Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Rivoglio la mia vita – VG

Lista d’attesa per i vaccini: Nina Petuchnig, 25 anni, si mette alla prova ogni giorno che va a lavorare in un ristorante di Vienna. Ora che a malapena le è permesso di uscire di casa perché non è più immune, prenderà la prima dose.

Vienna (VG) Le persone non vaccinate in Austria sono ora eccezionalmente autorizzate a lasciare le loro case. Per godersi i mercatini di Natale a Vienna, devi solo dimenticare.

Gli ispettori in giacca bianca si trovano davanti a tutti gli ingressi del più grande mercatino di Natale di Vienna a Rathausplatz. Non sono del tutto escluse le decorazioni natalizie, con ghirlande luminose su tutti gli alberi e gli arbusti.

Ma il mercato non è per tutti.

Da lunedì, alle persone non vaccinate di età superiore ai 12 anni sarà vietato l’accesso a qualsiasi cosa, dai negozi di abbigliamento e ristoranti al centro fitness, ai matrimoni e ai mercatini di Natale. Neanche l’incoronazione negativa appare più. Per chi infrange il lockdown o si rifiuta di farsi controllare dalla polizia, può già essere prevista una multa di 1.450 euro, più di 14.000 NOK.

È la risposta dell’Austria alla quarta ondata e ai peggiori tassi di infezione fino ad oggi nell’epidemia.

Secondo l’agenzia di stampa APA, circa due milioni di persone saranno colpite dal nuovo blocco dei non vaccinati in Austria. Lunedì pomeriggio qualcuno si è messo in fila fuori dal mercatino di Natale per prendere la prima dose.

“Voglio indietro la mia vita e non passo ogni minuto da sveglio a capire se posso andare da qualche parte”, dice Nina Petauchnig (25) a VG.

65,28 per cento dell’Austria Totale La popolazione è stata completamente vaccinata contro 70 per cento in Norvegia.

Petautschnig lavora in un ristorante e finora ha dovuto mettersi alla prova ogni giorno per andare al lavoro. Prima di ogni turno di notte, si filma mentre fa un test della corona, che viene consegnato al supermercato e ritirato dal laboratorio. Il capo deve avere una guida ogni giorno prima di poter venire al lavoro.

È il lockdown che ora fa stare Petautschnig nella lista d’attesa del vaccino.

– Penso che ci fosse molta pressione. Volevo l’opportunità e il tempo per pensare e prendere una decisione da parte mia, dice a VG.

Non fatto in fretta: lunedì VG ha incontrato persone che facevano la fila al freddo da diverse ore per prendere la loro dose. Tuttavia, la maggior parte delle persone con cui abbiamo parlato ha detto che erano lì per una dose di tre.

Petautschnig riferisce che si testa regolarmente e che qualcosa non ha bisogno di essere vaccinato. Ma ora che non può fare altro che andare al supermercato o in farmacia, si sente sotto pressione per farsi vaccinare.

– Non ho problemi con il vaccino in sé, non ho paura di quello che c’è dentro, ma non sono felice di prenderlo, dice il 25enne.

peggio che mai

A poco più di 100 metri all’interno del mercatino di Natale, Alexandra Prader vende orsacchiotti di Natale bianchi lucidi. Ha dovuto mostrare il suo passaporto Corona per andare al lavoro. Ora ha un segno verde intorno al collo che dice che è tra quelle accettate.

READ  - È troppo pesante per me - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da diverse parti del paese
Passaporto verde: Alexandra Prader ha una carta verde al collo contrassegnata da una “M” – prova che è un’entrata approvata e opera nel mercato.

Ci sono grandi pericoli in questa regione, con Vienna e in tutta l’Austria. È peggio qui che a casa, dice Prader a VG, e io sono italiano.

Per quanto riguarda i tassi di infezione che sono davvero aumentati in Austria:

I numeri in Austria sono in aumento e sono più alti che mai. Questo è comprensibile, afferma il venditore di mercato Prader a proposito del passaporto Corona.

– Non è un grosso problema, secondo me, ma ci sono altri che la vedono in modo diverso, dice il venditore Prader.

Dover sfoggiarlo per andare in tutto, dai ristoranti alle discoteche, è diventato parte della vita di tutti i giorni. Anche questi turisti al mercatino di Natale sono venuti con le loro Corona Card:

Turisti: le greche Anastasia e Angelina in visita prenatalizia a Vienna. Dicono che sia un po’ fastidioso dover mostrare ovunque documenti d’identità e passaporti coronarici, ma la navigazione è facile per chi è stato vaccinato.

Ma anche la nuova vita quotidiana divisa in due parti ha incontrato resistenza.

Incoraggia a fingere

Il Partito della Libertà nazionalista di destra, il terzo più grande in Austria, ha indetto manifestazioni per sabato prossimo.

C’erano già manifestazioni a Vienna, prima dell’introduzione delle nuove regole:

In segno di protesta: quando domenica è stato annunciato il blocco per i non vaccinati, c’è stata una manifestazione nella Ballhausplatz di Vienna. Lunedì 15 novembre è iniziata la chiusura dei non vaccinati.

Il leader del partito FPÖ Herbert Kekel, noto per essere un critico delle misure Corona, è uscito domenica sera e ha affermato che l’Austria ora aveva un “regime di apartheid corona”.

READ  Paura di una nuova ondata coronale: - Questa è una pandemia tra i non vaccinati

Ha più volte dichiarato pubblicamente che non vuole essere vaccinato, ma che comunque non sarà interessato dalle restrizioni. Lunedì i risultati dei test sono stati positivi per Corona. E coloro che hanno contratto il COVID-19 negli ultimi 180 giorni non dovrebbero trovarsi in una situazione di isolamento con persone non vaccinate.

INTRODUZIONE GRATUITA: I turisti pakistani Arqam e Zoya sono completamente immunizzati e quindi arrivano ovunque, insieme a coloro che hanno contratto il virus COVID-19 negli ultimi 180 giorni.

La maggior parte parla con VG sulla lista d’attesa del vaccino fuori mercato, lì per la sua terza dose. È anche Robert Strebel (62), poco generoso nel giudizio sulle nuove regole.

– Penso che chiudere i non vaccinati sia una sciocchezza (o “nonsense” che è la parola che ha usato in inglese).

Non riesce proprio a capire perché così tanti non siano vaccinati, ma teme ancora le conseguenze di una società ormai divisa in due.

Paure logoranti: Robert Strebel (62) ritiene che il nuovo blocco stia aumentando le tensioni tra persone vaccinate e non vaccinate. Lui stesso si è messo in fila per una dose di tre lunedì.

La gente si arrabbia con le persone che non sono state vaccinate. Anche io, perché non lo capisco. Ma se ti piacciono le autorità, con i non vaccinati chiusi, è pericoloso per la società, dice Streibel a VG.

Poi resta da vedere l’effetto della chiusura. Se porterà a ricevere più persone e se l’infezione si ridurrà o meno. Almeno le autorità sono state chiare nel loro messaggio che domenica bisognava fare qualcosa.

Mentre il tasso di infezione (il numero di persone infette per 100.000 negli ultimi sette giorni) è basso tra i vaccinati e si aggira intorno ai 383 nella fascia di età 18-50, continua ad aumentare significativamente tra i non vaccinati e supera i 1700 nei 18- 59 anni. Il cancelliere Alexander Schallenberg ha detto domenica che c’è una grande differenza tra questi gruppi.

“L’obiettivo è aumentare il tasso di vaccinazione vergognosamente basso”, ha detto Schallenberg. Giornale Cronin.