Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pochettino dice che il Chelsea deve trarre ispirazione dalla precedente sconfitta finale di Klopp e Liverpool

Pochettino dice che il Chelsea deve trarre ispirazione dalla precedente sconfitta finale di Klopp e Liverpool

– Ora dobbiamo andare avanti, ma loro (i giocatori) devono sentire il dolore, dice l'allenatore del Chelsea Mauricio Pochettino.

“Quando giochi per vincere il titolo non c'è niente che puoi dire per farli sentire meglio. Devono capire che dobbiamo lavorare, che dobbiamo fare le cose meglio e migliorare.

L'argentino fa paragoni con l'esordio di Jurgen Klopp ad Anfield, dove, tra l'altro, ci furono sconfitte in finale contro Siviglia e Real Madrid.

– Per competere a questo livello, devi sapere cosa significa giocare per un grande titolo. Ricordo che tre o quattro anni dopo (sotto Jurgen Klopp) il Liverpool perse la finale di Europa League e la finale di Champions League.

– Ma hanno continuato a credere nel loro progetto e sono diventati più forti ogni stagione finché non hanno ottenuto ciò che volevano. È un buon esempio e se vogliamo sfidare una squadra come il Liverpool dobbiamo continuare a credere in loro, questa è la cosa più importante.

Anche il Chelsea pensa di essere il migliore

Sul sito ufficiale del Chelsea, possiamo leggere che “I Blues hanno avuto le loro più grandi occasioni durante 120 minuti serrati, ma sono stati fermati da una serie di bandiere di fuorigioco, dal portiere del Liverpool Caoimhin Kelleher e dal telaio”.

– Penso che quella fosse la chiave.

– Abbiamo creato cinque o sei buone occasioni, ma non abbiamo segnato.

Conor Gallagher, Raheem Sterling e Cole Palmer non ci sono riusciti. Quando si è andati ai rigori, Virgil van Dijk ha spazzato via Wembley.

– In una partita come questa, in finale, la squadra che segna per prima ha un enorme vantaggio.

READ  Il triathlon di Miller è stato duro: il vincitore della medaglia d'oro è diventato storico

-Poi abbiamo subito un gol quasi all'ultimo minuto, quindi è stato difficile rispondere. Ma la finale conta vincere, non si tratta di parlare troppo di quello che sarebbe potuto essere, perché indietro non si può tornare indietro.

Il sentimento deve essere usato

Nella gabbia del Chelsea, Djordje Petrovic ha svolto la sua parte di compiti affinché potesse continuare a favore dei Blues.

– Per molti di noi era la prima finale, anche qui a Wembley. L'atmosfera era fantastica e ci sentivamo davvero come se i tifosi del Chelsea fossero con noi.

Dobbiamo sfruttare questa sensazione perché questa è una nuova generazione e vogliamo mantenere il successo di questo club.

Il serbo ora sceglie di guardare avanti dopo l'ultima fatica.

-Abbiamo lasciato tutto sul campo. La squadra ha fatto un grande sforzo e abbiamo avuto tante occasioni, abbiamo colpito il palo e abbiamo avuto occasioni per chiudere la partita, ma non ci siamo riusciti.

– Poi subiamo un gol nel finale e questi dettagli cambiano tutto perché non abbiamo tempo per impedire loro di alzare la coppa. Ora dobbiamo alzare la testa e pensare alla partita di mercoledì contro il Leeds perché per noi è una partita importante in FA Cup.

Al 24enne Petrovic mancano diversi anni per raggiungere un'altra finale, come gran parte del Chelsea e del Liverpool. Il 51enne Pochettino crede che ciò possa accadere.

-Mi sento allo stesso modo dei giocatori. Sono molto deluso, è molto doloroso. Sono quello che ha meno tempo per vincere titoli, e loro sono più giovani di me e hanno sicuramente tempo.