Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Putin si rifiuta di partecipare ai dibattiti prima delle elezioni: – Molto grande

VOCI INTERNE: Vladimir Putin canta l'inno nazionale russo con i bambini giovedì alla VDNKh di Mosca. Fotografia: Alexander Kazakov/AFP/NTB

Il portavoce di Vladimir Putin nega che il presidente parteciperà ai dibattiti prima delle elezioni previste per il 17 marzo.

– Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti russi che il presidente non parteciperà ai dibattiti prima delle elezioni Rea.

Lunedì Vladimir Putin è stato ufficialmente registrato come candidato alle elezioni. La Commissione Elettorale Centrale ha poi approvato le firme presentate a favore dell'attuale presidente.

– È sempre stato così. Putin non ha mai discusso faccia a faccia con altri candidati, dice a VG Veli-Pekka Tinkkinen dell'Istituto Alexandri in Finlandia.

– Per la prima volta, 24 anni fa, la guerra in Cecenia fu la sua campagna elettorale. La sua campagna elettorale è sempre guerra e violenza. “Va al di sopra del normale dibattito politico”, continua Tinkkinen.

Campagna elettorale: Vladimir Putin durante una visita giovedì al complesso espositivo VDNKh a Mosca. La foto è stata scattata dall'agenzia di stampa governativa Sputnik. Fotografia: Alexander Kazakov/AFP/NTP

Aage Borchgrevink, autore di The Kremlin Warlord e membro dello staff del Comitato di Helsinki, è pienamente d'accordo:

Dall'inizio del 2000 Putin si è rifiutato di partecipare ai dibattiti. All'inizio non aveva tempo. Più tardi divenne troppo vecchio per sedersi con i candidati regolari. Di conseguenza, le discussioni politiche in Russia erano spesso un po’ strane. Troppo spesso, le principali emittenti televisive non sono riuscite a invitare politici liberali e mainstream, preferendo ai dibattiti persone divertenti, arrabbiate ed eccentriche, dice Borchgrevink.

READ  Eliminazione dell'asteroide della città antica - Potrebbe essere la Bibbia di Sodoma - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

– Il tema delle sessioni private è rimasto lo stesso per tutta l’era di Putin: “Se questa è l’alternativa, è meglio che il presidente continui”.

Affascinante: Vladimir Putin conversa con i bambini durante la visita giovedì al complesso espositivo VDNKh a Mosca. La foto è stata scattata dall'agenzia di stampa governativa Sputnik. Foto: Alexander Kazakov/AP/NTB

Putin è stato eletto presidente per la prima volta nel 2000, poi rieletto nel 2004, ma secondo la costituzione non ha avuto la possibilità di candidarsi nel 2008.

Poi la costituzione è stata modificata in modo che Putin potesse essere eletto nuovamente per un mandato di sei anni nel 2012 e poi per altri sei anni nel 2018. Quindi ora si candida di nuovo alle elezioni – per altri sei anni.

Oltre a Putin, la Commissione elettorale centrale ha approvato la candidatura dei candidati comunisti Nikolai Kharitonov, Vladislav Davankov e dell'ultranazionalista Leonid Slutsky del Partito Liberal Democratico. Altri potrebbero arrivare, incluso il nemico di guerra Boris Nadezhdin.

Ancora Aggie Borchgrevink:

– Le elezioni presidenziali russe non registrano grandi tensioni, nel senso che ci sono dubbi sul loro esito. Ma sono comunque attentamente organizzati all’interno della grande federazione, dove le autorità sono ansiose di dimostrare che le persone partecipano alle elezioni e che sostengono Putin.

Ecco una delle residenze segrete di Putin:

– Di solito sono anche preoccupati che ci sia più di un candidato tra cui scegliere, ma se qualcuno rappresenta una vera minaccia, come recentemente Alexei Navalny, gli verrà impedito di registrarsi.

– Cosa ne pensi dei risultati elettorali?

– Può sembrare che le commissioni elettorali siano state informate sulla percentuale che le autorità vogliono per il loro candidato, motivo per cui sorprendentemente ci sono molti risultati con numeri interi, cioè esattamente 70, 75, 80 o 85 per cento per Putin e il suo partito.

READ  Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sta cercando una bottiglia di whisky smarrita per $ 6000

– Ma?

Il Cremlino sembra essere preoccupato che le elezioni abbiano un piccolo residuo di legittimità, o semplicemente teme che possano fornire terreno fertile per proteste su larga scala, come è accaduto dopo le elezioni parlamentari del 2011.

Oltre ai consueti strumenti di propaganda nei media, viene data grande importanza a non mettere di cattivo umore gli elettori con misure impopolari. Quindi l'aumento delle tasse sugli alcolici entrerà in vigore solo quest'estate, quando Putin avrà altri sei anni in tasca, dice Aage Borchgrevink.

Leggi anche: Abid Raja nomina Jens Stoltenberg per il Premio Nobel per la pace