Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Qui giace Yazan, 12 anni, emaciato in un ospedale di Gaza – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Qui giace Yazan, 12 anni, emaciato in un ospedale di Gaza – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Sul letto d'ospedale di Rafah giace il corpo del ragazzino. Debole ed emaciato.

Il nome del bambino di 12 anni è Yazan Al-Kafarneh. La guerra a Gaza gli ha tolto tutto.

Una madre preoccupata è seduta sul bordo del letto. Il ragazzo non riusciva quasi più a muoversi.

Racconta come ha vissuto tutta la sua vita con una paralisi cerebrale e che dipendeva da cibo e medicine speciali.

Nei disastri umanitari, come quello di Gaza, spesso le persone affette da malattie croniche vengono colpite per prime, afferma il medico e professore di medicina Eric Vos.

L'immagine mostra come appariva Yazan prima della guerra.

Foto: Twitter/Istantanea dal telefono del padre

– La salute di Yazan era buona prima della guerra. Mangiare e bere. Gioca e sorridi, dice la madre in un'intervista televisiva alla Reuters.

Recentemente, il dodicenne viveva di briciole di pane. Se la famiglia non riusciva a trovare cibo, viveva di zucchero.

La madre di Yazan Al-Kafarneh tiene la mano di suo figlio in un ospedale di Rafah, nella Striscia di Gaza.

La madre di Yazan Al-Kafarneh tiene la mano di suo figlio in un ospedale di Rafah, nella Striscia di Gaza.

Fotografia: Yasser Qadeeh/Reuters

La ragione principale dietro il suo aspetto ridotto a ossa è la mancanza di nutrizione, dice il suo parente, Muhammad Al-Kafarna.

Foss ha detto che Yazan è senza dubbio morto soffrendo di malnutrizione e disidratazione. Dice anche che a causa della malattia aveva pochi muscoli e sembrava particolarmente magro.

Per ottenere aiuto per il figlio, la famiglia ha viaggiato dall'estremo nord di Gaza City all'estremo sud.

La madre di Yazan dice che vengono da Beit Hanoun, a nord di Gaza.

La rotta dei rifugiati si dirigeva prima al campo profughi di Jabalia.

Fuggirono anche a Nuseirat –

Alla fine sono arrivati ​​a Rafah.

Non è andato oltre il letto d'ospedale all'interno dell'ospedale Al-Najjar di Rafah. Qui i civili aspettano di poter attraversare il confine.

Yazan è morto lunedì con la madre e il padre al suo capezzale. Il rapporto dell'autopsia di Yazan non è disponibile.

– Se continua così, altrimenti i bambini sani finiranno come lui, dice Voss.

Disastro causato dalla carestia causato dall’uomo

Recentemente, Michael Fakhry, il principale esperto delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, ha avanzato una delle accuse più forti contro Israele fino ad oggi. Ha affermato che “Israele ha deliberatamente fatto morire di fame il popolo palestinese a Gaza dall'8 ottobre”.

Guardiano Hanno chiesto a Israele di rispondere all'inclusione di Fakhri, ma non lo hanno fatto.

Israele sta conducendo una guerra contro il movimento armato Hamas, dopo l'attacco terroristico del 7 ottobre, in cui sono state uccise poco meno di 1.200 persone.

Secondo le Nazioni Unite a Gaza, 2,2 milioni di persone a Gaza sono ora classificate come colpite da una crisi alimentare o peggio.


“Ora prende di mira i civili in cerca di aiuti umanitari e convogli umanitari”, ha detto Fakhri al Guardian.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), nel nord di Gaza un bambino su sei sotto i due anni è vittima di malnutrizione acuta.

– Ora, quando i bambini inizieranno a morire di fame, l'allarme dovrebbe suonare. Se non ora, quando sarà il momento di fermarsi, si chiede Jens Lark, portavoce dell'Ufficio delle Nazioni Unite per gli aiuti d'emergenza (OCHA).

Secondo le autorità sanitarie di Gaza, almeno 15 bambini sono morti di malnutrizione e disidratazione in un ospedale di Gaza.

Riyad Mansour con Doaa alle Nazioni Unite.

Secondo il Global Nutrition Cluster, guidato dall’UNICEF, il 90% dei bambini di età compresa tra 6 e 23 mesi e delle donne incinte e in allattamento a Gaza soffrono di grave carenza di cibo.

– Quella faccia indica qualcosa che non è stato assaggiato

Le Nazioni Unite hanno da tempo messo in guardia dalla carestia a Gaza. Il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato lunedì di aver ispezionato due ospedali nella Striscia di Gaza, Al-Awda e Kamal Adwan Hospital.

