Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Petrolio e produzione di petrolio | Lan Marie Berg ha massacrato un rapporto sul petrolio che non hai letto

Il profilo MDG ha affermato che il rapporto sul petrolio non aveva credibilità, senza leggere il rapporto. crea reazioni.

Martedì mattina, Rystad Energy ha presentato un tanto atteso rapporto di 52 pagine sulle conseguenze climatiche della riduzione della produzione norvegese di petrolio e gas.

Il rapporto aveva già suscitato polemiche due settimane prima della sua pubblicazione, con l’ospite Frederic Solvang che ne aveva fatto riferimento nel dibattito del leader del partito sulla NRK. Questo ha lanciato bruscamente gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, tra le altre cose.

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio pensavano che fosse un disastro usare un rapporto inedito che nessun altro aveva la possibilità di leggere. Ma quando il rapporto è stato finalmente pubblicato, uno dei punti salienti del partito lo ha contattato senza prima leggerlo.

Il rapporto non ha credibilità

Martedì mattina, mentre era ancora in corso la presentazione del rapporto Rystad, Lan-Marie Berg, il primo candidato all’Obiettivo di Sviluppo del Millennio di Oslo alle elezioni parlamentari, ha inviato un’e-mail contenente una forte critica nei confronti del rapporto:

– La lobby petrolifera ha pubblicato un altro rapporto dicendo che sta spingendo per la distruzione del mondo. Questo rapporto non ha credibilità. Questa non è una ricerca sottoposta a revisione paritaria, ma un lavoro commissionato e pagato dalla lobby petrolifera, per far deragliare il dibattito sul clima due settimane prima delle elezioni.

Un certo numero di citazioni abbastanza simili e identiche sono state inviate ai media norvegesi e la critica di Berg ha raccolto grande attenzione, tra le altre, VG, Dagbladet, DN e Nettavisen.

READ  I club della Premier League non rilasceranno giocatori per gli incarichi delle nazionali

Yarand Rystad, direttore di Rystad Energy, che ha redatto il rapporto, si è subito opposto, negando che la sua azienda facesse parte della “lobby del petrolio”.

Berg non aveva letto il rapporto

L’e-mail con le citazioni è stata inviata l’11.49. All’epoca Garand Rystad non aveva terminato la presentazione.

Poche ore dopo, Netavisen ha contattato il consigliere di Berg, Sunder Buchanan. Abbiamo chiesto se lo stesso Berg avesse letto il rapporto quando è uscita la trama.

– I consulenti di Lan stanno esaminando il rapporto, ma nel primo suggerimento ci siamo concentrati su chi ha ordinato il rapporto e le conclusioni che erano note in precedenza, ha detto Sindre Buchanan, un consulente di Berg per telefono.

Abbiamo ripetuto la domanda per iscritto poco dopo, se Berg avesse letto il rapporto e come potesse dire che il rapporto era “non credibile” quando non lo aveva letto.

La risposta è arrivata via email dopo un po’, ed è lo stesso Berg a dire questo:

– L’esito principale del controverso rapporto Rystad era già noto durante il dibattito del leader della NRK due settimane fa. I tagli alla produzione petrolifera norvegese dovrebbero aumentare le emissioni globali, un punto di discussione noto dalla lobby petrolifera da molti anni, ma privo di significato nel mondo reale in cui petrolio, carbone e gas stanno causando la crisi climatica. Siamo coinvolti.

– Ancora una volta abbiamo ricevuto un rapporto dalla lobby petrolifera che afferma che sta spingendo la Norvegia a distruggere il mondo. Il fatto che il rapporto sia stato presentato meno di due settimane prima delle elezioni conferma che l’obiettivo è nascondere il fatto che la Norvegia è l’ottavo più grande inquinatore di anidride carbonica al mondo.

READ  Azioni, eventi che si adattano all'8 luglio

Leggi anche: Obiettivi di sviluppo del millennio: mostra che il governo è disperato

Quindi sarà una battaglia di propaganda

In qualità di capo della divisione petrolio e gas norvegese, Anneken Hoogely ha commissionato il rapporto a Rystad Energy:

Spero che Berg abbia letto il rapporto prima di commentarlo. L’Obiettivo di Sviluppo del Millennio, che vuole chiudere l’industria più redditizia della Norvegia, dovrebbe essere anche la parte più preoccupata per le conseguenze di tale politica, ha detto Hawgley a Netavisen.

Quando esci duro, questa è una valutazione preliminare in cui è finita prima che il rapporto sia pronto. Allora questa sarà solo una battaglia di propaganda piuttosto che una discussione sui fatti, afferma Keitel Solvik Olsen, vice leader del Partito del progresso.

Anniken Hauglie nota che lo stesso Rystad è abbastanza aperto alle ipotesi e alle analisi che sono state fatte, e chiaramente vogliono critiche e dibattiti professionali.

Ci sono stati alcuni ambienti analitici e professionali che hanno esaminato l’impatto delle riduzioni della produzione di petrolio e gas in Norvegia sulle emissioni globali di gas serra, e spero che possiamo avere buone discussioni sul contenuto effettivo della relazione.

Hauglie spera che il rapporto Rystad contribuirà al dibattito:

Se vogliamo ridurre le emissioni di gas serra il più rapidamente possibile, è importante utilizzare come base dati e analisi e spero che questa relazione possa essere un contributo importante a questo dibattito. Spero che Berg sarebbe interessato a discuterne.

Leggi anche: SV vuole testare la pressione dell’olio

Dibattito sul mondo desiderato

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio danno l’impressione di essere interessati alla ricerca e alla scienza. Poi è triste che rapporti così importanti vengano trattati con un comunicato stampa prescritto. Il rapporto meritava una risposta più completa, perché questo incide notevolmente sui punti focali dell’economia norvegese e della politica climatica, e questo vale indipendentemente dalla situazione politica, afferma Solvik Olsen.

READ  Keros nomina Malcolm Theobald presidente del Nord America

Ola Burton Mo, vice leader del Partito di Centro ed ex ministro del Petrolio e dell’Energia, non è rimasto sorpreso da questa mossa:

Sfortunatamente, il dibattito sul clima riguarda il mondo così com’è, ma più che altro su come vogliamo che sia. Per quanto riguarda il partito di centro, è importante attuare misure che funzionino davvero mentre ci occupiamo dell’industria norvegese e dei posti di lavoro norvegesi.

Il dibattito ora deve ruotare più su cosa dovremmo fare che su cosa non dovremmo, secondo Borten Moe:

Ci sono enormi quantità di nuove energie rinnovabili che entreranno nei mercati energetici globali in modo sostenibile se il mondo vuole raggiungere i suoi obiettivi climatici. Dovremmo dedicare più tempo e sforzi a come raggiungere questo obiettivo che a discutere cosa non fare.

Lan Marie Berg è stata criticata per lo schema. Alla critica non è stata data risposta entro il termine fissato da Nettavisen.