Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Apple accusa Apple di “rubare” entrate agli sviluppatori

Apple accusa Apple di “rubare” entrate agli sviluppatori

Il giornale ha recentemente accusato Apple Forbes Per “rubare” i profitti da una serie di importanti app in abbonamento. Apple sta ora rispondendo e crede che questo non fosse un segreto e che non sia stato fatto all’insaputa degli sviluppatori.

Il processo descritto da Forbes è un po’ complicato. Secondo fonti anonime con cui ha parlato il giornale, si dice che Apple abbia acquistato spazi pubblicitari su Google, che è collegata alle app in abbonamento sull’App Store.

Lo scopo avrebbe dovuto essere quello di convincere gli utenti a registrarsi al servizio tramite le soluzioni di pagamento di Apple, piuttosto che iscriversi direttamente con l’azienda. Secondo loro, questo era per la pubblicità che li indirizzava all’elenco dell’App Store, piuttosto che ai siti Web degli sviluppatori. In questo modo, Apple ne trarrà il massimo.

Secondo Forbes, questo deve essere successo per almeno due anni e ha interessato app come Tinder, HBO e Masterclass.

Lunedì, Apple ha detto Cammello Che ciò che è stato descritto come acquisizioni nascoste o segrete era una “classificazione errata” e che gli stessi sviluppatori erano a conoscenza degli acquisti pubblicitari.

Secondo loro, sono in costante contatto con gli sviluppatori, che sperimentano l’aiuto degli sviluppatori come supporto positivo. Ogni annuncio deve essere chiaramente contrassegnato come dall’App Store.

È risaputo che Apple richiede una grande quantità di guadagni per gli sviluppatori tramite l’App Store. In effetti, richiede il 30 percento delle entrate generate tramite l’App Store nel primo anno e il 15 percento negli anni successivi.

Ma dopo molte pressioni, Apple ha aperto quelle che chiamano “app per lettori” per poter aggirare la soluzione di pagamento dell’App Store. Ciò significa che aziende come HBO, Netflix e Spotify saranno in grado di ottenere le proprie soluzioni di pagamento di terze parti eludendo completamente le commissioni di Apple e mantenendo tutti i profitti stessi.

Le app per iPhone che offrono abbonamenti ai servizi in corso possono instradare i pagamenti tramite Apple o, se hanno più modi per fornire un servizio, possono addebitare i clienti sui loro siti web. Se le app seguono il percorso standard e addebitano i clienti sulla piattaforma Apple, Apple ottiene una riduzione del 30% delle entrate per il primo anno e una riduzione continua del 15% per ogni anno successivo.

Tuttavia, se aziende come Amazon o HBO vendono un servizio in esecuzione sui loro siti Web, possono eludere le commissioni Apple e riscuotere tutte le entrate. Quindi, ci sono molte grandi app di abbonamento che semplicemente non offrono acquisti di abbonamenti diretti tramite app, perché devono quindi condividere i profitti con Apple.

READ  Qual è la possibilità di vita sulla luna di Saturno Encelado?