Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Possiamo ancora credere nella religione? – il nostro Paese

Sembra anche che molti nella Chiesa siano credenti parziali. Il 35% dei membri della chiesa risponde esplicitamente di non credere in Dio e il 18% crede, secondo un sondaggio della Chiesa di Norvegia, citato a Vartland, incluso il commento dell’11 giugno di Hans Andreas Starheim, che afferma che un cristiano culturale può essere pertinente e abbastanza generoso.

Un’altra osservazione interessante sullo stato di salute spirituale in Norvegia è stata fatta da Eric Varden, vescovo cattolico di Trondheim, nel libro “Faith on Easter in Plague”, discusso in VL il 18 giugno. Fardeen chiede: “Cosa dice del modo in cui viviamo e trasmettiamo la convinzione che i nostri contemporanei lo considerino irrilevante?” Afferma che “i futuri studiosi rimarranno stupiti dal fatto che le fondamenta di un cristianesimo millenario scompaiano dalla nostra coscienza così rapidamente”.

L’importanza della fede nel nostro tempo è quindi messa in discussione nonostante le ricche tradizioni culturali della religione, le magnifiche cattedrali e gli importanti riti della vita. Molti dicono che la vita va bene, forse meglio, senza Dio e la religione. Il 14% dei norvegesi pensa anche che sia una buona idea credere in un Creatore senza religione (Aftenposten 22 marzo 2016). Ma vedi che la religione ha diritto alla vita e può anche desiderare il suo risveglio; Cosa serve per essere rilevanti e importanti?

Ecco alcune idee, colorate dall’ultima religione mondiale, la Fede Bahá’í (da cui sono tratte le citazioni senza farvi riferimento). Ha le sue origini nel Bab e Bahá’u’lláh e risale al 1844 e sostiene che il rinnovamento della religione è una caratteristica dinamica della storia.

1. Deve essere importante

L’ex vescovo Bear Loening una volta disse, in risposta a domande critiche su tutte le cose sbagliate che sono accadute in nome della religione, che “gli edifici alti proiettano la loro ombra più lunga”. Nella buona e nella cattiva sorte, la storia umana è una storia sulle grandi religioni e su come le persone percepiscono e praticano gli insegnamenti del fondatore della loro religione. Le religioni hanno creato civiltà che continuano a dividere il mondo in sfere culturali distinte.

ma oggi? A livello personale, ci aspettiamo che la religione arrivi alla radice del motivo. Deve essere in grado di risvegliare la capacità di “amore, tolleranza, creatività, grande coraggio, superamento dei pregiudizi e sacrificio per il bene comune”. Dovrebbe essere in grado di fornire una visione istruttiva e motivante delle domande esistenziali su chi sono, perché sono e dove sto andando.

Ideologie come il capitalismo e il socialismo hanno rivelato che gli ideali materialistici non sono riusciti a soddisfare i bisogni dell’umanità. Gli sforzi per sradicare il razzismo, le differenze ingiuste tra ricchi e poveri, la distruzione dell’ambiente ecc. sembrano non avere alcun effetto se non sono radicati nella consapevolezza spirituale e nella virtù morale.

Il [religionen] Essere in grado di fornire una visione guida e motivante sulle domande esistenziali su chi sono, perché e dove sto andando.

Thor Henning Leerstad

2) Deve riconoscere l’unità delle religioni

Oggi, una visione del mondo che enfatizzava la disuguaglianza e l’ortodossia può essere sostituita da una visione che è più interessata all’apertura che al diritto ad essere indipendenti e distinti. Ci sfida non solo ad essere tolleranti nei confronti degli altri credenti, ma a realizzare che Cristianesimo, Islam, Ebraismo, Buddismo e Induismo sono veri capitoli dello stesso libro.

Le dichiarazioni dei suoi fondatori propugnavano una dottrina coerente e progressista che, secondo Gesù nel Discorso della Montagna, veniva «non ad abolire, ma a completare». Tutti credono nello stesso Dio. Ognuno si arricchisce imparando le credenze e le esperienze degli altri sullo sviluppo spirituale e sulla ricerca quotidiana dei più alti livelli di amore, conoscenza e volontà, l’immortalità dell’anima e il potere della fede per costruire la comunità. “La religione è l’espressione manifesta della Verità Divina”, secondo Abdu’l-Bahá. “Pertanto, deve essere vivo, energizzato, mobile e progressivo. È privato della vita divina se è statica e non progressiva. È morto”.

Ideologie come il capitalismo e il socialismo hanno rivelato che gli ideali materialistici non sono riusciti a soddisfare i bisogni dell’umanità.

Thor Henning Leerstad

3) Essere coerenti con la scienza

Ai critici della religione piace dire che la religione riguarda la fede cieca, che la ragione è sfruttata e che Dio è un prodotto della debolezza umana. A volte la critica è valida. La credenza può essere cieca e irrazionale, e può anche essere ingannevole e pericolosa. L’intelligenza e la ragione, “il più grande dono di Dio all’uomo”, richiedono che la fede sia cosciente e non arbitraria. La verità è una. Pertanto, religione e scienza devono armonizzarsi.

Gli scritti bahá’í affermano che “la religione che non va di pari passo con la scienza si trova nell’oscurità della superstizione e dell’ignoranza” e “quando la religione si oppone alla scienza, diventa mera superstizione”.

4) Deve essere globale

L’importanza della religione nel nostro tempo sarà valutata anche sulla sua capacità di abbracciare oltre i confini settari e nazionali. Sarà rilevante e assicurato per le persone in Uganda e Vietnam come lo è in Norvegia? Nel complesso, è chiaro che l’umanità è in procinto di riconoscere di essere una e che la visione futura è di passare dall’unità nazionale all’unità globale. “È veramente un uomo che si dedica oggi al servizio di tutta l’umanità”. Sostiene una pratica religiosa che mostri vera solidarietà tra religione, cultura, razza e classe sociale. Gli individui, le istituzioni e le società devono imparare ad assumersi la responsabilità del benessere delle persone in tutto il mondo. “Fai molta attenzione alle esigenze del tempo in cui vivi.”

A volte la critica è valida. La credenza può essere cieca e irrazionale, e può anche essere manipolativa e pericolosa.

Thor Henning Leerstad

5) Regnare senza sacerdoti

Un’idea per l’anniversario di Hans Nielsen Hauge; Sosterrebbe oggi che il seguito naturale alla rimozione dell’etichetta religiosa è che la religione non è più governata da professionisti, che il potere e l’autorità non dovrebbero essere attribuiti agli individui, e quindi il sistema clericale dovrebbe essere abolito?

6) Devi fare ciò che prometti

Gesù ci ha ricordato il modo più importante per verificare se una religione è vera: “Dai loro frutti li riconoscerete. Raccoglierà l’uva dai cardi o i fichi dai cardi. “Gli scritti bahá’í affermano che “Se la religione diventa una causa dell’odio e della divisione, si sta meglio senza di essa”. Qualsiasi religione che non sia motivo di amore e di unità non è una religione.

READ  Sala delle mongolfiere - Dagsavisen