Altri operatori umanitari indipendenti hanno fatto lo stesso.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata testimone di gravi casi di malnutrizione, di bambini che muoiono a causa della malnutrizione e di mancanza di attrezzature mediche.

I bambini sopravvissuti alle bombe potrebbero non sopravvivere alla carestia, ha scritto Ghebreyesus su X.

Eric Voss

Eric Voss ha potuto vedere la foto di Yazan quando era vivo e dopo la sua morte.

Foto: Irene Tjovlot/NRK

Eric Voss, uno dei medici della NORWAC, ha recentemente lavorato presso l'Ospedale Europeo di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza.

Ha visto una foto di Yazan vivo e dopo la sua morte.

– Quella faccia laggiù. È un segno di qualcuno che non mangia abbastanza.

Dice che molti adulti a Gaza stanno cominciando ad acquisire tali caratteristiche. Lui stesso ha perso sette chilogrammi mentre era lì. Tuttavia, sottolinea che i bambini sono particolarmente vulnerabili.

– Nessun bambino a Gaza non ha più abbastanza da mangiare o da bere.

Bambini affetti da malnutrizione a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Bambini affetti da malnutrizione in un ospedale di Rafah, nella Striscia di Gaza.

Fotografia: Muhammad Salem/Reuters

Afferma che il motivo per cui il corpo di un ragazzo appare particolarmente emaciato è in gran parte dovuto alla malattia.

-Forse aveva qualche muscolo particolare. Non penso che usasse le braccia o le gambe in modo particolare. Ecco perché sembra così eccitante.

Aiuti minimi di emergenza

C’è una significativa carenza di aiuti di emergenza a Gaza. Le Nazioni Unite accusano da tempo Israele di aver impedito che gli aiuti di emergenza raggiungessero i residenti di Gaza.

I dati delle Nazioni Unite mostrano che la quantità di aiuti di emergenza, compresi carburante, medicinali vitali e cibo, è diminuita dal 7 ottobre.

Ogni giorno vengono trasportati circa 500 camion.

Il grafico seguente mostra il numero di camion carichi che sono entrati a Gaza dal 7 ottobre al 29 febbraio, suddivisi in periodi di sei giorni.

La linea rossa mostra il numero di camion abbandonati prima della guerra.


Nelle ultime settimane, la pressione su Israele è aumentata, soprattutto dopo che la Corte delle Nazioni Unite ha aperto un caso di genocidio contro Israele.

Da allora, l’importo degli aiuti di emergenza è leggermente aumentato, ma è ancora lontano dal livello normale.

La carenza di carburante ha anche portato molti ospedali a ridurre o interrompere le operazioni.

I bambini palestinesi aspettano di ricevere il cibo preparato da una cucina di beneficenza in mezzo alla carenza di scorte di cibo.

I bambini palestinesi aspettano di ricevere il cibo preparato da una cucina di beneficenza in mezzo alla carenza di scorte di cibo.

Fotografia: Muhammad Salem/Reuters

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), solo il 22,5% delle strutture sanitarie primarie nella Striscia di Gaza sono funzionanti.

Si fermano i pronto soccorso

Quando è iniziata la guerra, Israele aveva chiarito che avrebbe impedito l’ingresso di cibo e bevande a Gaza.

Successivamente hanno moderato tali dichiarazioni.

La nostra guerra è contro Hamas, non contro gli abitanti di Gaza, ha detto recentemente Daniel Hagari, portavoce dell'esercito israeliano.

L'immagine satellitare mostra che gli aiuti di emergenza possono entrare attraverso il valico di frontiera di Rafah.

Un’immagine satellitare mostra gli aiuti di emergenza che arrivano attraverso il valico di frontiera di Rafah a febbraio.

Immagine: Maxar Technologies/AP

L'esercito israeliano afferma di aver abbattuto circa 14.000 camion carichi di rifornimenti dal 7 ottobre.

Gli Stati Uniti, il più importante alleato di Israele, hanno aumentato la pressione per fornire maggiori aiuti di emergenza a Gaza. Martedì, la vicepresidente americana Camilla Harris ha incontrato il ministro israeliano Benny Gantz, dove hanno discusso della necessità di aiuti di emergenza a Gaza.

NRK è stata in contatto con l'IDF e ha chiesto loro cosa stanno facendo per garantire aiuti di emergenza ai residenti a Gaza e ha posto domande sulla situazione di Yazan.

Dicono che sia morto di malattia.


READ  Ministro della Difesa britannico: il destino dell'Ucraina è nelle mani dell'Occidente