sabato, Giugno 22, 2024

Recensione di System Shock (Console) – Gamereactor

Must read

Romano Strinati
Romano Strinati
"Esperto di social media. Pluripremiato fanatico del caffè. Esploratore generale. Risolutore di problemi."

È pazzesco pensare che System Shock risalga al 1994. All’epoca avevo tre anni, l’Unione Sovietica si era appena sciolta ed era appena uscita la quarta stagione di Fresh Prince of Bel-Air. È pazzesco pensarci perché il remake di System Shock, che è stato rilasciato l’anno scorso su PC (leggi la nostra recensione approfondita) e ora è finalmente su console, sembra incredibilmente fresco, e allo stesso tempo ricorda un viaggio nel tempo. . Questo non è facile, perché la versione originale era in anticipo sui tempi. Questa nuova versione è un risultato davvero impressionante e ora può essere vissuta su console.

Anche se ho trascorso la mia infanzia sul PC beige Windows 95 della mia famiglia installando e giocando a Quake II, Doom, Warcraft 1 e 2, Hitman 1 e molti altri giochi classici, non ho mai giocato all’originale System Shock. Ma essendo un grande fan di Dishonored, della serie Deus Ex, di BioShock e dei giochi con elementi di simulazione meno evidenti (come Hitman), ho sempre avuto un grande rispetto per il gioco, proprio come avevo per i primi giochi di Thief (che includevano anche ho disperatamente bisogno di un remake).

Ecco perché è così emozionante avere questa nuova versione di System Shock. Perché a differenza di molti altri giochi che hanno ricevuto un remake, come Resident Evil 4, System Shock è così vecchio che non ha bisogno solo di un piccolo aggiornamento. È molto più vecchio che è stato rilasciato su MS-DOS. È il tipo di gioco in cui non puoi vedere cosa sta succedendo negli screenshot perché è troppo vecchio. In altre parole, se c’è un gioco che ha bisogno di un remake, quello è System Shock.

READ  La sonda spaziale Osiris Rex della NASA torna sulla Terra con un cucchiaio di asteroidi

Questo è un annuncio:

La cosa bella è che il remake di System Shock non solo è incredibilmente giocabile, ma sembra anche completamente nuovo. Puoi davvero sentire l’amore che è stato necessario per realizzare questo gioco, che era molto in anticipo sui tempi e brilla come se fosse nuovo di zecca. Ha avuto un grande successo anche su console.

Forse dovremmo fare un passo indietro e chiederci: cosa rende System Shock così speciale? Il gioco originale è considerato uno dei giochi più distintivi nel genere della simulazione immersiva: giochi che danno al giocatore la libertà di utilizzare una serie di abilità e armi in una varietà di modi e di interagire con il mondo (come Prey, Dishonored o BioShock). Inoltre, ti ritrovi su una stazione spaziale che è stata occupata dal malvagio AI SHODAN, che ha un complesso divino distinto. Quasi tutti sulla nave sono morti o trasformati in cyborg, cattivi mutanti o qualcos’altro. Combina tutto questo con una fantastica estetica cyberpunk e tonnellate di screenshot, registri e altro da leggere dai membri dell’equipaggio morti, e potrai davvero sentire come questo gioco del 1994 abbia gettato i semi per molti, molti giochi a cui probabilmente hai giocato nel corso degli anni (come Portale e molti altri).

Il remake ha mantenuto la distinta estetica retrò che conferisce al gioco molta personalità, e visivamente sembra davvero fantastico, con il perfetto mix di grafica di tipo lo-fi, ma con dettagli sufficienti e piacevoli effetti di luce per renderlo moderno. Sebbene i modelli dei personaggi e gli ambienti sembrino sufficientemente dettagliati da lontano, in realtà sono scomposti da vicino e, con il fatto che gran parte del mondo è immerso in luci e ombre al neon, ottengono un aspetto piuttosto speciale che onora entrambi i personaggi. originale e sembra fresco. Ad esempio, tutte le cose che trovi in ​​giro per il mondo sono chiaramente riconoscibili e distinguibili l’una dall’altra, ma allo stesso tempo tutto ha questo semplice stile antico. È un mondo davvero ben fatto.

Questo è un annuncio:

Shock del sistema

Uno shock per il sistema ma fondamentalmente il prodotto di un’epoca passata. Secondo me andrebbe preservato, non aggiornato. Sto parlando del design del corso assolutamente pazzesco che ti fa strappare i capelli e rende l’esperienza indimenticabile. Ma riguarda anche le scelte che fai e il modo in cui interagisci con il mondo. Non sempre ti rendi conto di aver fatto una scelta importante finché non ne affronti le conseguenze. In altre parole, le scelte sono più sottili che esplicite, ed è sempre una buona idea avere un salvataggio pronto. Probabilmente è stato un errore rinunciare al revolver magnum a favore del fucile.

