Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Può la scienza decidere le elezioni americane?

Può la scienza decidere le elezioni americane?

Questo articolo è stato prodotto e finanziato da Comitati nazionali per l’etica della ricercaPer saperne di più.

Trump non ha nulla a che fare con le scoperte scientifiche. Gli scienziati reagiscono a questo.

Podcast: Questa volta, un certo numero di società e pubblicazioni scientifiche negli Stati Uniti si schiereranno nelle elezioni. E' molto insolito. La disinformazione deliberata su Corona è stata una delle ultime gocce che hanno fatto traboccare il vaso.

“Scientific American sostiene Joe Biden. Non abbiamo mai appoggiato un candidato presidenziale nei nostri 175 anni di storia – fino ad ora. Siamo costretti a farlo. Non lo facciamo alla leggera”, scrivono gli editori.

Leggi anche: Gli scienziati americani stanno scegliendo da che parte stare nelle elezioni presidenziali

– Non ho mai visto niente di simile prima. È come se forskning.no fosse uscito per dire che sosteniamo il Partito delle pensioni o il Partito dei Verdi, dice la redattrice di forskning.no Nina Christiansen in questo episodio di Research Ethics.

– Penso che gli scienziati reagiscano principalmente al modo in cui Donald Trump calpesta la verità. Non ha nulla a che fare con i risultati scientifici. Lo vediamo molto chiaramente nell’epidemia, dove sta quasi inventando i propri metodi e promuovendoli, dice Christiansen

Derisione dei professionisti e incomprensione deliberata

I leader della National Academy of Sciences e della National Academy of Medicine hanno descritto la situazione negli Stati Uniti come allarmante, a causa della politicizzazione della scienza e della derisione dei professionisti nel dibattito sulla gestione della pandemia di Corona.

In dichiarazione Scrivono: “Lo sviluppo delle politiche dovrebbe essere guidato dalle migliori prove disponibili senza distorcerle, nasconderle o fraintenderle deliberatamente…”

READ  La rivolta architettonica mancava di una visione olistica dello spazio pubblico

– La politica di ricerca non è mai stata una parte importante di nessuna campagna elettorale nel mondo, ma penso che la massiccia mobilitazione di figure autoritarie e circoli di potere all'interno della ricerca sia ora coinvolta e possa svolgere un ruolo importante, afferma Nina Christiansen.

Nel suo primo mandato da presidente, Trump ha influenzato la ricerca in molti settori. Con i divieti d'ingresso imposti ad alcuni paesi, i ricercatori critici vengono sostituiti da altri in posizioni centrali e organismi scientifici, soprattutto nei settori del clima e dell'ambiente. Molti credono che abbia deliberatamente minimizzato i rischi del Corona.

Disaccordo costruttivo

Ma qui a casa la situazione era completamente diversa. Le autorità e gli scienziati hanno collaborato bene nell'affrontare la pandemia, secondo Ole Andreas Engen, professore di gestione del rischio e sicurezza sociale all'Università di Stavanger e membro del Comitato etico nazionale per la ricerca in scienze naturali e tecnologia (NENT).

-Le cose erano relativamente ordinate in Norvegia. C’era una buona comunicazione tra politici e professionisti. I politici hanno ascoltato i professionisti, ma hanno ascoltato una varietà di valutazioni diverse fatte dai professionisti e hanno preso le proprie decisioni, dice.

È importante che la politica appaia indipendente dalla scienza?

– Sì, in una certa misura, penso che la situazione in cui viviamo da marzo abbia dimostrato che le istituzioni scientifiche appaiono indipendenti e consultive nei confronti delle autorità politiche.

– Allo stesso tempo, abbiamo anche assistito ad un dibattito costruttivo tra diversi sistemi di esperti: gli avvocati hanno criticato e valutato le diverse misure, gli economisti hanno messo in guardia sulle conseguenze, abbiamo avuto altri medici comunitari che hanno parlato delle conseguenze a lungo termine delle misure sui gruppi vulnerabili e abbiamo avuto un conflitto di opinioni interno alla comunità medica. . Queste divergenze di opinione dimostrano che dobbiamo prendere decisioni in una situazione incerta ma aperta, afferma Engen.

READ  Ha detto che odia i russi: - Ha finito al ministero degli Esteri

Anche Nina Christiansen ritiene che sia importante e corretto trasmettere l'incertezza.

-Sono favorevole a comunicare alla popolazione l'incertezza nella ricerca senza impazzire. È tradizione, forse soprattutto nel settore sanitario, che dobbiamo dare consigli chiari, anche se dietro ci sono differenze professionali, dice.

In questo episodio del podcast, Christiansen rivela come pensa che andranno le elezioni:

Leggi anche ulteriori informazioni sul principio di precauzione nell'etica della ricerca in questo articolo su forskningetikk.no: Rischio e incertezza