Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Qui mia madre è tornata in Nazionale

Veronica Christiansen durante il suo ritorno in Norvegia ad Halden mercoledì sera. Foto: Fredrik Varfjell/NTB

(Norvegia-Austria 43-22) Veronica Christiansen (33) ha dovuto piangere quando ha visto il suo nome nominato nella selezione per le partite internazionali contro l'Austria.

È tornata mercoledì sera, 16 mesi dopo la sua ultima partita, con la bandiera sul petto.

Il terzino è diventata mamma di Olivia a luglio, è tornata a Gyor a ottobre e ora fa parte anche della nazionale in vista delle Olimpiadi di quest'estate.

-È stato meraviglioso diventare madre. E aggiunge: “Non mi aspettavo che ci sarebbero stati così tanti nuovi sentimenti, così tanto amore e allo stesso tempo così tante paure”. palla a mano – Ammette che c'era una lacrima quando è stata portata fuori per la prima volta dalla nascita.

Mercoledì sera è tornata, forse in grado di contribuire alla stabilità che mancava verso la fine del Mondiale.

Nora Mörk ha appena messo la palla alle spalle del portiere austriaco. Foto: Fredrik Varfjell/NTB

– Va ricordato che non esiste un livello di medaglia per l'avversario, ma una buona sessione di partita, dice Thorir Heirgeirsson a TV 2.

Inizialmente l'Austria era utilizzabile. O forse più precisamente: la Norvegia era un po’ letargica. La situazione è cambiata rapidamente. Nel primo tempo il punteggio era 19-10, e nel secondo tempo la Norvegia ha completamente sopraffatto l'Austria.

– Di tanto in tanto vediamo una squadra norvegese che ci piacerebbe vedere, anche se l'opposizione non è eccezionale, dice il commentatore di TV 2 Bent Svil.

La Norvegia è il campione d'Europa, mentre l'Austria è pronta per l'Europeo in qualità di organizzatore.

Vjeld Ingstad sorride dopo aver segnato nel primo tempo contro l'Austria. Foto: Beyat Uma Dahli/NTB

Nella Coppa del Mondo prima di Natale, gli attaccanti hanno faticato con i risultati. Al momento non è chiaro quante persone Thorir Hergeirsson intende portare con sé alle Olimpiadi di Parigi. Quindi, sono stati diversi i giocatori di linea che hanno colto l'occasione per farsi vedere mercoledì. Velde Ingstad ha segnato sei gol su sette, Maren Ardal tre gol e Kari Pratsit Dell tre gol.

READ  - Non so cosa sia successo - NRK Sport - Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

-Sono felice perché non sarò io a guidare la squadra. Ci sono molti buoni giocatori tra cui scegliere, dice Ingstad a TV 2.

Alla sua 351esima presenza, Catherine Lundy ha giocato bene e ha guadagnato più del 50% – 16 parate e 15 concessioni.

L'allenatore Hergerson potrebbe essere felice che la Norvegia sia riuscita a vincere 7 partite a 6, il che potrebbe essere importante per portarla alle Olimpiadi.

– Siamo riusciti a realizzare molto di ciò che era stato pianificato, afferma Catherine Lundy a TV 2.

Le due squadre si incontreranno domenica a Innsbruck.