In System Shock, puoi strisciare tra le colonne ed ispezionare ogni angolo dei nove infernali livelli della spaventosa Citadel Station. Ma non lo fai per trovare un uovo di Pasqua divertente, lo fai perché è necessario per sopravvivere, anche a costo di morire. Lo fai perché le tue risorse sono sempre scarse e perché ti manca sempre una carta di accesso a una porta o all’altra. Qui il gioco ha un elemento simile a Metroidvania, che ricorda, ad esempio, i giochi Resident Evil.

Shock del sistema

System Shock è un gioco vecchio stile, ma è anche il tipo di sfida che molti perdono nei giochi moderni. Capire cosa è successo e dove stai andando sta nella narrazione ambientale: ovviamente registrazioni audio, ma nessun indicatore importante, pochi tutorial e nessuna presa per mano. Dipende completamente da te come vuoi navigare attraverso i livelli snervanti.

Dal punto di vista audio, abbiamo una bella colonna sonora e alcuni suoni nemici importanti e riconoscibili che utilizzi attivamente per navigare nel mondo. È una configurazione abbastanza semplice ma efficace, anche se la colonna sonora non è particolarmente memorabile. Il gioco potrebbe anche essere un po’ più semplice quando si tratta di aggiungere più musica di battaglia dal ritmo frenetico. Ho notato alcune volte che la musica della battaglia non aveva senso, forse perché c’era un nemico da qualche parte, ma non ero realmente in pericolo. A parte questo, abbiamo a disposizione un’eccellente colonna sonora e suoni generalmente buoni.

Un punto in cui l’aspetto audio del gioco brilla è nella recitazione vocale, in particolare di SHODAN, l’onnipresente, claustrofobicamente malevola IA presente in ogni angolo della stazione spaziale in cui navighi. Dietro ogni angolo c’è una nuova telecamera da riprendere per ridurre il controllo di SHODAN, questo malvagio semidio della tecnologia è uno dei pilastri di System Shock. Puoi vedere ovunque le conseguenze di questa acquisizione dell’IA, con corpi mutilati e sfigurati ovunque, e con le sue telecamere che ti fissano ovunque, non dimenticherai mai questo supercriminale.

Per quanto riguarda le stranezze tecniche, non ho riscontrato altro che alcuni movimenti involontari di nemici morti. Gioco principalmente su Xbox Series Ho scelto di giocare a questo gioco sulla Serie S e ho riscontrato solo brevi cali di frame rate, ad esempio quando si passa da una regione all’altra. È rimasto nitido sul mio schermo 1440p per tutto il tempo.

Shock del sistema

Veniamo ora a ciò che può distinguere maggiormente la versione console rispetto a quella PC: i controlli console. La strana scelta fatta fin dall’inizio è che la sensibilità della fotocamera è incredibilmente alta. L’ho subito ridotto da 50/100 a 35/100 e ha funzionato bene. A parte questo, abbiamo a disposizione controlli molto carini che ricordano un po’ Doom. Una scelta interessante fatta da Nightdive Studios è che sulla console avrai ancora armi, granate, equipaggiamento medico, ecc. visualizzati in un elenco da 1 a 9 (+0) nella parte inferiore dello schermo. Questo ha senso su PC dove puoi usare i numeri per cambiare rapidamente, ma su console puoi usare i lati sinistro e destro del D-pad per scegliere tra questi dieci elementi totali. È piuttosto inefficiente e da allora quasi ogni gioco è riuscito a rendere più semplice la guarigione, il lancio di granate, ecc. Allo stesso modo, il sistema di inventario e i menu di System Shock sono piuttosto datati, ma fa parte del suo fascino.

Dal punto di vista del gameplay, System Shock è un po’ come se avessi preso le meccaniche di tiro e il ritmo di sparatutto molto vecchi come Doom e li avessi combinati con elementi di simulazione coinvolgenti, enigmi e un level design confuso. Sono lenti e possono morire dietro ogni angolo. È goffo e confuso e devi orientarti costantemente sulla mappa. Penso che sia fantastico, ma non è per tutti.

In definitiva, se ti piace System Shock dipende dal motivo per cui lo giochi. Sì, avrai un’esperienza di gioco di tiro dal ritmo migliore e avrai sicuramente giocato a giochi di simulazione coinvolgenti che ti daranno più libertà. Non c’è azione furtiva qui, che è una parte prevista dei coinvolgenti giochi di simulazione di oggi. La domanda è se sei seduto lì incantato e stai giocando a un remake ben fatto di un gioco che ha definito alcuni degli elementi di base di cui sono fatti i giochi oggi, o se pensi che “da allora siano state offerte narrazioni ambientali migliori”.

Secondo me, System Shock è un gioco assolutamente fantastico e, con questo remake ben realizzato, non c’è motivo di tirarsi indietro se vuoi provare un pezzo di storia dei giochi emozionante, ben realizzata e frustrante. Il fatto che tu possa goderti questa nuova versione la dice lunga sui progressi compiuti dall’originale. C’è anche un remake che è stato quasi cancellato più volte, quindi è una specie di miracolo. Vale la pena provare il design pazzesco del tracciato e, con i recenti miglioramenti nei punti giusti, è un gioco da consigliare facilmente, anche su console.

More articles

Latest article