Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Preoccupato per l’economia globale: – Minaccia

Quando il sole primaverile ha iniziato a splendere sulla Norvegia, molti hanno anche iniziato a prevedere la fine dell’epidemia. Sempre più persone sono state vaccinate e i tassi di infezione sono diminuiti nella maggior parte del mondo.

Potrebbe iniziare una ripresa economica e molti desiderano che la pandemia finisca presto. Ma ora l’ottimismo è stato sostituito dall’ansia.

– Una minaccia

Certo, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ritiene che l’economia globale raggiungerà una crescita aggregata del 5,6% fino al 2021, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto alla stima di settembre. Stanno mantenendo le stime di crescita del 4,5% per l’anno prossimo.

Allo stesso tempo, hanno versato un po’ di assenzio nella tazza, poiché la prospettiva di una forte ripresa economica ha sostituito gli avvertimenti sulle sfide globali durature.

Siamo preoccupati che la variante omicron del virus aumenti i già alti livelli di incertezza e rischi. Potrebbe essere una minaccia per la ripresa, avverte il capo economista dell’OCSE Lawrence Boone, secondo Onda tedesca.

Il rapporto dell’OCSE sarà pubblicato mercoledì La legge dell’equilibrio. È una lettura cupa.

Mentre la domanda di beni è aumentata drammaticamente, il lato dell’offerta ha avuto grandi difficoltà a tenere il passo con la domanda.

“La manodopera, le chiusure legate al coronavirus, i prezzi elevati dell’energia e delle materie prime e la carenza di materiali critici ostacolano la crescita e aumentano le pressioni sui costi. La sentenza ha affermato che l’inflazione è aumentata in modo significativo in alcune aree all’inizio della fase di recupero”.

La paura della chiusura è molto reale. In Austria è già stato introdotto un nuovo lockdown, mentre diversi Paesi tedeschi lo stanno valutando.

In Cina, le autorità hanno tolleranza zero per il coronavirus e nuovi casi di infezione possono portare rapidamente a blocchi diffusi.

READ  L'aumento della borsa di Oslo rallenta - le azioni delle compagnie aeree cadono

Non mi aspettavo guai

Allo stesso tempo, l’inflazione a spirale è stato il problema più discusso ultimamente. Negli Stati Uniti, molti esperti hanno criticato aspramente la Federal Reserve statunitense, che da tempo insiste nel definire “temporanea” l’elevata inflazione.

Ma ora se ne è allontanata. Mercoledì, il governatore Jerome Powell ha detto al Congresso che “è probabilmente il momento di fare un passo indietro da quella parola”.

Allo stesso tempo, Powell è disposto a liquidare le misure fiscali più rapidamente di quanto originariamente previsto.

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha acquistato titoli di stato per aiutare a mantenere l’economia in corso di fronte alla pandemia. Hanno comprato $ 120 miliardi in obbligazioni al mese, o NOK 35 miliardi al giorno, che hanno finanziato stampando denaro.

La Federal Reserve statunitense ha deciso di tagliare gli acquisti di supporto di 15 miliardi di corone norvegesi al mese, ma Powell ora apre la possibilità di andare avanti più velocemente con la riduzione degli acquisti di supporto, scrive Powell Bloomberg.

Powell ammette che c’è una cosa che non tengono in considerazione quando si guarda all’inflazione:

Quello che ci manca quando si tratta di inflazione è che non avevamo previsto problemi di offerta.

gonfiarsi nel cielo

Finanstilsynet in Norvegia è anche preoccupato per l’inflazione. Pensano che sia incerto se sia temporaneo.

– Se l’inflazione continua o aumenta, in molti paesi potrebbe essere necessario un forte inasprimento monetario. In questo caso, ciò influenzerà anche l’economia norvegese e il sistema finanziario norvegese, che è vulnerabile a un forte aumento dei tassi di interesse, afferma il direttore Morten Baltzersen, secondo l’NTB.

READ  - Ha dovuto sopportare molto odio

In Norvegia, l’inflazione è ora salita al 3,5%.

Il tasso di inflazione nei diciannove paesi che compongono la zona euro è stato del 4,9 per cento a novembre. Questo è il numero più alto da quando ha iniziato a tenere le statistiche nel 1997, scrive NTB.

In Germania, l’inflazione ha raggiunto il picco del 5% a novembre, per la prima volta in quasi 30 anni, mentre negli Stati Uniti l’inflazione è ora salita al 6,2%.

Nel suo rapporto, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha dichiarato che l’inflazione raggiungerà il picco all’inizio dell’anno, per poi scendere al 3,5% alla fine del 2022 nei paesi dell’OCSE.

Preoccupato per la Cina

Ma i problemi possono peggiorare. Almeno questa è l’opinione di molti esperti americani. Motivo? Omicron. La nuova ondata di corona potrebbe colpire le linee di approvvigionamento duramente testate.

“La catena di approvvigionamento rimane vulnerabile alle interruzioni legate alla pandemia, con la variabile omicron che conferma che la crisi è lungi dall’essere finita”, ha scritto Sian Viner, esperta di economia asiatica presso Oxford Economics. CNBC.

Una delle maggiori preoccupazioni è quella cinese. Finora non sono stati segnalati casi di mutazione dell’omicron lì, ma ci sono casi a Hong Kong, quindi gli esperti stanno seguendo da vicino la situazione.

“Ci si aspetta che la Cina rafforzi la sua politica di tolleranza zero, che in passato includeva chiusure e quarantene diffuse delle città, nonché controlli portuali, compreso il monitoraggio di navi e merci, per impedire loro di contrarre casi di coronavirus”, ha affermato Beer Hong. , uno dei senior partner della società di consulenza. Kearney.

READ  I turisti hanno portato sabbia e conchiglie come souvenir - con una multa fino a € 3.000

Se la Cina chiudesse, che ha sette dei dieci porti più trafficati del mondo, avrebbe “effetti moltiplicatori significativi”.

“Se ciò accade, non solo la spedizione sarà messa sotto pressione, ma avremo la garanzia di vedere una maggiore carenza di componenti di produzione critici e un maggiore arretrato di ordini per l’elettronica di base, le automobili e i prodotti di consumo, a seconda delle regioni colpite”, ha affermato Hong. .

La gente ha paura del lavoro

La nuova variante mutata del coronavirus è arrivata in un momento molto scomodo, poiché c’è stato un recente miglioramento della tracciabilità nella catena di approvvigionamento.

Preoccupata anche Gina Raimondo, Segretario al Commercio degli Stati Uniti.

– È troppo presto per dirlo, ma sono preoccupata, perché sappiamo che le persone hanno paura di andare a lavorare, dice, secondo CNN.

Negli Stati Uniti c’è una carenza di lavoratori in un certo numero di industrie, in parte perché le persone non hanno il coraggio di andare a lavorare. L’epidemia del virus Delta all’inizio di quest’anno ha esacerbato la crisi nella catena di approvvigionamento e ha portato alla chiusura delle principali fabbriche di componenti elettronici, soprattutto in Asia.

– È troppo presto per dirlo, ma questo è un vero problema – non solo a causa dell’epidemia, ma perché le persone non osano andare a lavorare. È molto fastidioso, dice Raimondo.