Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Questo è il contatto Krekar (43) condannato per terrorismo in Italia

Mercoledì, il tribunale distrettuale di Oslo deciderà se un rapitore norvegese di 43 anni può essere detenuto mentre è in corso l’elaborazione della richiesta di estradizione italiana.

I pubblici ministeri hanno chiesto che la donna di 43 anni fosse detenuta per quattro settimane.

L’uomo sulla quarantina, condannato al carcere in Italia nel caso del Mullah Krekar, è stato rilasciato, secondo una sentenza del tribunale distrettuale di Oslo.

Il 19 luglio la Norvegia ha ricevuto dalle autorità italiane un mandato di cattura per l’estradizione dell’uomo in Italia.

– Poi abbiamo condotto le indagini, come previsto dalla legge, per valutare se le condizioni fossero soddisfatte. Abbiamo contattato il crepus e le autorità italiane e abbiamo ricevuto una risposta. Ci è voluto del tempo, dice l’avvocato della polizia Ann Caroline Bakken, attraverso lo staff del PST all’NTB.

Arrestato fuori casa

L’imputato è stato arrestato dal PST martedì mattina fuori casa sua.

In base alle nuove regole sull’estradizione in Europa, introdotte a novembre, l’estradizione potrebbe ora essere possibile a differenza di prima, dove i cittadini norvegesi non possono essere estradati.

Secondo il Servizio di sicurezza della polizia (PST), il 43enne è ricercato a livello internazionale per l’arresto e il processo in Italia.

Senza comparire in tribunale, l’uomo è stato condannato nel luglio 2019 a nove anni di carcere in Italia. Secondo le autorità italiane, l’uomo di 43 anni che vive a Ostfold ha svolto un ruolo fondamentale nella rete terroristica “Roti Shacks”.

Contesta sia la custodia che la base di estradizione. Né ritiene corretta la sentenza pronunciata contro di lui in Italia.

I pm ritengono che ci sia ora il rischio di evasione a causa del nuovo mandato di arresto. L’avvocato dell’uomo, l’avvocato Celina Therese Eckault, ritiene, tuttavia, che non vi sia alcun pericolo di evasione perché l’uomo è ben radicato in Norvegia.

READ  - Scherzi senza gusto - VG

– Vive qui da 21 anni ed è cittadino dal 2006. Ha anche la moglie di un cittadino norvegese e hanno due figli piccoli, dice Ekholt a NTB.

Le conversazioni vengono intercettate

Secondo la sentenza di Bolzano, il 43enne ha prestato servizio come vice comandante quando Krekar ha scontato la sua pena nel carcere di Kongsvinger.

Dopo che il PST ha arrestato Krekar nel marzo 2012, le conversazioni che aveva avuto successivamente nella sala visite della prigione di Kongsvinger sono state intercettate.

TV 2 ha avuto accesso a oltre 100 pagine di giudizio da Bolzano, in cui viene menzionato il ruolo del 43enne in Rawti Shax.

Insieme a uno dei più stretti sostenitori di Krekar, condannato nel 2017 a sei anni di carcere da un tribunale britannico per essere un membro dell’ISIS, il 43enne ha dal 2009 un ruolo chiave nella rete.

Secondo le autorità italiane, l’organizzazione “Roti Chas” ha una dimensione aperta e nascosta e celle segrete allo scopo di commettere atti terroristici in Europa e in Occidente.

