Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pertanto, non condannano Putin – VG

Incontro: il presidente russo Vladimir Putin con i leader africani durante il vertice Russia-Africa a Sochi nel 2019.

Quando diversi paesi africani si rifiutano di condannare la guerra di Putin in Ucraina, segue una certa logica storica, afferma lo studioso africano Andrew Tisci.

Inserito:

Quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato se incolpare la Russia per la crisi umanitaria in Ucraina, un gran numero di paesi africani si è astenuto.

Mentre la risoluzione, adottata a marzo, è stata sostenuta da 140 paesi, 5 paesi hanno votato contro e 38 paesi si sono astenuti.

Tra coloro che si sono astenuti dal voto c’erano la Cina e 17 paesi africani.

Tra questi paesi ci sono Sud Africa, Burundi, Senegal, Sud Sudan, Uganda, Mali e Mozambico.

Abbiamo trovato la spiegazione in gran parte nel recente passato, dice a VG Andrew Tchie, ricercatore senior del Peace, Conflict and Development Research Group presso l’Istituto norvegese di politica estera (Nupi).

– Molti paesi del continente hanno legami storici con la Russia, soprattutto perché la Russia l’ha sostenuta nella sua lotta per l’indipendenza. Gli esempi classici qui, dice il ricercatore, sono lo Zimbabwe e il Sud Africa.

Il Sudafrica è uno dei sei paesi del Sudafrica in cui il movimento di liberazione ha legami con l’ex Unione Sovietica. L’analista ha indicato che tutti e sei i paesi si sono astenuti dal voto Adeoye ved Casa Chatham in francese RFI.

mercenari russi

La presenza russa in Africa è esplosa da quando la Russia è entrata per la prima volta in Ucraina nel 2014.

READ  Alcuni risultati incoraggianti

I mercenari russi sono presenti in più di 20 paesi africani, secondo l’esperto russo Jacob Hidenskoog.

– La Russia sfiderà gli Stati Uniti e l’Occidente in vari campi. Non importa se si trova in Ucraina e in Europa, in Siria e in Medio Oriente o in Africa, ha detto Hidenskoog all’agenzia di stampa TT.

Il Mali è uno dei paesi africani in cui ora si trova la Russia stessa.

Secondo quanto riferito, i mercenari del gruppo paramilitare russo Wagner stanno ora lavorando con le forze maliane, tra le altre cose aiuto attuale. Lo studioso Hedinskog afferma che il gruppo Wagner ha stretti legami con il regime di Putin NTB.

Si dice che mercenari russi siano stati coinvolti nell’uccisione di 300 civili nella città di Mora, in Mali, alla fine di marzo, scrive. Human Rights Watch.

Russia in Mali: L’esercito russo è in Mali, questa foto dovrebbe mostrare, come pubblicato dalla Difesa francese.

Si è anche astenuto dal votare al referendum in Crimea

Appena tre giorni dopo l’invasione, l’Unione Africana ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna con fermezza gli attacchi russi all’Ucraina e chiede un cessate il fuoco immediato.

Ma subito dopo, il ministero degli Esteri sudafricano lo ha modificato dicendo che la risoluzione dell’Onu non “crea un ambiente produttivo per la diplomazia”.

Anche quando la Russia ha annesso la Crimea, il Sudafrica si è astenuto dal votare alle Nazioni Unite.

Russia e Sud Africa fanno parte della cosiddetta comunità BRICS di cinque paesi con economie in rapida crescita, insieme a India, Cina e Brasile.

Quest’ultimo è stato l’unico paese del gruppo BRICS che ha votato per condannare la guerra russa.

READ  - Sembra che siano stati portati a dormire - VG

Lo studioso nubiano afferma che molti sudafricani si sentono storicamente grati ai russi.

Quando l’ANC ha voluto porre fine all’apartheid in Sud Africa, si sono rivolti alla Gran Bretagna, ma sentivano che gli inglesi gli avevano voltato le spalle. D’altra parte, la Russia era pronta ad aiutare, sia con le armi che con l’addestramento militare. Inoltre, la Russia non ha avuto il pesante background di potenza coloniale, dice Tchie a VG.

Il ricercatore nubiano ritiene che il fatto che la Russia abbia accordi con diversi paesi africani, dove scambiano addestramento militare russo e armi contro risorse naturali africane come l’oro, non sia cosa da poco.

“Grazie, Wagner”: i manifestanti in Mali tengono un cartello per ringraziare il gruppo paramilitare russo.

Non comprare soluzioni occidentali

Un punto importante per il Sud Africa è che il Paese non vuole essere messo sotto pressione dal modo in cui l’Occidente guarda alla Russia e al mondo, spiega il ricercatore di Nupi per VG. Molti paesi del continente sentono di essere stati trattati in precedenza come pezzi unici nel gioco tra l’Occidente, la Russia o altre grandi potenze.

Il fatto che il Sudafrica, ad esempio, non si sia schierato dalla parte dell’Occidente contro la Russia, non significa che appoggi la guerra. Vogliono calmare la situazione e non necessariamente accettano l’approccio occidentale di integrare le armi come soluzione al conflitto.

Tchie spiega a VG che i paesi africani che si astengono dal schierarsi qui eviteranno di essere catturati nel mezzo di un conflitto tra Occidente e Russia.

– È importante ricordare che non c’è stato un “sì” al “no” nel voto di condanna – è stato un “sì” e coloro che si sono astenuti.

READ  Il governo sta estendendo il sistema di compensazione per quattro mesi - E24