giovedì, Giugno 20, 2024

Quanti sono morti quando la Cina ha riaperto dopo l’epidemia? 30 volte tanto quanto sostengono le autorità, secondo un nuovo rapporto.

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Secondo i ricercatori statunitensi, la riapertura della Cina quest’inverno si è rivelata molto mortale.

“Potrebbe un milione di persone morire in Cina senza che nessuno lo sappia?”

La domanda è stata posta sull’American Journal oceano Atlantico a marzo.

A quel tempo, molte persone si resero conto che la Cina aveva vissuto un’ondata di Corona molto mortale. Sono trapelate foto dei crematori sovraffollati. E le stesse autorità hanno riferito che l’80% della popolazione era stata infettata.

Ma il bilancio delle vittime? La cifra ufficiale di 60.000 era poco credibile. Il numero reale è rimasto un segreto di stato. Qualcosa lo è ancora.

Ma ora un gruppo di ricercatori ha combinato ciò che hanno scoperto dalle informazioni disponibili per rivelare il numero reale di morti.

Quel numero non è un milione, come stimato da The Atlantic e altri a marzo.

È quasi il doppio.

Leggi il necrologio

Complessivamente, nei due mesi successivi all’apertura del paese nel dicembre 2022, in Cina sono morte 1,87 milioni di persone in più del previsto. Più di 30 volte la cifra ufficiale. Questa è la conclusione di un rapporto pubblicato nel fine settimana sulla rivista Research La rete JAMA è aperta.

Lavoro di ricerca che conduce Giuseppe Unger. È biostatistico presso il Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle.

In totale, secondo il Ministero della Salute, sono stati registrati quasi 7 milioni di decessi a livello globale a causa della pandemia di Corona. Organizzazione sanitaria globale. Solo 100.000 di loro sono registrati in Cina. Quindi il nuovo rapporto racconta una storia completamente diversa da quella ufficiale.

READ  L'ex diplomatico Kai Eide sul dilemma dell'Afghanistan: - Forse dovremmo ingoiare dei cammelli adesso

I ricercatori hanno utilizzato diversi metodi per raggiungere questo numero. Tra le altre cose, hanno confrontato il numero di necrologi con periodi di tempo precedenti. Hanno anche misurato la frequenza con cui le persone cercavano crematori o altre cose legate alla malattia e alla morte.

Il tasso di mortalità in eccesso è stato maggiore tra gli anziani ed è stato osservato in tutte le province della Cina, scrivono i ricercatori nel rapporto.

Scopri le statistiche

Quando il leader cinese Xi Jinping ha improvvisamente allentato le restrizioni sul coronavirus a dicembre, il popolo cinese era impreparato. Il paese non ha registrato quasi nessun caso dalla prima ondata nella primavera del 2020, in gran parte a causa delle frontiere chiuse e delle regole molto rigide di controllo delle infezioni. Pertanto, molti anziani scelgono di non vaccinarsi.

Il leader cinese Xi Jinping ha scelto di ritardare la riapertura per molto tempo. Quando finalmente lo fece, a dicembre, la popolazione era impreparata.

Pertanto, molti presumevano che il tasso di mortalità sarebbe stato elevato. Ma le autorità hanno scelto di censurare il numero di coloro che effettivamente sono morti. Al di fuori della Cina, molti hanno cercato di trovare la risposta.

A luglio è arrivata la rivista L’economista Al numero 1,6 milioni. Il punto di partenza era un numero che forse era stato pubblicato per errore: il numero delle cremazioni nella provincia di Zhejiang nei primi tre mesi dell’anno.

Le informazioni sono rimaste online per un breve periodo prima di essere nuovamente rimosse. Ma abbastanza a lungo perché venga scoperto da The Economist e altri.

Secondo le statistiche ufficiali, il numero delle cremazioni in questi tre mesi ha raggiunto le 171.000. Era del 73% più alto del normale. Circa il 5% della popolazione cinese di età superiore ai 65 anni vive nella provincia di Zhejiang. Se si presuppone che le morti in eccesso siano le stesse in tutto il Paese, si arriva a 1,6 milioni.

Ci sono molti punti deboli in questo tipo di account, quindi dovrebbe essere letto con una certa cautela. Ciò vale anche per il nuovo rapporto di ricerca.

Il metodo è innovativo, ma anche molto debole.

Questa è l’opinione dell’analista cinese Bill Bishop, autore della famosa newsletter Cinese.

Tuttavia, definisce i numeri dell’ultimo rapporto “scioccanti”.

Le ultime restrizioni sono ormai scomparse

La Cina è in lockdown da quasi tre anni a causa del coronavirus. È costato caro al Paese. La riapertura deve ancora portare a un boom economico e l’economia del Paese mostra significativi segnali di stallo.

Le restrizioni sono state rimosse in Cina e molte cose rimangono le stesse di prima. Ecco le persone che hanno visitato la fiera della robotica a Pechino la scorsa settimana.

Ora le autorità stanno lavorando duramente per far funzionare nuovamente le macchine. Tra l’altro, il livello dei tassi d’interesse è stato rivisto due volte nell’ultimo mese.

E il covid? questa settimana Scompare Una delle ultime restrizioni in Cina. Sarà quindi possibile viaggiare nel paese senza mostrare un test corona negativo.

More articles

Latest article