Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione televisiva della serie “The Sympathizer”

Recensione televisiva della serie “The Sympathizer”

“Simpatizzante”

Dramma di guerra americano/commedia nera in sette parti

Sceneggiatura: Don McKellar, diretto da Felicia King, basato sul romanzo di Viet Thanh Nguyen

Regia: Park Chan-wook, Mark Munden, Fernando Meirelles

Con: Robert Downey Jr., Hoa Xuande, Fred Nguyen Khanh, Sandra Oh, Tuan Le, Fei Le, Duy Nguyen

Penso che tutti dovrebbero essere contenti che né tu né io ci siamo assunti l'incarico di produrre una serie televisiva tratta dal romanzo vincitore del Premio Pulitzer di Viet Thanh Nguyen “The Sympathizer” (2015; non tradotto in norvegese, per quanto ne so). può evidenziare).

Una vicenda postmoderna, piena di “intertestualità” e altre cose inquietanti (è stata usata la parola evocativa “metafiction”), una tragedia nera, rabbiosa, con un tono che – almeno nella versione televisiva – cambia continuamente, e può spesso rendi il semplice spettatore Mi piace il sito qui sotto Non sono sicuro di cosa sta succedendo, perché è importante e cosa significa.

I tre moschettieri: Hoa Xuandey, Fred Nguyen Khanh e Duy Nguyen (da sinistra) in “Il simpatizzante”. Foto: Hopper Stone/HBO Max

La storia è raccontata da una prospettiva puramente vietnamita. Il che è di per sé insolito per quelli di noi impegnati nella storiografia americana della guerra del Vietnam. Ciò che è ancora più difficile: è scritto dal punto di vista di un capitano dell'esercito del Vietnam del Sud In realtà È una spia, una spia, per la parte rivoluzionaria comunista del Vietnam del Nord in conflitto.

Giovane, brillantemente intelligente, bello e terribilmente promettente, non ottiene mai un nome nella serie. È solo il capitano, interpretato da Hoa Xuande. Figlio di madre vietnamita e padre francese, lo sentiva costantemente durante la sua infanzia. “Due di tutto”, lo chiamavano i ragazzini cattivi.

READ  50 Cent si sono incontrati a Oslo:

Ha trascorso un po' di tempo negli Stati Uniti e ha acquisito un senso di americanismo Potere morbido. Ama la musica, in particolare il funk, il soul e l'R&B (l'album “Live It Up” degli Isley Brothers del 1974 gioca un ruolo non trascurabile nella trama). Ha fatto pensare agli americani: “Grazie. Cambio facile!

Uno dei tanti cartoni animati: Robert Downey Jr. In “Il simpatizzante”. Immagine: HBO Max

Tornando alla narrazione, poco prima della caduta di Saigon nel 1975, e della sconfitta del Vietnam del Sud e degli Stati Uniti nella guerra, gli “interessi” americani sono rappresentati principalmente da un investigatore della CIA che sembra un ibrido a macchie rosse tra Art Garfunkel e un anziano James Caan. È interpretato da Robert Downey Jr. Uno Brutto americano Sull'orlo della morte – Pieno di fiducia in se stessi e fiducia in se stessi nel “nuovo mondo”.

Il capitano fugge quando i vietnamiti del Nord prendono il controllo della città e finisce in un ambiente di esilio in California. Anche il suo compagno Bon (Fred Nguyen Khanh) arriva sull'aereo, ma non prima che si verifichi una terribile tragedia. Boone era un soldato dell'esercito del Sud e non aveva idea che il Capitano fosse una spia.

Anche un terzo amico d'infanzia, Man (Duy Nguyen) – da giovani si chiamavano i “Tre Moschettieri” – è comunista. Rimane in Vietnam e alla fine diventa un uomo forte.

Sulla costa occidentale americana, i “meridionali” e gli americani credono che il capitano svolgerà un ruolo utile nella comunità in esilio che non ha rinunciato al sogno di tornare a casa e alla patria. Tuttavia “Vincere la guerra.” Ciò che in realtà fa è scrivere messaggi crittografati a Mann, segnalando i piani irrealistici.

READ  Maria Stavang e Magnus Devold rivelano dettagli sul periodo prima che diventassero amanti

RAVING CRAZY film diretto da: Robert Downey Jr. In “Il simpatizzante”. Immagine: HBO Max

Il capo di questa banda è l'uomo conosciuto solo come Generale Tuan Lu. È un ubriacone arrogante e uno sciocco, ed è il personaggio più comico di “The Sympathizer”. E. Anche se con una figlia molto attraente e testarda: Lana (Vy Le).

In un duetto involontario con Lana, il Capitano alla fine ottenne un ruolo anche nell'industria cinematografica americana. Come “consulente culturale”, viene assunto da arroganti registi liberali che vogliono vedere la “giustizia” della guerra.

Qui incontriamo di nuovo Downey. Ora nei panni del preside pazzo e furioso della scuola di Francis Ford Coppola (“Apocalypse Now!”, 1979). Sembra mirabilmente interessato a dare umanità e dignità ai vietnamiti e a dipingere un quadro “accurato” della guerra. Ma alla fine il suo ego lo ha consumato.

Deputato dormiente: Robert Downey Jr. (A sinistra) e Hoa Xuande in “Il simpatizzante”. Immagine: HBO Max

“The Empath” parla di molte cose. La serie è eccezionalmente ricca di prospettive. Ma due percorsi principali, a mio avviso, sono:

1. La divisione, la paranoia e la schizofrenia che derivano dal vivere una doppia vita e dal non poter dire la verità a nessuno. Vedersi torturati, senza poter intervenire. Essere molto lungo Metropolitana Che “diventi cieco”.

2. Come gli americani, con l’aiuto della cultura popolare, in tempi record hanno preso il controllo della “narrativa” della guerra, e hanno immediatamente iniziato a bombardarci tutti con le loro storie su ciò che era accaduto così lontano, in un paese dove non avevano nulla da fare, popolato da gente che non capiva.

È interessante, emozionante, comico e triste. Ma come abbiamo già detto: non avrai un terreno solido sotto i piedi. “The Sympathizer” è visto come interamente episodico. Con sovrapposizione. Ma comunque.

READ  Nordmann ha scritto la canzone vincitrice dell'Eurovision

È uno spettacolo bellissimo, girato e diretto magnificamente – in tre episodi – dal maestro d'azione sudcoreano Park Chan-wook (“Oldboy”, 2003; “Lady Vengeance”, 2005). È un piacere guardare programmi TV che puntano in alto come questo.

Alcuni tipi di fiducia. Robert Downey Junior. (A sinistra) Hua Xuandi “Il simpatizzante”. Foto: Hopper Stone/HBO Max

È anche interpretato magnificamente da tutti gli attori centrali. È il recente premio Oscar Robert Downey Jr. Che attirerà più attenzione. (Ironia della sorte, “The Sympathizer” parla di dove si trovi.)

Interpreta una serie di ruoli, tutti piuttosto bizzarri: il padre francese e uomo della CIA, lo squallido membro del Congresso, il regista e un professore americano gay di “Studi orientali”, che ha avuto una grande influenza sull'immagine imperfetta degli americani. del mondo. il nemico.

Camminò Pieno “Tuono tropicale” (2008). Disegna ampi stereotipi comici. Preso singolarmente, ogni personaggio è un meraviglioso cartone animato. Ma possiamo immaginare che, in generale, occupi molto spazio, giusto?

Una serie piuttosto impegnativa, questa. Anche dare.