Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recupero crediti |  Gli anziani hanno sempre più difficoltà nel recupero crediti: – Un gruppo più attivo nel credito

Recupero crediti | Gli anziani hanno sempre più difficoltà nel recupero crediti: – Un gruppo più attivo nel credito

In diversi articoli, Nettavisen ha scritto di norvegesi alle prese con fatture non pagate e richieste di recupero crediti. All’inizio di aprile, il colosso del recupero crediti Kredinor ha riferito che il volume delle nostre richieste di recupero crediti era maggiore di prima, ma il loro numero non era mai stato così grande.

In un recente sondaggio di Statistics Norvegia sulle condizioni di vita, 970.000 persone, ovvero il 20% della popolazione di età superiore ai 16 anni, hanno affermato che nel 2023 non sarebbero in grado di gestire una spesa imprevista di 20.000 NOK senza chiedere un prestito o vendere beni. .

Leggi anche: Potremmo andare verso un massiccio aumento del numero delle vittime: – Vogliamo mettere in guardia i politici

Doppio In una serie di casi

L'agenzia di recupero crediti Intrum, che ha una quota di mercato di oltre il 30% in Norvegia, ha dichiarato a Nettavisen che ora si sta registrando un “massimo storico” nel numero di casi di recupero crediti per gli anziani di età superiore ai 60 anni.

Si tratta di un quadro chiaro che si è formato negli ultimi dieci anni, in cui gli anziani ottengono più recupero crediti, mentre i più giovani ottengono meno. Oggi gli anziani rappresentano il 15% dell’importo totale raccolto, rispetto al 5% di 14 anni fa. Il numero dei casi è raddoppiato negli ultimi sei anni per gli over 60, ha scritto per Nettavisen Eyvind Evgen, direttore stampa di Intrum Skandinavia.

Leggi anche: Statistiche Norvegia: l'economia norvegese è in declino

Si tratta principalmente di questioni di recupero crediti nell'ambito degli acquisti online, delle assicurazioni, del telefono e dell'elettricità.

READ  Il nome del miliardario è stato abusato nei ristoranti di lusso: dice di aver prestato servizio ai prestiti contratti sul mercato grigio

Ma qual è la ragione di ciò?

Il quotidiano online ha intervistato Morten Trusty, capo analista di Intrum, per scoprire le ragioni di questa preoccupante tendenza.

Dice che è legato, tra le altre cose, al fatto che viviamo più a lungo e in migliore salute, il che da solo significa che stiamo usando più denaro e credito per più tempo rispetto a prima.

Ma ci sono anche altre sfumature, dice Trusty. La crescita del numero di casi di recupero crediti è più rapida della crescita della popolazione.

– È ragionevole pensare che coloro che raggiungono i 60 anni portino con sé in età avanzata abitudini creditizie molto diverse rispetto a coloro che escono da questa categoria. Il Trust afferma che gli over 60 stanno diventando un gruppo sempre più attivo nel credito.

Leggi anche: I nuovi dati statunitensi creano incertezza: – Meno possibilità di un taglio dei tassi di interesse

All'altra estremità della scala, l'analista capo afferma che un altro fattore è che stiamo creando famiglie più tardi rispetto a prima.

-Cambia maggiormente la necessità di carte di credito nel tempo. Allo stesso tempo, segui un'istruzione sempre più lunga, il che significa che successivamente entri in un lavoro permanente e in seguito ricevi un reddito permanente. Un reddito stabile è nella maggior parte dei casi un prerequisito per ottenere il credito.

Note di pagamento e pandemia

Mentre si accumulano le pratiche di recupero crediti per gli anziani, si parla anche di più avvisi di pagamento per questa fascia di età.

Ciò è dovuto soprattutto alla diminuzione del numero di casi di recupero crediti come le quarantene durante la pandemia, afferma Trusty.

READ  Jesper Daland ha scelto di lasciare la mia nascita, preferendo viaggiare all'estero

L'eccezione riguardava gli ultrasessantenni. Aggiunge che oltre ai casi di recupero crediti è aumentato anche il numero degli avvisi di pagamento.