Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Quando il passato decide il presente – NRK Sport – Notizie sportive, risultati e palinsesto delle trasmissioni

90+3′

Anche se si può scrivere molto, le vittorie del Real Madrid spesso hanno a che fare con i numeri.

I numeri sopra sono della finale di Champions League contro l’Atlético Madrid nel 2014, quando Sergio Ramos pareggia ai supplementari. Molti fan hanno tatuaggi “90 + 3” o “92:48”.

Il numero 10 era un altro numero quella notte: La Decima. Il decimo titolo a squadre in campionato.

Poi l’allenatore era Carlo Ancelotti. E mercoledì sera ha visto la stessa squadra dirigere una nuova rimonta segnando due gol nel finale nella semifinale contro il Manchester City.

Non è stato un caso. In questo torneo, il Real Madrid ha creato una profezia che si autoavvera. Hanno costruito un mito che si è ripetuto così tanto che ora tutti ci credono.

Non sono stati solo i giocatori a battere il City. Questa era la stessa data.

Proprietà leggendaria

Ciò significa leggende che vengono presentate prima di tali insediamenti. Il quadro psicologico che circonda le partite raramente ha giocato un ruolo importante nel viaggio della squadra verso la finale.

Queste storie sono basate su molti eventi accaduti prima ancora che nascessero i giocatori di oggi.

Enorme: Sergio Ramos ha segnato il gol della vittoria contro l’Atletico Madrid nella finale di UEFA Champions League 2014.

Foto: Michael Delder/Reuters

Prendi, ad esempio, la Champions League, il “Campionato del Real Madrid”. Fu il presidente del club, Santiago Bernabeu, ad aiutarlo a fondarlo nel 1955. Poi vinsero cinque titoli di fila. In realtà hanno giocato qui allo stadio di oggi, intitolato al presidente.

Ora il Real Madrid ha vinto il titolo 13 volte, sei volte di più di qualsiasi altra squadra, e non vede l’ora di farlo conoscere al mondo. Il museo ha 13 illustri premi. La struttura di allenamento contiene 13 titoli giganti, ognuno con l’anno e la città in cui è stata vinta la finale.

Questo ha creato la sensazione a Madrid – tra i tifosi, i giocatori e la stampa – che la Champions League è Appartiene a Con loro. Posseggono la coppa.

Più storie drammatiche scrivono, più è probabile che si ripetano.

La Montada

Basta ascoltare i rappresentanti competenti. Il Real Madrid ha vinto il torneo nel 1998, 2000 e 2002. Nessuna di quelle stagioni è stata la migliore in Spagna.

Allora qual è la logica?

– Quando il Real Madrid gioca in Champions League, essi Campionato, tutto è possibile, ha detto l’allenatore dietro i due titoli, Vicente del Bosque.

Nel 2014 il Real Madrid ha vinto la finale contro l’Atlético. Poi Zinedine Zidane ha vinto tre titoli consecutivi dal 2016 al 2018. Lungo la strada, la squadra ha giocato più spesso, ma ha comunque vinto, soprattutto dopo le eroiche partite al Santiago Bernabeu.

Da sempre, giocatori e tifosi hanno pensato che queste fossero le cose che fa il Real Madrid.

La Champions League è il campionato del Real Madrid, ha detto Cristiano Ronaldo.

Ronaldo

Vittoria: Cristiano Ronaldo con il trofeo della Champions League.

Foto: Pavel Golovkin / AP

C’è un’altra leggenda in gioco. Nel 1984/85, il Real Madrid ha diretto una serie di pick-up in Coppa dei Campioni. In semifinale ha perso 2-0 in trasferta contro l’Inter e prima del ritorno l’esterno Juanito ha dichiarato alla stampa italiana:

90 minuti al Santiago Bernabeu sono tempi lunghissimi.

La citazione giocava sulla capacità della squadra di rispondere quando sembravano essere morti. Il Real Madrid ha vinto 3-0 e poi ha alzato la coppa. Ora sono ben noti riparazioni – Senza ritorno.

73′ Mahrez, 0-1 (totale 3-5)

Questa qualità è associata al Santiago Bernabéu come luogo. In ogni turno a eliminazione diretta del torneo in questa stagione, il Real Madrid ha accumulato vittorie lì.

Quando il City ha segnato mercoledì sera e ha portato in vantaggio 5-3 complessivamente, il Real Madrid aveva 17 minuti dalla fine. L’hanno già fatto.

