Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Più talento ora, ma forse non la stessa unità – VG

Squadra 2000: Toure-Andre Flo, Andre Bergolmo, John Carew, Björn Otto Bragstad, Dan Eigen, Staley Solbakken, Stig Eng Björnby, Ole Gunnar Solskjaer, Thomas Mahre, Stephen Iversen e Eric Mikland.

Sono passati 21 anni dall’ultima volta che la Norvegia ha vinto il torneo. Martedì sera, la siccità potrebbe essere finita quando i nostri migliori uomini incontreranno l’Olanda in una partita cruciale per un posto per la Coppa del Mondo in Qatar.

Inserito:

Sfortuna, incompetenza o contrattempo? Sono passati 21 anni dall’ultima volta che la Norvegia ha giocato un torneo. Coloro che hanno suonato all’epoca spiegano perché la Norvegia non ha funzionato e danno un ultimo consiglio alla troupe di stasera.

“Prima eravamo giocatori molto migliori”, ha scherzato l’allenatore del Sogndal Eric Paquet quando gli è stato chiesto perché la Norvegia non fosse riuscita a qualificarsi per un torneo dal 2000.

Il VG ha convocato tutti i giocatori della nazionale norvegese che ha giocato 0-0 contro la Slovenia a Euro 2000. È l’ultima partita del torneo per la nazionale di calcio maschile della Norvegia. Da allora, è diventato solo Circa.

– Perché non funziona dal 2000?

– Ci sono cose diverse. Questo perché uno potrebbe non essere stato abbastanza bravo. Quindi c’è persistenza in situazioni critiche, qualche incompetenza e incidenti in alcune qualifiche. Non credo che sia una storia da portare con noi, dice il manager della nazionale Stal Solbakken prima delle cruciali partite di qualificazione.

La Norvegia può, martedì sera, andare al Mondiale in Qatar battendo l’Olanda a Rotterdam. Calcio d’inizio 20.45 e VGTV inizia a prepararsi con le formazioni delle squadre e le trasmissioni con gli esperti in studio dalle 19:30.

Leggi anche: Ecco come la Norvegia può andare al Mondiale

Capitano: Ståle Solbakken era il capitano l’ultima volta che la Norvegia ha giocato una partita del torneo.

– Una generazione con molti buoni giocatori

Henning Berg, che ora allena la Grecia Omonia e che si è seduto in panchina contro la Slovenia, fa riferimento alle generazioni “d’oro”.

Con piccoli paesi calcistici come la Norvegia, ci vorranno alcune generazioni per pensare a quando hai una squadra di alto livello o meno. Sono stato un po’ fortunato e facevo parte di una generazione con tanti buoni giocatori, racconta Berg a VG e continua:

READ  Beckham offre offerte allettanti a Messi

Quello che è stato realizzato in nazionale dal 90 al 2000 è stato di alto livello internazionale. C’erano giocatori che hanno giocato per grandi club all’estero e squadre norvegesi di successo in Europa, come Rosenborg e Molde. Ma prima di tutto, è stato con giocatori di grandi club e campionati importanti.

Berg è supportato da alcuni dei suoi ex compagni di squadra. Bjørn Otto Bragstad, Dan Eggen, Vidar Riseth e Vegard Heggem tirano fuori il lato generazionale quando VG fa la stessa domanda.

Stig Inge Bjørnebye fa lo stesso, aggiungendo un altro aspetto: le ambizioni.

Non credo che abbiamo fatto abbastanza per attaccare il livello di ambizione del calcio norvegese. L’ultima volta che l’ho detto, ho taciuto molto, ma questo non mi fa cambiare idea, dice Bjørnebye a VG.

CASA DI SPAGNA: Thomas Mayer salva le gambe della superstar spagnola Raul durante il Campionato Europeo 2000. La Norvegia ha vinto 1-0.

Thomas Maier, che ha segnato in 56 presenze dal 1998 al 2007, crede che le personalità forti fossero disposte a sacrificarsi per la squadra. Crede che questa sia una cosa unica creata da Egil Olsen.

È facile buttarsi nel fatto che “prima era tutto meglio”, ma io non lo sono tanto. Il calcio va avanti. Mehri dice che a volte siamo stati vicini, ma non siamo riusciti a fare il passo.

– Ciò che distingue la banda nata con Drillo nel -94, di cui poi è entrata a far parte, era un gruppo di giocatori molto forte. Era una mentalità vincente in cui credevi che avresti vinto, non importava chi avessi incontrato. È un po’ difficile da spiegare, aggiunge.

– Maggior grado di tipi di guida

– Non siamo stati abbastanza bravi. Abbiamo perso tutte le partite decisive dei playoff, Kajil Rikdahl risponde in modo familiare prima di continuare:

Abbiamo avuto un maggior grado di tipi di leader nella squadra che volevano andare avanti. Ora abbiamo ragazzi in grandi club. Eravamo in pochi a giocare in grandi club, ma alcuni di noi hanno giocato in nazionale come punto di partenza.

READ  Non ci saranno progressi tecnici - VG

L’allenatore dell’HamKam ritiene che negli ultimi 21 anni potrebbe esserci un cambiamento negli stili di personalità della squadra nazionale.

Ora ci sono giocatori consolidati nei grandi club, mentre noi non c’eravamo. C’è più talento ora, ma forse non la stessa unità forte, dice l’uomo che ha segnato contro il Brasile nel 1998.

