Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Putin e il Cremlino stanno combattendo

– Putin e il Cremlino stanno combattendo

– Ci sono cose riguardo a questo attacco per le quali non abbiamo ancora ricevuto risposta, dice a VG Marius Fossum del Comitato Helsinki norvegese.

Nell'attacco terroristico avvenuto a Mosca il venerdì prima di Pasqua sono morte almeno 143 persone.

Un gruppo affiliato allo Stato Islamico ha rivendicato l’attacco, mentre Putin ha indicato la CIA e l’Ucraina. Kiev nega tutte le accuse.

Il think tank ritiene che stia lottando per mantenere una linea chiara su ciò che è realmente accaduto ISW (Istituto per lo Studio della Guerra):

– Vladimir Putin e altri leader del Cremlino sembrano faticare a mantenere una linea retorica coerente sull'attacco al municipio di Crocus, suggerendo che il Cremlino non è stato in grado di conciliare pienamente le sue operazioni di informazione con la realtà dei suoi fallimenti di intelligence, ha affermato. scrive. Quelli in analisi.

Ispirato dai media russi indipendenti Medusa VG ha raccolto sei domande su cose ancora poco chiare dopo l'attentato terroristico di venerdì scorso.

Uno dei video mostra l'arresto di uno degli uomini sospettati dell'attacco terroristico a Mosca. VG non ha verificato la clip. Quest'uomo si è tagliato parte dell'orecchio. Immagine: fax dai social media

1. Dove fuggiranno i terroristi?

Quattro uomini sono stati arrestati e accusati delle stesse accuse di terrorismo.

Vladimir Putin ha detto che sono fuggiti in direzione dell'Ucraina, mentre il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha detto che stavano pensando di andare in Bielorussia, ma sarebbero dovuti tornare.

Medusa sì In grado di determinare la posizione geografica Riprese video catturate quando i terroristi sono stati catturati nella regione di Bryansk, lungo l'autostrada M3 verso l'Ucraina.

Per raggiungere la Bielorussia il più rapidamente possibile, secondo il sito web, hanno dovuto prendere la M3 con 20 chilometri di anticipo.

Credono che ci siano tre possibilità:

  • I terroristi erano davvero diretti in Ucraina.
  • Non sapevano dove stavano andando.
  • Si è trattato di un arresto pianificato da parte del Servizio di sicurezza federale, in cui sono stati arrestati in un luogo, mentre la registrazione è avvenuta in un altro.
READ  Uomo condannato a 13 anni di carcere per omicidio in strada nel municipio di Oslo - VG

Putin ha affermato che è stata aperta una “finestra” per i terroristi dal lato ucraino del confine, ma non ci sono prove di ciò.

– Questo sembra immediatamente un tentativo di collegare l'Ucraina con crudeli atti terroristici, dice Marius Fossum.

Dice che al momento non è possibile determinare dove stessero andando – e sottolinea che bisogna anche essere consapevoli che i prigionieri potrebbero essere torturati per farli dire qualcosa.

– Quando vediamo la gravità delle torture a cui sono stati sottoposti i detenuti – uno è stato portato in aula apparentemente privo di sensi, un altro portava ancora un sacchetto di plastica al collo, mentre a un altro è stato tagliato l'orecchio dopo l'arresto – è anche importante essere scettico. Da quello che dicono queste persone.

2. Perché i terroristi sono arrivati ​​fin qui prima di essere fermati?

Il luogo in cui sarebbero stati arrestati i presunti terroristi si trova a circa quattro ore dal municipio Crocus di Mosca, senza ingorghi.

Non ci sono informazioni su come siano riusciti ad allontanarsi così tanto dalla sala da concerto senza essere fermati.

secondo Medusa Tutto fa pensare che l'auto su cui viaggiavano avrebbe potuto essere fermata prima.

Sottolineano che venerdì sera sarà probabile un traffico intenso, oltre alla presenza di numerosi posti di polizia stradale lungo il tratto, e che identificare l'auto tramite le telecamere di sorveglianza nelle zone zafferano non sarà un compito difficile.

L'auto Renault guidata dai detenuti manteneva una velocità superiore al limite di velocità, che è stata ripresa dalle telecamere, secondo quanto riferito dai giornalisti di Al-Hajra in un'agenzia. L’auto però non si è fermata.

Ma potrebbe anche essere stato intenzionale che fosse loro permesso di continuare a guidare e che le forze di sicurezza sperassero che i quattro li avrebbero condotti alle menti dietro l'attacco.