Nei quarti di finale sono stati meno di 2-0 in totale contro il Paris Saint-Germain a mezz’ora dalla fine, ma in 17 minuti Karim Benzema ha segnato tre gol.

Contro il Chelsea, a 11 minuti dalla fine, erano meno di 4-3 in totale. Hanno vinto 5-4.

Al Santiago Bernabeu, non puoi credere che qualcosa sia perso. Non so spiegarlo, disse poi Ancelotti, ma qui c’è la magia che ci aiuta.

Campionato spagnolo di calcio

Storico: Carlo Ancelotti, giocatore del Real Madrid.

Foto: Manu Fernandez / AP

Poi il Real Madrid ha perso 4-3 in casa del City.

“Faremo qualcosa di magico al Santiago Bernabeu”, ha detto Benzema.

perchè no? La magia è diventata più una regola che un’eccezione. Il Real Madrid pensava che la storia si sarebbe ripetuta.

Forse la città ha fatto lo stesso.

90′ Rodrygo, 1-1 (4-5 in totale)

Il manager della città Pep Guardiola ha un grande rispetto per queste cose. Nel 2017, ha detto che il City era “10 anni” indietro rispetto ai rivali continentali.

perché? Il City era tra le migliori squadre del mondo cinque anni fa.

“Non abbiamo la storia”, ha detto Guardiola.

Champions League - semifinali - ritorno - Real Madrid - Manchester City

Frustrato: Pep Guardiola ha dovuto vedere lo scontrino finale all’ultimo minuto.

Foto: Karl Rissen/Reuters

Anche il regista Kevin De Bruyne ha detto prima della partita di mercoledì che vincere avrebbe cambiato la “narrativa”. Proprio come la gente si aspetta che vinca il Real Madrid, intorno al City sono stati costruiti miti negativi.

Guardiola non vincerebbe mai la Champions senza Lionel Messi.

Guardiola spara tatticamente al piede.

“La città crolla quando arriva.”

Riconoscendo che avrebbe cambiato questo, De Bruyne ha confermato che i giocatori stanno pensando a queste cose. Quindi, quando Rodrygo ha pareggiato poco prima della fine, si può immaginare cosa gli sia passato per la testa.

nuovo Raimondada era in corso. Il Real Madrid lo sapeva. I fan lo hanno mostrato.

Sì, allora! 60.000 gridarono al Santiago Bernabéu.

Sì possiamo!

90 + 1′ Rodrygo, 2–1 (5–5 in totale)

Quindi, sono state queste storie a spingere la squadra in avanti. Prima si parlava molto di come l’esperienza del Real Madrid fosse fondamentale.

Ieri hanno segnato tutti i gol dopo aver sostituito il leggendario trio di centrocampo: Casemiro, Toni Kroos e Luka Modric.

Il capitano ispiratore Sergio Ramos è stato venduto. Ronaldo se n’è andato da tempo.

La rimonta contro il City è stata diretta da giovani che non avevano mai vinto la Champions League. Ma tutti conoscevano la storia e l’identità del Real Madrid.

Con questa tuta stiamo imparando a lottare fino alla fine, ha detto Rodrigo, che ha 21 anni.

Champions League - semifinali - ritorno - Real Madrid - Manchester City

Inversione del processo: il giovane Rodrygo ha preso in mano la situazione, ha segnato due gol e ha riportato il Real Madrid nella battaglia per il biglietto finale.

Foto: Isabel Infantes/Reuters

95 Benzema, 3-1 (6-5 in totale)

La vittoria sembrava quasi inevitabile una volta iniziati i round extra. Il City non ha tirato in porta negli ultimi 15 minuti.

Mentre i giocatori del Real Madrid festeggiavano con i tifosi, i due allenatori hanno dato le loro spiegazioni alla stampa.

Ancelotti ha detto che è la storia di questo club che lotta anche quando sembra che abbiamo finito.

“Lo hanno fatto molte volte nel corso della storia, quindi può succedere anche a noi”, ha detto Guardiola.

Su Twitter, l’account ufficiale del Real Madrid riassume un altro traguardo.

90′
90+1′
95′

Nient’altro da aggiungere.

Screenshot @realmadrid alle 12:03, 05.05.2022.

Screenshot dall’account Twitter del Real Madrid dopo la vittoria di mercoledì.

Foto: @realmadrid/Twitter

READ  Un'imminente rivoluzione dello sci svedese - NRK Sport - notizie sportive, risultati e palinsesto delle trasmissioni