Missioni segrete coordinate

E’ quanto afferma sul 43enne la sentenza di Bolzano, che si basa su un ampio e completo corpus di prove:

  • In qualità di “Direttore dell’istruzione”, era il teorico che doveva lavorare per radicalizzare i membri della rete. Ha tradotto, pubblicato e diffuso il messaggio di Krekar in Europa e in Kurdistan.
  • Ha coordinato missioni segrete per procurarsi armi da utilizzare nelle operazioni in Europa.
  • E ha usato iniziative di beneficenza come copertura quando ha fatto piani segreti per eseguire tentativi di ricatto in Kurdistan, dove i funzionari del governo erano destinati a cadere in una “trappola del miele”. Secondo una conversazione intercettata nella prigione di Kongsvinger nel settembre 2012, il 43enne si era recato in Iraq con il consenso di Krekar, per allestire una casa per ex prostitute a questo scopo.
  • Aveva l’autorità di trasferire fondi alle attività della rete e alle famiglie dei presunti martiri. Secondo una conversazione intercettata nel carcere di Kongsvinger, il 43enne ha detto a Krekar di aver trasferito i “soldi del martire” alle famiglie di due jihadisti.
  • Per conto di Krekar, ha svolto missioni in Nord Africa e Medio Oriente, stabilendo e mantenendo contatti clandestini e strategici con altre organizzazioni terroristiche.
READ  Turismo italiano in ginocchio | Lettere di notizie

Secondo un’obiezione fatta da PST per conto della polizia italiana, il 43enne ha dichiarato in una conversazione nel febbraio 2013 di non essere stato in grado di stabilire contatti in Egitto. Il motivo era che l’apparato di sicurezza egiziano lo teneva d’occhio tutto il tempo, perché le autorità norvegesi glielo avevano chiesto.

La polizia italiana ritiene che Krekar fosse il capo di 16 curdi iracheni e albanesi kosovari, tutti arrestati durante un’operazione coordinata ordinata dalla polizia italiana nel novembre 2015.

Chiedere armi

Il 43enne era tra gli arrestati nel 2015, dopo che il pm italiano nella cosiddetta sentenza di Roma aveva chiesto l’arresto e la reclusione dei membri della rete.

La sentenza di 1.161 pagine contiene trascrizioni e verbali di conversazioni intercettate e il nome del 43enne è stato trascritto più di 1.500 volte nel documento che fornisce prove delle attività di Rawti Shax.

In una conversazione notata dalla polizia italiana nel febbraio 2012, il 43enne avrebbe chiesto armi ai curdi, Abdurrahman Nowruz:

– Puoi comprarmi due armi e portarmele in Olanda?

Un investigatore antiterrorismo italiano che ha testimoniato durante il processo a Bolzano ha spiegato che le armi sono specificamente menzionate solo nella prima conversazione. Più tardi, “alberi” e “foglie” sono stati usati come riferimento a “armi” e “riviste”, dopo che il 43enne ha chiesto a Nowruz:

– Ora ti ho chiesto di prendere le armi. La prossima volta che mi parli, parleremo di alberi e foglie.

Pagare i “soldi del martire” dopo gli attentati agli aeroporti militari

prigioniero ad alto rischio

Nowruz è stato poi condannato a sei anni di carcere in Italia. I pubblici ministeri italiani affermano che la presunta mente cellulare italiana è particolarmente attiva nel reclutamento di nuovi jihadisti, sia online che per affari dal suo appartamento a Merano.

READ  Si apre in un nuovo libro su Ari Behn: - È così rivelatore

Nel marzo 2012, Nowruz ha partecipato a una manifestazione con Krekar fuori dal Parlamento. Prima della manifestazione, secondo quanto riportato dalla sentenza di Bolzano, Nowruz avrebbe incontrato il 43enne a Oslo.

Il Mullah Krekar è considerato un prigioniero ad alto rischio in Italia, che sta scontando una condanna a 12 anni di carcere per aver tramato terrorismo.

L’islamista curdo era stato precedentemente rinchiuso nel carcere romano di Pribbia, ma quest’estate è stato trasferito a Bado y Carros, località montana di Nuoro, al centro della Sardegna. Il carcere di massima sicurezza ospita anche esponenti di organizzazioni criminali mafiose come Cosa Nostra, ‘Ndrangheta e Camorra. (TV 2 / NTB)

– È considerato estremamente pericoloso