giovedì, Giugno 20, 2024

Quattro paesi sono invitati a unirsi al club. Ciò dimostra che qualcosa di importante sta cambiando in Medio Oriente.

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Istanbul (Affenposten): In precedenza, il Medio Oriente era visto come una regione dove non c’erano altro che conflitti. E ora cresce la voglia di collaborare.

Questa settimana, il presidente iraniano Ebrahim Raisi si è recato a Johannesburg, in Sud Africa, per partecipare al vertice dei BRICS. Fino al prossimo anno, l’Iran potrà diventarne membro.

Questa settimana si sono incontrate alcune delle nazioni più potenti del Sud del mondo.

Il gruppo BRICS è composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa. Vuole essere una controparte delle potenze occidentali. I paesi raggiungeranno questo obiettivo attraverso la cooperazione nei campi della politica e dell’economia nei loro forum.

Finora è andata bene. Anche perché la crescita sperimentata in molti paesi quando l’idea è stata concepita, circa 20 anni fa, è rallentata.

Ma il gruppo rappresenta più del 40% della popolazione mondiale. In termini di potere d’acquisto, i cinque paesi possono farlo effettivamente misurato Con forza economica combinata Paesi del G7. Paesi del G7. Il gruppo di lavoro delle sette democrazie industrializzate più ricche del mondo (Canada, Francia, Italia, Giappone, Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti d’America).

E ora i paesi BRICS hanno deciso di crescere. Sei nuovi paesi sono stati invitati a unirsi al club. Tra questi ci sono quattro paesi del Medio Oriente: Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti ed Egitto.

Racconta qualcosa di importante sullo sviluppo della regione.

cercando un contatto

– Il fatto che il Medio Oriente non fosse prima rappresentato ha qualcosa a che fare con i conflitti nella regione, dice l’ambasciatore Ludgard. È ricercatore senior presso l’Istituto norvegese per la politica estera.

Spiega che ora qualcosa sta per cambiare.

– Ludgard dice che il Medio Oriente sta attraversando una fase in cui i paesi cominciano a cercare la comunicazione tra loro.

E all’inizio di quest’anno, i rivali storici Iran e Arabia Saudita hanno ristabilito le relazioni diplomatiche. Ed è stata la Cina a prendere gli accordi.

Negli ultimi anni anche diversi paesi arabi hanno accettato di normalizzare le relazioni con Israele. Maggiore stabilità significa maggiore disponibilità a cooperare.

Vuole lasciare gli Stati Uniti

E Ludgard spiega che l’Arabia Saudita è il motore più importante di questo sviluppo.

Il principe ereditario Mohammed bin Salman è il più potente del Paese. Vuole rendere il Paese meno dipendente da due cose: il petrolio e gli Stati Uniti. Questo è il motivo per cui è diventato un forte sostenitore di una maggiore cooperazione regionale.

Il principe ereditario ha capito cosa significa la geopolitica per i paesi di medie dimensioni, dice il ricercatore.

– Cioè, la dipendenza dagli altri si riduce diffondendola. Attraverso la sua appartenenza ai BRICS, cerca di raggiungere l’equilibrio nelle relazioni con gli altri e di espandere il campo di lavoro saudita.

La corona nel gioiello

Per i BRICS, l’Arabia Saudita è forse il più importante tra i nuovi membri del Medio Oriente.

Il paese è uno dei più importanti produttori di petrolio al mondo. Ciò conferisce ai paesi BRICS un maggiore peso politico ed economico.

L’Arabia Saudita è già il partner commerciale più importante dei paesi BRICS in Medio Oriente. La Cina, a sua volta, appartiene all’Arabia Saudita Più grandi cliente petrolifero.

L’altro paese che ha lavorato per rafforzare le sue relazioni con Cina e Russia sono gli Emirati Arabi Uniti. Il paese è stato tradizionalmente uno stretto alleato degli Stati Uniti. È anche considerato uno dei centri finanziari più importanti della regione. Per Brix si tratta di un altro giocatore importante da inserire nell’ovile.

Questa settimana i leader dei paesi BRICS hanno deciso di aggiungere nuovi membri al gruppo.

Vittoria per l’Iran

Cina e Russia sono oggi le forze trainanti dell’espansione dei BRICS. Non a caso. Entrambi i paesi sono soggetti a sanzioni economiche da parte degli Stati Uniti.

Lo stesso vale per l’Iran. Per le autorità di Teheran l’invito è una grande vittoria, scrive New York Times. Ciò darà all’Iran maggiori opportunità di stabilire relazioni economiche con i paesi non occidentali. In questo modo diventa più semplice aggirare le sanzioni.

– Gli stati membri stanno discutendo, tra l’altro, la possibilità di regolare gli scambi commerciali tra loro nelle loro valute nazionali, dice Ludgard.

Egli sottolinea che, a lungo termine, ciò potrebbe portare ad un deprezzamento del dollaro USA nell’economia globale.

Sviluppo rapido

Il New York Times ha scritto che anche l’inclusione di paesi come l’Iran nei BRICS contribuirebbe ad aumentare la tensione geopolitica. Cosa significa per l’Occidente che il gruppo si sta espandendo?

– Questo è principalmente un segno dei tempi. Ludgard dice che il Sud del mondo è in crescita, e l’espansione dei paesi BRICS lo conferma.

Secondo lui è ancora difficile sapere quanto ciò cambierà gli equilibri di potere nel mondo. Sottolinea che molti paesi BRICS godono ancora di forti legami economici con l’Occidente.

– Nel frattempo, lo sviluppo negli ultimi anni è stato molto rapido. Soprattutto in Medio Oriente.

READ  L'uomo che ha minacciato di far esplodere una bomba al Congresso si è arreso

More articles

Latest article