READ  FHI sulla previsione di Pfizer: - Non irrealistico

3. Quanti terroristi ci sono?

Nei video della sala da concerto si vedono quattro aggressori. Ciò è coerente con i quattro arrestati e imprigionati, tutti cittadini tagiki.

Ma una fonte dice Per la BBC Russia Che c'erano almeno altri due terroristi, uno dei quali è stato ucciso durante l'operazione terroristica stessa, mentre l'altro è stato ucciso durante gli arresti nella regione di Bryansk sabato notte.

La BBC afferma di aver visto il passaporto della persona ritenuta uccisa, un uomo di 30 anni originario del Tagikistan.

Nessuna informazione è stata ricevuta su queste due persone dalla commissione investigativa.

4. Chi ha arrestato i terroristi?

Video della tortura dei sospettati sono apparsi sui canali Telegram collegati sia all'organizzazione ultranazionalista Rusich che al gruppo militare Wagner.

Non è chiaro quali gruppi abbiano partecipato agli arresti.

Canale Telegram Scrive VTsjK Responsabile degli arresti è il “Gruppo mobile di guardie di frontiera del Servizio federale di sicurezza”. Si dice che abbiano partecipato anche forze speciali del Servizio di sicurezza federale, riferisce Meduza.

Un videoclip che ha ricevuto ampia attenzione mostra un soldato delle forze speciali che cerca di infilarsi in bocca un pezzo dell'orecchio di un detenuto.

Meduza scrive che il coltello con cui è stato tagliato un pezzo di orecchio è stato messo all'asta da un soldato di nome “Topaz” che combatteva in Ucraina come parte del gruppo di Rusic.

I quattro imprigionati per aver partecipato allo stesso atto terroristico sono, da sinistra: Saeidkarami Morudali Ratsabalizoda, Dalirdjon Mirzojev, Shamsuddin Faridouni e Muhammad Subir Vajzov. immagine: [TATYANA MAKEYEVA, OLGA MALTSEVA] /AFP/NTP

5. I prigionieri sono come terroristi?

Medusa crede che lo siano anche almeno due di loro. Hanno confrontato le registrazioni video dei terroristi nella sala da concerto con le accuse mosse in prigione. Due di loro possono essere identificati dai loro vestiti. Questo vale per Saeedkarami Ratjabalizoda e Dalirdjon Mirzojev.

Gli altri due non possono essere identificati in questo modo. Ma uno di loro, Shams al-Din Faraidouni, sarebbe stato catturato in una foto dal Crocus Center il 7 marzo, due settimane fa. Anche una dipendente ha indicato di averlo visto, ha scritto Meduza.

READ  Attacco a Gaza: - Figli miei!

Il canale televisivo Nexta ipotizza se nella sala da concerto fossero presenti agenti dell'FSB, che indossavano giacche blu, come questa persona. Foto: Faxinile da Nexta su X

6. È vero che c'erano agenti dell'FSB nella sala?

Il canale televisivo Nexta ha suggerito che gli uomini “in blu” nella sala da concerto potrebbero essere stati agenti dell'FSB presenti.

Nexta sostiene inoltre che esiste una somiglianza tra la persona “vestita di blu”, che nelle immagini video del partito veniva definita come un possibile agente dell'FSB, e altre immagini video che mostrano una persona coinvolta negli arresti nella regione di Bryansk.

Marius Fossum del Comitato di Helsinki dice questo su molte questioni:

– Tra l'altro non abbiamo ricevuto risposta su come i terroristi abbiano resistito così a lungo senza l'intervento delle autorità di sicurezza e perché si siano allontanati da Mosca prima del loro arresto. Non lo sappiamo ancora e, quando non lo sappiamo, emergono una serie di teorie diverse.

Uno di questi motivi è che i servizi di sicurezza stessi devono essere stati in qualche modo coinvolti e che sul posto erano presenti membri del Servizio di sicurezza federale. Non ho visto nulla che mi convincesse dell'esistenza del Servizio di sicurezza federale. E sulla base di ciò che sappiamo ora, penso che questo sia il risultato di una scarsa fiducia nelle autorità russe, tra la popolazione russa e anche tra coloro che seguono da vicino la Russia, ritiene Marius Fossum.

Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha detto a Izvestia che le autorità non hanno ancora fornito una versione definitiva di quanto accaduto.

Fotografia: Evgeniya Novozinina/Reuters/NTB