi sono mosso. L’anno scorso HI ha preparato un caso clinico per il merluzzo costiero, che ha ora portato a una revisione del metodo nel CIEM con una possibile suddivisione dello stock. La squadra di pescatori ha sempre creduto che le mappe e il terreno fossero incompatibili con il merluzzo costiero; Ad esempio, dal fatto che lo stock riproduttivo può essere molto alto e su una base fragile o distorta. I precedenti segnali del processo in corso indicavano che si trattava di una presa di coscienza che potrebbe anche aver iniziato ad arrivare a HI / ICES.

Sulla base di questi primi segnali positivi, Fiskarlaget ha già “prematuramente” avviato il processo di ricertificazione delle trappole DNV entro 12 nm. L’idea alla base di tutto ciò è quindi iniziare rapidamente il processo di certificazione Se Le informazioni che ora stiamo ricevendo dal CIEM sono state molto positive e il processo sarà nella migliore delle ipotesi in modo da poter ottenere nuovamente la certificazione all’inizio della stagione del merluzzo del 2022. La scorsa settimana, il CIEM ha pubblicato il suo rapporto di riferimento per il merluzzo costiero. Non è stato ancora valutato dal DNV, ma è probabile che il risultato del processo aggiuntivo riguarderà la ricerca di ulteriori autorità per preparare un nuovo piano di ricostruzione e valutare i parametri di riferimento.

READ  scienza | Apertura nuovo showroom: è ora di sfatare alcuni miti sull'industria del salmone

Ci sono molte critiche alla MSC a causa di ciò, ma è difficile incolpare uno standard irragionevole in questi casi particolari, perché si riferisce ai problemi che l’amministrazione norvegese conosce e lavora in ogni caso in modo completamente indipendente dalla MSC. In altre parole, la soluzione alla certificazione MSC è risolvere le sfide fondamentali del merluzzo costiero (e del pesce rosso), proprio come quelle della pesca pelagica che si trovano negli accordi di assegnazione delle quote complete e nei meccanismi di risoluzione delle controversie. Molte buone forze hanno compiuto sforzi in queste aree negli ultimi decenni, ma i risultati non sono stati sufficienti. Ciò ora mette a rischio gran parte dell’industria della pesca norvegese di essere penalizzata sui mercati. Il gestore della pesca più sostenibile al mondo non può essere a conoscenza dell’esistenza di ferite così aperte nemmeno per decenni, a prescindere dalle etichette ambientali che si applicano.

Un’alternativa a MSC?

La Norwegian Hunters Association ha anche lavorato a un percorso per studiare un poster ambientale norvegese alternativo e NOFIMA ha recentemente completato la prima bozza di un possibile standard futuro. L’industria norvegese deve ora tenere un serio dibattito e riferire se questo è qualcosa su cui vogliamo costruire. In questo caso, dovrebbe portare a investimenti e alla costruzione di un’organizzazione attorno a un tale marchio nazionale.

Secondo me, questo è un dibattito che dovrebbe essere tenuto a testa fredda e completamente separato dall’immagine di Today’s News con testimonianze mancanti. Gli acquirenti oggi sul mercato non richiedono una “certificazione ambientale”, chiedono che MSC, un’organizzazione che ha investito a livello globale dal 1997, abbia circa 250 dipendenti globali e un budget annuale di oltre 300 milioni di NOK. È anche nella natura delle cose che un sistema di certificazione affidabile non può collocare l’elenco significativamente al di sotto dello standard MSC. Possiamo anche, tuttavia, tranquillamente presumere che le richieste che la nostra industria potrebbe dover evitare di rifiutare MSC, ci incontreranno comunque dalla società civile. Per questi motivi, credo che lo sviluppo di uno schema di certificazione alternativo, indipendentemente dalla funzione, dovrebbe essere discusso come un investimento strategico con un orizzonte di molto lungo termine.

READ  Scoperte tre nuove tipologie di parcheggi

In altre parole, non esiste una soluzione rapida qui, ma la soluzione è nella gestione continua a lungo termine e sostenibile, poiché in Norvegia abbiamo già costruito una reputazione globale per il nostro possesso.

Fatti sulla testimonianza:

MSC è ottenuto da un’azienda o organizzazione che assume volontariamente un ruolo Cliente Si avvale di una società di accreditamento indipendente per valutare le attività di pesca rispetto allo standard MSC. In Norvegia, la Federazione norvegese dei pescatori svolge questo ruolo per conto dell’industria norvegese della pesca selvaggia e nella cooperazione di finanziamento diretto con il Norwegian Seafood Council e i team di vendita.

DNV è l’agenzia di certificazione che è stata utilizzata principalmente per valutare la pesca. In altri paesi, ci sono singoli giocatori che certificano le proprie barche, mentre qui abbiamo un approccio comunitario che rende le certificazioni MSC aperte a Tutti Navi norvegesi che partecipano alla pesca certificata.

Il processo di certificazione dura circa un anno. Viene rilasciato un certificato per un periodo di cinque anni. Tuttavia, questo può essere sospeso in qualsiasi momento. Nella maggior parte dei certificati viene anche assegnato Termini Sono singoli punti in cui le attività di pesca non raggiungono il livello standard e ti vengono concessi cinque anni per risolvere il problema e documentare i progressi annuali. Il processo di certificazione è essenzialmente una revisione della letteratura della “migliore scienza disponibile” con un forte accento sui rapporti del CIEM e sulle informazioni supplementari che l’azienda di certificazione ottiene durante le riunioni con la direzione della pesca, il ministero del Commercio e dell’Industria (NFD) e la ricerca marina Istituto (HI).