venerdì, Luglio 19, 2024

Recensione del film “Aibileen”: Strong about Mats

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

documentario

“Aiblin”

Anteprima nelle sale cinematografiche venerdì 8 marzo

Norvegia. 9 anni. Regia: Benjamin Rhee

Con: Mats Steen, Lisette Rovers, Kay-Simon Frederiksen, Robert Steen, Trude Steen, Mia Steen

Asbjørn Slettemark è critico televisivo per Aftenposten. VGTV è un produttore associato di “Ibelin” e il dipendente di VGTV Benjamin Rhee è il regista. Quindi VG ha chiesto a un critico esterno di valutare il film.

Quando Mats Steen (25 anni) morì, i suoi genitori scoprirono che aveva dato loro la password del suo blog. Hanno pubblicato che il loro figlio era morto e la casella di posta non smetteva di inviare avvisi. Reazioni calorose e adorabili sono arrivate da tutto il mondo.

“Ebilin” racconta la toccante storia di un giovane ragazzo norvegese malato che ha vissuto una vita internazionale online mentre era su una sedia a rotelle.

Giocatore emotivo: Mats Steen in “Ibelin”. Foto: operatori media/Björg Engdahl/Euphoria

Mats di Oslo è nato con la distrofia muscolare di Duchenne, una malattia che impedisce lo sviluppo dei muscoli. I genitori hanno scoperto la malattia quando il bambino è cresciuto ed è diventato come gli altri bambini sani.

Inciampò giù per le scale. Il ragazzo non può calciare un pallone. La vita su una sedia a rotelle è finita mentre i muscoli si indeboliscono e gli amici prosperano fisicamente. Mats trascorreva le sue ore di veglia online, trascorrendo sempre più tempo nel gioco «Mondo di Warcraft». I medici dissero che difficilmente avrebbe vissuto oltre i vent'anni.

I genitori erano preoccupati anche se il figlio chiaramente aveva successo nel mondo digitale. Quando morì, scoprirono tramite un post sul blog che Mats aveva vissuto una vita agiata online. Aveva degli amici. Una vasta cerchia di altri giocatori si interessò a Mats e lo ammirarono. Il figlio ha sperimentato ciò che rattristava di più i suoi genitori e che non aveva mai sperimentato: l'amore.

READ  L'uomo ha imposto un'ordinanza restrittiva nei confronti di Sofia Vergara

Amore sperimentato: gli avatar di Lisette Roover e Mats Steen in “World Of Warcraft”. Foto: Operatori dei media/Euforia

Ho già raccontato la storia di Ibelin, il soprannome di Mats Steen. Il primo in una delle migliori storie NRK online del 2019. Successivamente, Robert Steen – conosciuto da molti come ex consigliere comunale di Oslo e figlio di Reolf Steen – ha scritto la commovente autobiografia familiare “Om natten lyser stjernen”.

Naturalmente, la straordinaria vita di Mats Steen è diventata il documentario “Ebilin”. Ma può il film aggiungere qualcosa a una storia già consolidata? “Ibelin” è già stato celebrato nei festival statunitensi ed è stato acquistato dal colosso dello streaming Netflix per una visione successiva, dopo la sua première nei cinema norvegesi.

Il mercato internazionale dei documentari può essere un luogo quasi senza legge, dove le storie strappalacrime vengono distorte fino a diventare irriconoscibili per assicurarsi il favore dell’algoritmo. Ma la storia di Mats è in buone mani con Benjamin Rey.

Documentario: Benjamin Rhee ha diretto “Ibelin”. Foto: Christopher Kumar/Euforia

Il regista norvegese ha ottenuto il massimo dei voti con “L'artista e il ladro”. In “Aibileen” mostra ancora una volta come può trasmettere gli elementi importanti di una storia, sorprendendo allo stesso tempo con colpi di scena semplici ma intelligenti.

“Ebelin” è composto grosso modo da due parti. Per prima cosa scopriamo l'educazione di Matt, di cui molti conoscono attraverso articoli e libri. Qui la famiglia racconta la malattia e le sfide affrontate da tutte le persone coinvolte. A metà del film, Benjamin Rhee mette da parte questa storia e porta lo spettatore con sé In In “Mondo di Warcraft”. I realizzatori hanno animato un mondo separato da “World of Warcraft” basato sui dialoghi di Mats e dei suoi amici del team Starlight. Ciò è integrato da interviste con altri giocatori.

READ  Dolph Lundgren ed Emma Crookdale:

L'effetto è forte. Laddove l'articolo e il libro si collocavano all'esterno e raccontavano la vasta vita online di Mats, ora siamo attratti verso l'interno dalle esperienze di Mats nel mondo digitale.

Amicizia digitale stretta: Lisette Rovers in “Ibilene”. Foto: Operatori dei media/Euforia

In questo modo il film può anche attraversare alti e bassi. “Ibelin” fa un lavoro approfondito nello spiegare cosa ha fatto “World of Warcraft” alla breve vita di Mats Steen. Il film dipinge quindi un quadro più profondo di Mats, poiché vediamo maggiormente i suoi lati frustrati e impazienti. Una ricca vita online non è la stessa cosa di una vita semplice e spensierata. Anche l'allegra banda di cui Mats faceva parte, la Starlight Guild, litigava. La gelosia non è un’emozione che esiste solo nella vita reale.

Il film ha alcuni punti deboli. Nella prima parte c'è un'altissima ripetizione di registrazioni video di eventi familiari. Diluisce la potenza emotiva delle immagini. Vorrei anche che la famiglia avesse una reazione maggiore durante la seconda metà del film. In diverse occasioni mi sono ritrovato a sentire la mancanza della voce di Robert Stein nell'autobiografia.

Insieme in una storia importante: il regista di Ebelin Benjamin Ree, il padre Robert Steen e il produttore Ingevil Jeske. Immagine: estasi

Quando gli articoli sul film sono giustapposti alle recensioni delle nuove immagini VR di Apple, il tutto sembra stranamente un argomento in parte obsoleto. Forse è per questo che il film non cerca di discutere i pro e i contro della vita digitale?

Tuttavia, il formato del documentario costituisce una solida cornice per l'importante storia di Mats Steen. Il problema non avrebbe potuto essere risolto meglio di quanto fa Benjamin Ree in “Aibileen”. Mats Steins potrebbe ora avere un nuovo pubblico globale, dieci anni dopo aver salutato gli amici di tutto il mondo per l'ultima volta.

READ  Separato dal cantante dei Moonlight Damiano David

Asbjorn Slatemark

More articles

Latest article