Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione: “No Demon”

Film drammatico

Direttore:

Mohammad Rasoulof

Attori:

Ihssan Mir Hosseini, Kayfa Ahanger, Mehtab Serfati

Prima visualizzazione dei dati:

30 aprile

Limite di età:

12 anni


«Un cortometraggio di critica al regime, diretto da un regista dell’opposizione iraniana.»

Vedi tutte le recensioni

Quanto hai sacrificato per avere la coscienza pulita? la tua famiglia? La tua libertà? La tua vita?

Questa è una delle domande che i personaggi principali si stanno ponendo nel film vincitore dello scorso anno di Gullbjørn, There is No Demon. Il film è duro, ma allo stesso tempo una critica scioccante e calma all’Iran autoritario in generale e all’uso della pena di morte da parte del regime in particolare.

Mostra come uno stato autoritario può indurre persone fondamentalmente normali e comprensive a fare cose crudeli. Questo di per sé vale la pena guardare, ma il film è anche molto attraente e impressionante.

La pena di morte

Nelle quattro storie del film, incontriamo comuni iraniani che devono in qualche modo fare i conti con il modo in cui l’Iran pratica la pena di morte. Le grandi domande distinguono anche i piccoli problemi. Una piccola famiglia litiga per i soldi, un soldato disperato sente la mancanza della sua ragazza, un altro soldato oppresso dal senso di colpa e le azioni di un padre hanno conseguenze sul rapporto con sua figlia.

Tutti cercano di navigare in una vita quotidiana caratterizzata da possibilità limitate, allo stesso tempo contemplano il tipo di responsabilità morale che un individuo ha in un regime così brutale. Alcuni cercano di costruire una vita normale in mezzo a tutte le atrocità, mentre altri resistono. Qualunque cosa facciano, diventano tutti un po ‘complici della repressione dei loro concittadini. Nessuno trova soluzioni perfette e nessuno è completamente risparmiato dallo stress psicologico.

Ora l’acclamato regista Muhammad Rasoulof è diventato confortevole costruire scene in cui la normalità scompare senza preavviso, come con scene inondate di costante fastidio, tutto sedeva alternativamente in angusti bunker e splendidi paesaggi iraniani aperti, pieni di sorprese.

Heshmat è difficile da battere

Raramente si indovina cosa arriva “non c’è demone”. Le storie sono guidate da dialoghi forti, personaggi vivaci e colpi di scena inaspettati. La prima storia del padre di famiglia Heshmat, che ha un finale che ricorderai per molto tempo. Anche quando inizi ad anticipare le sorprese, le storie sono così ben costruite e interessanti che ti dimentichi rapidamente di trovarle. Inoltre, il regista è abbastanza fiducioso da giocare con le aspettative del pubblico.

“Nessun demone” ha i suoi punti deboli. A volte è così sfocato e vagante un po ‘che non giustifica due ore e mezza. Soprattutto la seconda storia di un giovane soldato che cade in un finale un po ‘banale e apparentemente fuori luogo e non realistico, in gran parte a causa del modo più efficace e diligente con cui il film mantiene viva la suspense. A volte, ci sono anche molte spiegazioni ripetute e imprecise di come funziona la coscrizione iraniana.

Realizzato in clandestinità

I quattro racconti potrebbero essere accaduti in molti regimi autoritari simili a quelli iraniani, ma il fatto che questo sia esattamente il paese in cui viene proiettato il film lo rende ancora più potente. Per il regista Rasoulof, la dittatura dell’Iran non è qualcosa di astratto visto da una distanza geografica o storica. Si è sacrificato molto per il bene di fare il film.

È stato precedentemente condannato al carcere per i suoi film precedenti ed è attualmente agli arresti domiciliari in Iran, senza aver avuto l’opportunità di lasciare il Paese. Inoltre, non gli è permesso fare altri film. Quindi l’idea di “No Demon” è fatta in segreto, il che non lo rende meno impressionante.

Rasoulof ha realizzato qualcosa di raro come il cosiddetto film “importante” che è anche buono. Posso quasi garantire che sia il miglior film iraniano sulla pena di morte che vedrete quest’anno.

READ  L'identità di Elena Ferrante potrebbe essere stata rivelata - NRK Kultur og underholding