lunedì, Luglio 15, 2024

Sensuale, acuto e affascinante – Dagsavisen

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

arte

Secondo Barclay

“morbido dolce turbinio”

Centro per le arti Heene Onstadt

fino al 14 gennaio

Hovekoden (Dajsavisen): Pensaci: abbiamo un artista tra noi che ha lasciato un segno nella storia dell’arte mondiale. La Oil Room di Pere Barclay, dove riveste il pavimento di qualsiasi cosa, dalle stanze sacre della chiesa alle stanze fredde e banali, con il bellissimo liquido seducente ma mortale, assorbe e riflette il paradosso moderno.

Allo stesso tempo, la retrospettiva direzionale ed eclettica presso l’Heene Onstadt Art Center mostra un artista che affronta la gamma di emozioni associate all’essere una persona moderna. Urla l’angoscia esistenziale dell’esistenza, ma allo stesso tempo dimostra affetto immergendosi in esperienze formali ripetitive.

Il suo contributo più importante alla storia dell’arte è che mostra la dualità del petrolio come forza benefica e distruttiva: come combustibile per la maggior parte delle nostre macchine moderne (che avevamo), il petrolio è una componente importante dello sviluppo dell’economia moderna. società. . Goop è stata la vera forza trainante dell’economia capitalista e ha creato le basi per l’enorme ricchezza della Norvegia negli ultimi 50 anni. Nel frattempo, il petrolio è altamente tossico, il che rende catastrofiche le conseguenze dell’inquinamento. L’inquinamento da petrolio è una causa importante della nostra crisi climatica.

Se utilizzato in un contesto artistico, l’olio è difficilmente sostituibile con qualsiasi altra cosa. Quando Bear Barclay ha a che fare con acqua, sangue o latte, il risultato non è sempre sensazionale. Poiché il liquido è così scuro e impenetrabile, l’olio ha un potere riflettente che dà alla stanza l’esperienza che l’olio viene inserito in un carattere completamente nuovo. Lo specchio ti fa vedere la stanza sottosopra in un modo diverso. Se attivi la capacità di pensare, ciò può avere conseguenze anche sulla tua esperienza del mondo.

READ  DNB Markets declassa il mercato azionario | Finansavisen

Dopo più di quattro decenni, Per Barclay (nato nel 1955 a Oslo) ha ancora molto da offrire. Ha installato le sue camere a olio in innumerevoli luoghi, ma la mostra presso l’Heene Onstadt Art Center mostra solo un’installazione a olio e ne documenta un’altra. Ma le fotografie installate lo scorso anno nella sala della vecchia Biblioteca Deshmansky di Oslo contengono molto di più. L’installazione offre un’esperienza enorme che combina l’apprendimento dei libri, la conoscenza ereditata e la minaccia dell’inquinamento petrolifero. È dannatamente seducente.

Piuttosto che mantenerlo semplice e mostrare una serie di fotografie della Barclay Oil Room, la curatrice Anna Maria Bresciani ha scelto di approfondire i molti aspetti meno conosciuti dell’artista. Tre grandi “polmoni” riempiono le bellissime sale di Prisma e trasformano le stanze in creature viventi. Questi grandi palloncini bianchi in finto tessuto sono riempiti d’aria e compressi su una semplice struttura angolare in acciaio. Se i ventilatori collegati continuassero a soffiare, nell’edificio si creerebbe una corrente d’aria insopportabile. Invece, vengono accesi e spenti regolarmente, in modo che i polmoni possano “respirare”. Pertanto, l’esposizione è caratterizzata da movimenti lenti e i polmoni diventano come curve circolari in un’esperienza di visualizzazione sensoriale.

Secondo Barclay

Il curatore ha incluso anche i primi lavori risalenti al periodo in cui Barclay studiò in Italia negli anni ’70. Includono un autoritratto in cui l’artista che ha dipinto il suo corpo sembra tenere una lama di rasoio tra le labbra. Lo strumento contundente è anche un motivo importante nella scultura “La camicia dell’Angelico”, in cui le maniche e il colletto della camicia sono completati da lamette da barba. Un altro autoritratto mostra un giovane artista fragile con lo sguardo acuto della leggendaria attrice italiana premio Oscar Anna Magnani che fissa il ritratto.

READ  L'enorme pacchetto retributivo di Elon Musk ha ottenuto sì - E24

A causa delle sue camere ad olio, Per Barclay viene spesso definito un fotografo. È un termine improprio. La verniciatura delle camere a olio è stata affidata all’artista fotografico Finn Circe-Hansen. Un artista di installazioni è una qualifica professionale valida, ma Barclay si considera principalmente uno scultore. Ciò è particolarmente evidente nella galleria, che oltre ai “polmoni” è adornata da una serie di piccole sculture appese al muro. Entrambi sono crudi e belli e possono essere visti come esperienze continue nel corso della sua carriera.

Sono incluse anche diverse “serre”. Uno di questi è permanentemente situato sul prato appena fuori dall’ingresso dell’Arts Center. E dentro la galleria ce ne sono due che trasportano grandi botti. Il suono dei martelli che colpiscono i tamburi conferisce alla mostra un peso che completa il suono delle eliche che riempiono d’aria le sculture polmoni. Le Drumhouses assumono una dimensione extra quando apprendiamo che sono state realizzate per una mostra a Belfast, dove i tamburi sono una parte simbolica del lungo conflitto in Irlanda del Nord. Il conflitto creò un livello di minaccia e tensione mentre lavorava lì che lasciò il segno nelle sue arti.

Secondo Barclay

Bear Barclay visse in Italia per decenni e lì furono create alcune delle sue opere più famose. Uno di questi è incluso in mostra sotto forma di installazione con l’immagine dell’installazione ad olio nella Chiesa di San Domenico ad Arezzo. Nel 2014 ha posizionato un vaso per l’olio sopra l’altare in modo che rifletta il famoso Crocifisso di Cimabue del 1270 circa. Cimabue è considerato una figura di transizione dall’arte piatta medievale bizantina al Rinascimento. Questo perché ha dato l’immagine di Cristo al corpo crocifisso. Come insegnante, trasmise questo modo di pensare a Giotto, l’artista a cui è riconosciuto il merito di penetrare il Rinascimento e di inaugurare così la moderna comprensione dell’arte e del mondo.

READ  Elon Musk acquista Twitter per circa $ 44 miliardi - E24
Secondo Barclay

La cosa interessante dell’installazione di Henie Onstad è che l’immagine dell’installazione di Arezzo è appesa sopra una coppa per l’olio quadrata sul pavimento. Questo si riferisce a un’altra opera iconica, Il quadrato nero del polacco-ucraino Kazimir Malevich del 1915. Il dipinto è considerato una delle opere più importanti della storia dell’arte, in parte perché è visto come la fine o l’apice dell’arte modernista. E disegnando un quadrato nero su sfondo bianco, ha completato il movimento moderno verso un’espressione semplicistica. Ma ciò che molti non sanno è che l’arte di Malevich si basa sull’imitazione delle icone e che il “quadrato nero” era appeso nell’angolo sotto il soffitto quando fu mostrato per la prima volta – nello stesso modo in cui venivano collocate le icone nell’Europa dell’Est. le case.

Posizionando la coppa dell’olio obliquamente rispetto al suolo, Per Barclay dimostra di essere consapevole di questa tradizione. In un’opera abbraccia l’intera storia dell’arte moderna, collocando allo stesso tempo il suo lavoro in un’estensione della storia stessa, come reinterpretazione del radicalismo della storia moderna. È a dir poco geniale.

More articles

Latest article