Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Può sembrare che abbiano fatto qualche passo indietro rispetto al baratro – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

– Può sembrare che abbiano fatto qualche passo indietro rispetto al baratro – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Dopo che Israele ha attaccato l’Iran venerdì sera, i due acerrimi rivali in Medio Oriente sono stati molto reticenti nel commentare l’accaduto.

Né le autorità israeliane né quelle iraniane hanno fornito conferma ufficiale dell'attacco.

Secondo la Reuters, il presidente iraniano Ebrahim Raisi non ha menzionato una sola parola sull'attacco durante il suo discorso venerdì a Teheran. Agenzia France-Presse.

Il silenzio di Israele in particolare è degno di nota, dice il tenente colonnello e capo del dipartimento delle forze terrestri presso l'Accademia di guerra, Sigbjørn Halsen.

– Completo silenzio da parte ufficiale. Non ci sono video. Non ci sono prove di un attacco che possa forzare una risposta iraniana, dice a NRK l’esperto in teoria militare.

Così ieri sera la televisione di stato iraniana ha descritto la situazione.

Foto: Iran Press TV

Messaggi contrastanti

L'attacco israeliano ha preso di mira la città di Isfahan, 35 miglia a sud di Teheran. Qui si trovano importanti installazioni militari e una grande base aerea.

Sono state segnalate esplosioni anche altrove in Iran, ma la loro portata non è chiara.

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica afferma che non sono stati segnalati danni al grande impianto nucleare fuori Isfahan.

L’attacco israeliano è arrivato dopo quello iraniano dello scorso fine settimana, quando l’Iran ha lanciato più di trecento missili e droni contro Israele.

Diversi resoconti dell'attacco

Nel frattempo, ci sono interpretazioni completamente diverse su ciò che è realmente accaduto ieri sera, a seconda della festa che ascolti.

Una fonte ha detto che un aereo da caccia israeliano fuori dallo spazio aereo iraniano ha lanciato tre missili contro obiettivi a terra in Iran Notizie americane dell'ABC.

Ministro degli Esteri iraniano Hussein Amir Abdullahian Dice che l’Iran ha abbattuto “piccoli droni” Lo riferisce la Reuters.

Il ministro degli Esteri ha dichiarato, secondo l'agenzia di stampa, che l'abbattimento di piccoli droni non ha provocato né feriti né morti.

Sigbjorn Halsen, tenente colonnello del Collegio militare.  Qui in visita a Dagsnytt 18.

Sul divano fuori Dagsnytt 18 in NRK. Venerdì Sigbjorn Halsen è stato ospite qui e il tema riguardava gli sviluppi in Medio Oriente.

Esperto: L’Iran lo sottovaluta

– Sembra che stiano minimizzando la situazione, dicendo che si tratta di un attacco insignificante e fallito, dice Halsen.

Dal punto di vista dell'Iran, l'attacco in sé non innesca necessariamente una risposta da parte dell'Iran, che è quello che avevano precedentemente detto che avrebbero fatto, dice il tenente colonnello.

– Permette di porre fine a questo ciclo e di non entrare nella spirale di escalation che avrebbe potuto derivarne, afferma Halsen.

Lo descrive come “la coercizione del movimento simile agli scacchi”.

– In questo caso significa che nessuna delle due parti vuole davvero la guerra. Ma superandosi a vicenda, finiscono comunque in una situazione in cui la situazione degenera in una guerra regionale.

Un uomo in equilibrio su una corda sulla spiaggia di Tel Aviv, 19 aprile 2024

Un uomo in equilibrio su una corda sulla spiaggia di Tel Aviv, il giorno dopo che la gente si è svegliata alla notizia dell’attacco israeliano all’Iran. Gli esperti ritengono che sia Israele che l’Iran stiano cercando di trovare un equilibrio tra lasciare un segno ed evitare il conflitto regionale.

Fotografia: Ahmed Al-Gharbally/AFP

– Stare in equilibrio sul filo di un coltello

Hani Egen Roslin è consigliere speciale dello Stato Maggiore della Difesa e ha scritto il suo dottorato sulla difesa israeliana.

– È uno sviluppo piuttosto interessante, perché è in equilibrio sul filo del rasoio, dice Røislien a NRK.

Ciò indica che entrambe le parti sono in equilibrio tra il lasciare un segno e l’intensificarsi del conflitto stesso.

– Si tratta ovviamente di un gioco di potere, poiché due paesi svolgono operazioni di deterrenza e di dispiegamento militare in Medio Oriente.

Hani Egen Roslin

Hane-Ejen Roslin è un autore e ha scritto diversi libri su Israele.

Foto: Ruth Synovi Barsten/NRK

Esperto: Vuole creare spazio per il lavoro

Il tenente colonnello Halsen afferma che trattenendo le informazioni, le parti stesse possono “sviluppare la propria visione” di quanto accaduto.

In questo modo possono avere spazio per lavorare.

– L'Iran potrebbe evitare di rispondere all'attacco, anche se ha detto che lo farà prima. L'esperto afferma che Israele può dire allo stesso tempo di aver risposto all'attacco e che si è trattato di una ritorsione sufficiente.

– Ma evitando di esagerare nel parlare dell'attacco in sé, l'Iran avrà un margine di manovra per calmare la situazione.

Una foto di iraniani nella provincia di Isfahan scattata il 19 aprile 2024 dopo l'attacco israeliano all'Iran

Gli iraniani riposano sulle rive di un fiume nella provincia di Isfahan, il giorno dopo il contrattacco israeliano.

Fotografia: Rasoul Shojaei/IRNA/Wana/Reuters

Silenzioso anche dagli USA

Anche negli Stati Uniti, fedeli alleati di Israele, si parlerà poco dell’attacco dal punto di vista ufficiale.

La Casa Bianca non ha commentato l'attacco durante la conferenza stampa di venerdì sera.

Il segretario di Stato Antony Blinken è stato interrogato sull'attacco durante un vertice in Italia dei paesi del G7 venerdì pomeriggio.

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti “non hanno partecipato ad alcuna operazione offensiva”.

– Non parlerò di notizie relative a questi eventi. “Tutto quello che posso dire è che abbiamo la nostra parte, e tutti coloro che fanno parte del G7, è che il nostro obiettivo è la riduzione dell’escalation”, ha detto Blinken.

Ecco come appariva Gerusalemme quando l’Iran ha attaccato con missili e droni lo scorso fine settimana. Il videoclip è stato girato dal giornalista di Haaretz Nir Hasson.

Si tratta di deterrenza

Hales afferma che esiste ancora il rischio significativo che la situazione possa degenerare. Ma l'esperto di teoria militare conferma che ora la situazione sarebbe stata peggiore se l'attacco israeliano all'Iran fosse stato più esteso.

Secondo lui gli sviluppi delle ultime 24 ore potrebbero indicare che le parti vogliono alternative oltre ad alimentare il conflitto.

– Potrebbe sembrare che Israele e l'Iran abbiano fatto qualche passo indietro rispetto all'orlo dell'abisso su cui si trovavano qualche giorno fa, dice Halsen.

Il presentatore spiega che la situazione è legata soprattutto al desiderio di Israele di ottenere quello che definisce un “effetto deterrente credibile” contro l'Iran.

Allo stesso tempo, l’Iran vuole apparire come un attore forte nel confronto con le altre milizie con cui collabora in Medio Oriente.

– In realtà, questa è comunicazione politica, in cui gli stati usano la violenza. Questo è ciò che entrambe le parti stanno cercando di ottenere.




19/04/2024 ore 22.43


19/04/2024 ore 23.42

READ  - Questa è la via per la pace