Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pressione Huawei perde i principali mercati: – Sotto attacco ovunque

La società tecnologica cinese Huawei stava per diventare il più grande produttore di smartphone al mondo tre anni fa. Poi è arrivata la deflazione.

Gli Stati Uniti, sotto il presidente Donald Trump, hanno imposto sanzioni, hanno dichiarato la società una “minaccia alla sicurezza nazionale” e hanno fatto pressioni sui paesi alleati affinché non utilizzino Huawei per sviluppare una rete 5G.

Ericsson caccia Huawei

La Malesia ha creato Digital Nasional, che possiederà l’infrastruttura 5G. In altri paesi, è comune che le licenze vengano concesse ad alcuni operatori di telecomunicazioni tramite aste.

Gli operatori locali, tra cui Digi di proprietà di Telenor, potranno affittare capacità dalla società di proprietà del ministero delle finanze. Questa settimana è diventato chiaro chi sarà lo sviluppatore.

“Ericsson è stato incaricato di organizzare il finanziamento, la consegna e il funzionamento dell’intera rete 5G”, ha confermato giovedì il Digital Nasjonal.

Il contratto vale 11 miliardi di ringgit (23 miliardi di corone norvegesi) e include antenne di telefonia mobile e reti in fibra. Entro tre anni, oltre l’80% della Malesia avrà accesso alla rete 5G. Prima della fine del 2021, le aree densamente popolate intorno alla capitale avranno accesso alle reti 5G.

La perdente è la cinese Huawei, che ha già vinto contratti più piccoli con l’operatore mobile locale Maxis. Di recente, un mese fa, tutte le indicazioni erano che Huawei sfuggirà al contratto strategicamente importante.

L’ex ministro del commercio internazionale della Malesia, Kian Ming Aung, a giugno ha negato che la rete di Huawei fosse più pericolosa.

READ  Mazda 3: un'ottima alternativa!

– Non abbiamo riscontrato prove di potenziale spionaggio con i prodotti Huawei esistenti. Sebbene sia possibile, non l’abbiamo testato. L’ex ministro ha detto al Sydney Morning Herald che potrebbe trattarsi di qualcosa di più esposto ai paesi occidentali.

L’Europa ha perso

Infatti, a Huawei è stato vietato lo sviluppo del 5G in Europa occidentale, Australia, Giappone e Nord America. Si è rivelato molto difficile ottenere contratti più grandi altrove. Si dice che gli Stati Uniti abbiano pagato molti paesi dell’Africa e del Medio Oriente per sostituire le apparecchiature Huawei con altri fornitori.

Il volume delle vendite di Huawei è diminuito del 17% nei primi tre mesi dell’anno.

Huawei ha perso oltre il 90% dell’Europa, dove più di 40 contratti 5G sono andati a Ericsson. Sono sotto attacco ovunque, tranne che in Russia e in alcune aree del sud-est asiatico, afferma il capo analista Stefan Terral di LightCounting Market Research per il quotidiano economico giapponese Nikkei.

I prossimi 18 mesi saranno cruciali per il futuro di Huawei.

Il 2021 e il 2022 saranno gli anni più importanti e difficili per Huawei per sopravvivere e svilupparsi strategicamente. Secondo Nikkei, il talento è la cosa più importante, ha detto il fondatore di Huawei Ren Zhengfei durante una presentazione dello staff.

Huawei assumerà 8000 laureati quest’anno. Gli investimenti aumenteranno di “diversi miliardi di dollari” per scopi di ricerca. Questo si aggiunge ai budget regolari per la ricerca e lo sviluppo, che sono tra i più grandi tra tutte le aziende tecnologiche.

Abbiamo abbastanza soldi e abbastanza spazio per ospitare talenti da tutto il mondo”, ha affermato Ren, che ha esortato il management di Huawei a creare una “forza di combattimento” il più rapidamente possibile.

READ  Oslo Borz ha chiuso | Finansavisen

In attesa di future opportunità

Si cercano dipendenti in Europa, Russia, Medio Oriente e altre regioni. Attrae salari alti. Un ingegnere senior di Huawei guadagna circa 1,6 milioni di corone all’anno. Questa è più di una posizione simile in Google.

Huawei ha accesso ai capitali dello stato cinese, che sette anni fa ha istituito un fondo volto a costruire un settore tecnologico che non dipenda da prodotti o brevetti occidentali.

Il fondo ha ricevuto oltre 200 miliardi di yuan aggiuntivi quando sono iniziati i problemi per Huawei nel 2019. Huawei ha investito in 10 società cinesi di chip per computer che competono direttamente con le grandi aziende statunitensi.

– In questo modo Huawei può trattenere la base di talenti e attendere opportunità future. È meglio combattere per sopravvivere, continuare a respirare piuttosto che arrendersi presto, afferma l’analista tecnologico Donnie Tang presso l’agenzia di brokeraggio Nikkei Nomura.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vogliamo che tu condivida i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.