Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– problema a breve termine – E24

La carenza dei cosiddetti semiconduttori ha colpito molte aziende, sia all’estero che in patria. Il capo di Tesla spera di trovare una soluzione più rapida alla crisi dei chip rispetto alla maggior parte degli altri.

Elon Musk ritiene che i nuovi impianti aumenteranno l’offerta di semiconduttori in modo tale che la crisi sia rilevante solo a breve termine.

Inserito:

Penso che la carenza di semiconduttori sia un problema a breve termine, ha affermato il CEO di Tesla Elon Musk. In un’intervista alla conferenza italiana TechWeek.

A lungo termine, Musk non pensa che ci sarà una grave carenza di semiconduttori.

– Musk ha detto nell’intervista che ci sono molti impianti di semiconduttori in costruzione ora, e penso che avranno una buona capacità e saranno operativi entro il prossimo anno.

Il boss di Tesla non ha menzionato alcun progetto specifico. Secondo CNBC Intel e TSMC, due pesi massimi nel settore dei semiconduttori, hanno entrambi nuovi impianti in arrivo, ma questi non saranno operativi fino a diversi anni da oggi.

Un problema molto grosso

All’inizio di quest’anno, lo stabilimento Tesla negli Stati Uniti è stato costretto a sospendere la produzione a causa di una carenza di semiconduttori. Allo stesso tempo, il concorrente di Tesla Nio, tra gli altri, ha annunciato un calo della produzione a causa della carenza globale di un chip per computer.

Vicino a casa, Kongsberg Automotive ha dovuto avvertire di un calo delle entrate questa settimana a causa della carenza di semiconduttori.

La carenza di semiconduttori è un grosso problema. Abbiamo avuto problemi con le linee di approvvigionamento nel primo trimestre, e penso che lo avremo anche nel secondo e terzo trimestre, ha detto Musk durante la presentazione del primo trimestre di quest’anno a Tesla, Secondo CNBC.

Leggi anche

La crisi dei chip interrompe la produzione di camion Scania in Svezia

L’offerta è in ritardo, ma si spera in un miglioramento alla fine del prossimo anno

Il produttore norvegese di semiconduttori Nordic Semiconductor in precedenza aveva dichiarato a E24 di sperare che la “crisi dei chip” migliorasse alla fine del prossimo anno.

La forte carenza di chip per computer è stata descritta come il “più grande collo di bottiglia nell’economia globale”, e la domanda per il prodotto è salita alle stelle, mentre l’offerta è finora rimasta indietro.

“La nostra crescita ora non è guidata dalla domanda, ma da quanto possiamo offrire”, ha dichiarato in precedenza a E24 il CEO di Nordic Semiconductor Ståle Ytterdal.

La digitalizzazione della società, compresa la flotta automobilistica, ha aumentato la domanda di semiconduttori anche prima che colpisse Corona. Quando lavorare da casa era obbligatorio per molti, la domanda ha continuato a crescere.

Allo stesso tempo, ci vogliono anni per impostare e far funzionare l’impianto, e anche quando l’impianto è in funzione, ci vorranno circa tre mesi per produrre semiconduttori. Inoltre, gli investimenti richiesti sono enormi e la redditività non è prevista, Secondo Bloomberg.

Si spera che i nuovi impianti a cui si riferisce il boss di Tesla allevieranno la forte carenza di semiconduttori.

“Spero che ci sarà una migliore capacità entro il prossimo anno, e almeno così sembra”, ha concluso Musk.

Continua a leggere E24 +

Ecco come puoi investire in materie prime

READ  Più di 1.000 immigrati a Lampedusa