Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Previsione dell’immunologo: – Ultimo Natale con restrizioni

Gli alti tassi di infezione e l’aumento della pressione sul servizio di terapia intensiva norvegese hanno fatto pressione sul governo affinché introduca nuove misure per limitare i contatti.

Tra le misure introdotte dal governo c’è la raccomandazione che non ci dovrebbero essere più di 10 ospiti in casa fuori casa, mentre si possono avere fino a 20 ospiti contemporaneamente durante le vacanze di Natale e Capodanno.

L’immunologa Ann Spurkland pensa che questa sia l’ultima volta che vedremo il Natale con restrizioni coronariche.

Ha spiegato che il virus avrebbe uno spazio d’azione più ristretto per sfuggire agli anticorpi che accumuliamo attraverso i vaccini o le infezioni.

Pertanto, crede che il vaccino sarà importante in futuro anche per coloro che si riprenderanno dall’infezione senza rischiare la vita.

– Quando ti viene offerto un booster, dovresti dire “Sì, grazie”, perché così facendo contribuisci a creare questa fitta rete che il virus non può aggirare e non contribuirà alla diffusione dell’infezione.

Ma non crede che fermeremo l’infezione da oomicron.

– Ora sarà dura

Spurkeland afferma che probabilmente vedremo alti tassi di infezione e forse molti più pazienti ricoverati in ospedale.

OPTIMIST: Anne Spurkland è professore di medicina all’Università di Oslo e ricercatrice in malattie autoimmuni e immunologia molecolare. Foto: Bjørn Roger Brevik / TV 2

– Ma andrà presto, penso che il picco arriverà presto, e finiremo anche in primavera, dice a TV 2.

Aggiunge:

– Dobbiamo solo accettare che sarà difficile ora, ma dopo non credo che lo vedremo di nuovo. Quindi la mia previsione ottimistica è che il prossimo Natale gli ospedali e i servizi sanitari saranno in grado di affrontare la malattia coronarica ancora esistente.

Perché l’infezione non andrà via, secondo l’immunologo. Ma:

– Non sarà questa la minaccia che affronteremo qui questo Natale.

Non ci sono pazienti Omicron in ospedale

Nelle ultime settimane, il medico sudafricano Unpin Pillai ha ricevuto giornalmente decine di pazienti con corona, ma non ha ancora dovuto mandare nessuno di loro in ospedale.

Pillay e altri medici sudafricani hanno affermato che il virus di tipo omicron, che si è diffuso rapidamente in Sudafrica nelle ultime settimane, provoca malattie più lievi e porta a un minor numero di ricoveri e decessi rispetto alla variante delta.

– Le persone sembrano essere in grado di gestire la malattia a casa. Dice che la maggior parte delle persone guarisce entro il periodo di isolamento di 10-14 giorni.

Questo vale anche per i pazienti anziani e quelli con problemi di salute di base che aumentano il rischio di gravi malattie coronariche, secondo Pillay.

Meno malattie: il 90% di tutte le persone a cui è stata diagnosticata una malattia coronarica nella popolosa provincia di Gauteng in Sudafrica ora ha la variante Omikron del virus.  Secondo i medici sudafricani, provoca malattie molto più lievi rispetto alle versioni precedenti del virus e porta a un minor numero di ricoveri e decessi.  Foto: Denis Farrell/AP/NTB

Meno malattie: il 90% di tutte le persone a cui è stata diagnosticata una malattia coronarica nella popolosa provincia di Gauteng in Sudafrica ora ha la variante Omikron del virus. Secondo i medici sudafricani, provoca malattie molto più lievi rispetto alle versioni precedenti del virus e porta a un minor numero di ricoveri e decessi. Foto: Denis Farrell/AP/NTB

90 percento

Gli studi Pillai si trovano nella provincia di Gauteng, che ha una popolazione di 16 milioni di abitanti, che è la più popolosa del Sudafrica e comprende Johannesburg, la città più grande del paese e la capitale, Pretoria.

Nella prima settimana di dicembre, Gauteng ha visto un aumento del 400 per cento del numero di nuovi casi, con la variante omicron che ha raggiunto il 90 per cento.

Mentre i pazienti con omicron hanno bassi livelli di ossigeno nel sangue e hanno difficoltà a respirare, le persone con infezione da omicron manifestano sintomi simil-influenzali come tosse e dolori articolari e muscolari, dice.

Molto meno

rapporto da Istituto sudafricano di malattie infettive Sembra che solo il 30% di tutti i ricoverati con COVID-19 nelle ultime settimane sia gravemente malato. È meno della metà di quello che è successo durante le precedenti ondate di infezione.

Anche la durata media della degenza per i pazienti COVID-19 è significativamente più breve, 2,8 giorni rispetto agli 8 giorni precedenti.

Solo il 3% dei pazienti ricoverati per Covid-19 in Sudafrica è morto nelle ultime settimane. Durante le precedenti ondate di infezione, il tasso era di circa il 20%.

È ancora presto

Come sembra ora, quasi tutto indica che la variante dell’omicron dà una malattia più lieve, afferma il capo dell’Istituto sudafricano di sanità pubblica, Willem Hanekom.

– Ma è ancora presto e abbiamo bisogno di dati definitivi. Ricoveri e decessi spesso accadono più tardi, e siamo ancora solo due settimane in questa ondata, avverte.

READ  Corona Virus, Stati Uniti | Si è diffuso il ricorso alla “terapia del cavallo” contro il corona: 88mila prescrizioni solo nell'ultima settimana