Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione di Last Faith – Gamereactor

Recensione di Last Faith – Gamereactor

Non è insolito per gli sviluppatori mostrare altri lavori che hanno cercato di emulare nella speranza di attirare un pubblico che si è già convertito, ma la domanda è se c’è qualcosa di più alto dell’orgoglio che The Last Faith mostra nell’onorare le sue ispirazioni. Come raffinate Medaglie d’Onore, accenni di Castlevania e Bloodborne pendono attraverso il petto fiammeggiante di questa nuova avventura indie, e non c’è dubbio che Fromsoftware e Konami siano rimasti qui per un po’. Tuttavia, non c’è niente di sbagliato nel puntare in alto, e quando si tratta di The Last Faith, non c’è bisogno di tirarsi indietro per un momento in compagnia dei suoi fratelli maggiori più famosi, dato che fanno molto bene tra questi concept- pilastri comprovati.

È difficile non menzionare la grafica, perché è quella che colpisce a prima vista. Pixel colorati sono posizionati ad arte sullo schermo e creano ambienti che non sembrano lontani dalle strade buie di Yharnam o dalle rovine del castello di Dracula. C’è una bellezza oscura in ogni cosa, dagli oggetti sullo sfondo ai personaggi in primo piano, e con un’animazione fluida, ogni immagine diventa un piccolo capolavoro per il divertimento del giocatore. Anche la varietà è della massima qualità e possiamo visitare di tutto, dalle dimore fatiscenti alle cripte infestate, e nel frattempo abbiamo anche tempo per deviazioni in tranquille brughiere e passi di montagna ghiacciati dove compete di tutto, dai toni tenui, caldi a quelli ghiacciati. spazio.

L'ultima fede

Questo è un annuncio:

Tutto questo è accompagnato da una colonna sonora malinconica e sottile che sovrappone in modo evocativo l’intera esperienza, e il resto del paesaggio sonoro fa un ottimo lavoro aggiungendo echi di passi o urla gelide per aumentare l’intensità. Aggiungi poi che i doppiatori fanno un lavoro impeccabile nel dare vita a tutti i personaggi, e anche se la maggior parte degli attori fa uno sforzo un po’ noioso e indistinto, lo fanno con compostezza e sicurezza che ti attirano come giocatore nel mondo. . Cercando di disegnare.

L'ultima fede

In termini di gameplay, The Last Faith offre un buon mix tra i già citati giochi Castlevania e Bloodborne, ma va notato che si inclina più nella direzione di Symphony of the Night che dell’avventura Souls più moderna di Miyazaki. C’è semplicemente più enfasi sulla velocità e sull’agilità, e raramente avrai bisogno di strisciare attraverso stanze e caverne piene di mostri perché ti sentirai subito forte e agile come Alucard o Simon Belmont. Si tratta di una versione relativamente nuova di un genere che di solito vuole farti restare a bocca aperta di tanto in tanto, e mi congratulo con gli sviluppatori per non aver scommesso ciecamente su un’esperienza difficile e frustrante, ma per aver trovato un compromesso più veloce senza abbandonare il ritmo costante.

Ma non pensare che l’ultima fede non sia una sfida, perché lo è. Tuttavia, la sfida risiede in determinati momenti, come alcuni nemici o boss, e in questi momenti dovrai fermarti e analizzare la tua strategia per emergere vittorioso. A proposito di boss, questi sono alcuni dei migliori esempi del genere di design di gioco impegnativo ma corretto. Non stai cercando di fare troppo in una volta, ma la maggior parte degli avversari ha schemi di attacco chiari che non sembrano mai ingiusti, quindi hai sempre una possibilità di successo al primo tentativo.

Questo è un annuncio:

L'ultima fede

Tuttavia, non si tratta solo di foreste dorate e verdi, ci sono alcuni difetti che almeno riducono il quadro generale e danno al gioco un vantaggio. Ad esempio, puoi scegliere tra quattro classi diverse all’inizio del gioco e, sebbene abbiano caratteristiche diverse, il loro equipaggiamento iniziale è identico. È strano che tu possa scegliere se vuoi diventare un mago o un tiratore scelto, ma non puoi iniziare a usare strumenti diversi dalla spada in base alla tua classe di abilità. Molto strano. Un’altra cosa fastidiosa è che muori all’istante se salti giù dallo schermo o cadi in un buco appuntito. Nella maggior parte degli altri giochi di questo tipo, di solito vieni punito con la perdita di salute, ma qui il gioco termina sullo schermo non appena fai una mossa sbagliata. Può sembrare abbastanza banale e, a dire il vero, raramente ti dà fastidio, ma rovina comunque l’avventura quando non osi cercare passaggi nascosti o tesori nascosti perché sai che potresti dover ricominciare da capo in quel momento finale. Risparmia punti se commetti un errore.

L'ultima fede

In definitiva, The Last Faith è un’avventura d’azione molto competente che non esita a provare a emularne i modelli. Potrebbe non offrire nulla di nuovo sotto il sole, ma se ti piace il gameplay esilarante di Castlevania e il design gotico di Bloodborne, The Last Faith non ti deluderà per un momento.

L'ultima fede

READ  Tutto sulle ultime modifiche ad Android 12