Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione del film: “House of Gucci” con Lady Gaga

Dramma

Direttore:

Ridley Scott

attori:

Lady Gaga, Adam Driver, Al Pacino, Jeremy Irons, Salma Hayek, Jack Huston, Jared Leto

Dati prima offerta:

26. novembre 2021

limite di età:

12 anni


«Tutti qui si stanno divertendo. Alcuni troppo divertenti.»

Vedi tutte le recensioni

Il padrino dell’industria della moda

Il film è il secondo per Ridley Scott, 83 anni (il dramma medievale “The Last Duel” è stato presentato in anteprima un mese fa).

Ci porta oltre la facciata sbiadita della famiglia Gucci, attraverso la ragazza della classe operaia Patrizia Reggiani (Lady Gaga) e una storia d’amore in erba con lo studente di legge ed erede dell’ambivalente impero della moda Maurizio Gucci (Adam Driver).

Gli eventi vanno dalla fine degli anni settanta alla metà degli anni novanta. Se conosci la storia, sai già dove finisce. Se non l’hai fatto, ti consiglio di aspettare su google. se lo merita.

A volte sembra che la saga di famiglia voglia essere il “padrino” dell’industria della moda. La lealtà familiare è un valore fondamentale, nonostante il fatto che i baci sinceri siano rapidamente sostituiti da risentimento, lacrime e lacrime. tacchi alti Dietro.

Drivers Maurizio è Michael Corleone nella storia, ed è la migliore versione di se stesso quando non è coinvolto negli affari di famiglia. Gagas Patrizia probabilmente ha fatto la sua Diane Keaton, anche se invece di mettere in atto il salvataggio da circoli viziosi, lo ha mandato a capofitto dentro di lei.

battuta di pesca

La prima volta che l’abbiamo vista, Patricia si è allungata con i tacchi alti davanti ai camionisti fischianti dell’azienda di suo padre. Le piace ogni secondo.

Quando apre gli occhi sul goffo e riservato Maurizio, non passa molto tempo prima che lo metta all’amo, nonostante riesca a malapena a riconoscere la lenza se gli penzola davanti al naso.

Potrebbe non essere sottile, ma ciò che Patricia Reggiani vuole che tu ottenga.

The Face of Poker: Lady Gaga abbaglia come un'aspirante regina della moda.  Foto: MGM/SF Studios
carte da poker: Lady Gaga impressiona come aspirante regina della moda. Foto: MGM/SF Studios
Mostra di più

La relazione porta Maurizio a risentirsi del padre Rodolfo (Irones), che vede in Patrizia le fattezze di un ambizioso scalatore non senza ragione. Invece, si innamora di suo zio, Aldo Gucci (Al Pacino), e si assicura che Maurizio, leggermente riluttante, faccia un passo nell’azienda di famiglia attraverso di lui.

Aldo, da parte sua, è completamente preparato per un figlio surrogato. Il suo personaggio – il patetico Paolo (Leto) alla Fredo Corleone – si è rivelato una delusione per uno stilista di talento e visionario.

Lady McGaga

In altre parole, il palcoscenico è pronto per una soap opera lussuosa e sensazionale, dove il sangue può essere più denso dell’acqua, ma l’oro pesa di più.

È molto positivo sottolineare qui. Buona leadership, script di dialogo rapido e un dipartimento di moda che comprende l’arte di mostrare lo sviluppo del personaggio attraverso l’abbigliamento.

Ma la cosa più importante è la recitazione.

Nonostante gli accenti di Super Mario, Driver e Irons sembrano incapaci di fornire una scarsa interpretazione del ruolo anche se ci provassero. Il vecchio re sole di Pacino è allettante per vedere come interpreta Donald Trump.

“Sono un-me, un-Mario”: Al Pacino non lascia che l’accento italiano interferisca con il suo solito big game. Foto: MGM/SF Studios
Mostra di più

Ma questo è prima di tutto un film di Patricia. Sulla carta, è più Lady Macbeth che Lady Gaga, che esamina felicemente i corpi e giustifica le sue scelte tramite l’indovina Pina (Salma Hayek), che le dice esattamente quello che vuole sentire.

Il talento naturale e disinvolto di Gaga si presta a quello che sarebbe potuto finire come un famigerato ritratto di una donna. Ma non importa quanto brillante abbia reso Patrizia, il film non le entra mai troppo in profondità.

musica lirica

Per molti, gli accenti di cui sopra e lo stile oltraggioso sono sufficienti per rimandare. Ma se lasci che il dubbio vada a beneficio di Scott e pensi che sia stato fatto in modo assurdo con l’intento, vedrai l’intento di vendita dietro il pagliaccio.

Sorprendentemente, molte delle scene del film usano un ampio effetto comico, piuttosto che sincerità, spesso quando sono più inquietanti. Inoltre, ironia della sorte, sono messi in musica con un mix di evidenti successi pop (il passaggio dalla scena di sesso al matrimonio tramite “Faith” di George Michael è così sottile che farebbe perdere persino ai creatori di “Exit” loro sixpence) e repertorio standard per l’opera italiana. La musica di solito è in diretta opposizione alle emozioni e ai nervi della scena, come quando un raid ecologico viene tagliato nella premessa comica straziante di “Il barbiere di Siviglia”.

Opera Buffa: House of Gucci tratta le tragedie dei personaggi come una commedia.  È permesso ridere.  Foto: MGM/SF Studios

Opera Buffa: House of Gucci tratta le tragedie dei personaggi come una commedia. È permesso ridere. Foto: MGM/SF Studios
Mostra di più

Opera sembra essere una parola d’ordine per Scott. Il sapone e la colonna sonora, sì, ma soprattutto le vibrazioni sontuose che si riversano perfettamente, ma sono sempre all’esterno.

Anche la trama ricorda uno stencil come quella di un’opera, ed è raccontata a pennello largo e largo. Non conosciamo mai Gucci o il mondo della moda in questo film biografico, e raramente entra più nei dettagli che ritrarre la casa di moda come una tradizionale azienda di famiglia.

irriverente

C’è qualcosa di liberatorio in questa totale mancanza di rispetto. La Maison Gucci non cerca mai di rendere più preziosa la moda di lusso. Non capiamo i monologhi ipocriti di Aaron Sorkin che il marchio è la cosa più importante al mondo e che Gucci è la più importante tra loro.

La venerazione continua sui personaggi. Il film si rifiuta di prenderli sul serio, anche nei loro momenti peggiori. Taglia con gioia la ferita direttamente da un ruggito disperato a un ruggito Fiat, e trasmette chiaramente che non importa quanto questi ragazzi siano cattivi l’uno con l’altro, non c’è pietà per la bocca qui.

Tutti sono superficiali e materialisti, pienamente consapevoli di ciò che si prefiggono di fare. Ognuno ha un’agenda, maiali nei boschi ed ego che danno ai camionisti grandi punti ciechi nella consapevolezza di sé. Permette di indicare e ridere.

Poi improvvisamente diventa più appropriato che anche la “Casa di Gucci” si occupi maggiormente della superficie. I livelli più alti del mondo della moda ricordano già il kitsch istituzionale, un tacito accordo in cui un look di eleganza – il logo con due G dorate intrecciate, per esempio – nasconde ciò che è davvero appariscente, vuoto eccesso.

E forse il modo migliore per affrontare un simile universo è volutamente e ironicamente distante campo.

READ  - Il crudo che ho visto - VG