Vede il cambiamento: Kjetil Rekdal cita i tipi di leader come una delle ragioni del suo successo nel 2000, ma non da allora.

I giocatori esterni indicano specificamente il numero della squadra 2000 come parallelismo tra allora e oggi, e parte del motivo per cui non ha avuto successo in più di 21 anni.

– Nel periodo in cui eravamo, avevamo molte persone che suonavano all’estero. Poi abbiamo giocato nei campionati dove abbiamo incontrato giocatori che erano migliori di noi ogni settimana. Abbiamo giocato duro e abbiamo dovuto “spingerci” per migliorare sempre di più. C’è una differenza tra il campionato norvegese, i comitati inglese, spagnolo e italiano in cui abbiamo giocato, dice Riseth a VG.

È supportato dal suo ex collega Rosenborg, Bent Skammelsrud:

In termini di giocatori, avevamo un’ottima rosa, soprattutto in termini difensivi. Poi ha oscillato molto negli ultimi anni. Se stai andando a un torneo, l’intero gioco di gruppo dovrebbe essere molto più fluido. Ma ora possiamo tornare un po’ indietro. Abbiamo anche una star mondiale. “È passato molto tempo dall’ultima volta che abbiamo avuto un buon giocatore come Haaland”, afferma Scamelsrud.

Il veterano della RBK Roar Strand fa un ulteriore passo avanti e invia un piccolo morso alla banda che ora è fuori e sta cercando di qualificarsi.

– Hanno giocatori individuali, ma la squadra non è all’altezza di noi, dice Strand e aggiunge che ci sono stati sempre dei margini e che la nazionale ora ha qualcosa di molto buono da fare.

In testa c’era un allenatore

Berg crede che negli anni dal 1990 al 1998 sia stato Eagle “Drillo Olsen” ad allenare la squadra norvegese, e anche lì c’è stato qualche successo.

Avevamo un allenatore che era in prima linea nello sviluppo tattico in Drilo. Questo ci ha poi aiutato a prendere provvedimenti per unirci ai grandi club. Abbiamo imparato molto da lui.

READ  Stefan Strandberg del calcio italiano - firmato per la Salernitana - Dagsavisen

Ora il capitano Solbakken guida la squadra. Berg è positivo sull’ingresso di Solbakken.

Penso che la nazionale norvegese sia migliorata negli ultimi anni. Penso che Lagerbäck si sia sistemato molto, e penso che Ståle abbia aggiunto qualcosa in termini di tattica, ma anche un po’ di mentalità, interazione e spirito di squadra.

E il collega allenatore Pak afferma che lo stesso Solbakken, facendo parte della squadra nel 2000, può contribuire positivamente.

– Sembra che abbiano trovato una formula che li renda più uniti. Almeno ora abbiamo delle possibilità. Ståle c’è stato prima e penso che sia importante recuperare coloro che sanno come farlo, dice l’uomo che ha commerciato dentro e fuori la Slovenia nel 2000-EM.

Leggi anche

Ecco come la Norvegia può andare al Mondiale

– Al suo meglio, la Norvegia può battere tutti

Se questo è il primo torneo norvegese dal 2000, la Norvegia dovrebbe battere l’Olanda in trasferta a Rotterdam martedì.

Ma se la Norvegia è riuscita a qualificarsi per il torneo in Qatar, i campioni del 2000 sono diversi.

– Quando guardi alla squadra, ci sono molti buoni giocatori. Penso che sia più bello guardare la Norvegia ora di quanto lo fosse quando abbiamo giocato. Penso che sarà difficile, ma ci voglio davvero credere, ha detto l’ex portiere della nazionale, Frode Olsen.

D’altronde Praguestad crede nella squadra norvegese, così come Scamelsrud.

Al suo meglio, la Norvegia può battere tutti. Anche l’Olanda in trasferta. Quindi il consiglio dovrebbe essere che nulla è impossibile. Ma poi tutti devono alzare il proprio livello. Questo è ciò che separa la pula dal grano. La Norvegia non c’era da un po’. È importante cogliere l’opportunità quando la si ottiene ora, afferma Skammelsrud quando gli viene chiesto se ha qualche consiglio per i giocatori che ora proveranno a fare la stessa cosa che lui e il resto della squadra hanno fatto nel 2000.

La stessa domanda è stata posta da tutti gli altri ex giocatori di VG, e molti erano d’accordo con Vidar Riseth:

– Devo dare loro qualche consiglio. Solbakken lo sa così bene che sta andando bene. Il mio consiglio è di ascoltare Ståle. Se lo fanno, andrà bene, dice.

Nota: Eric McClelland, Stephen Iverson, Tori-Andre Flo, Jon Caro, Ole Gunnar Solskjaer, Morten Buck, Trond Andersen e Jon Arne Reese non hanno ancora risposto alle domande di VG in questo numero.

Segui le partite della Norvegia di martedì:

18.00: lo so Azerbaigian e Norvegia, qualificate agli Europei Under 21, in diretta su VG+Sport.

20.45: seguire su Olanda vs Norvegia, partita di qualificazione ai Mondiali in diretta su VG Live qui – Viene trasmesso su VGTV da ca. 20.35. La partita sarà trasmessa su TV 2.