Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Religione e scienza: c'è un conflitto?

Religione e scienza: c'è un conflitto?

Kenneth Fissett, 22 anni, scrittore.

Religione e scienza sono in conflitto tra loro? NO. Questa idea è completamente priva di senso e coloro che affermano ciò non fanno altro che dichiarare la loro incomprensione su cosa siano la religione e la scienza.. Considerano erroneamente la religione e la scienza come interpretazioni concorrenti della stessa cosa; Religione – il nonno ottuso, arcaico, senile, che contribuisce per lo più solo a chiacchiere incoerenti (con un piccolo contributo da un paio di storie adorabili), contro Scienza – il genitore acuto, moderno e ottimista a cui ti rivolgi per risposte veramente affidabili. Una sciocchezza, ma purtroppo quanto è diffusa.

Prima di considerare il rapporto tra religione e scienza, è importante avere un quadro chiaro di cosa siano effettivamente religione e scienza. Il fatto che immaginiamo questo conflitto costante tra loro è un segno della mancanza di questa conoscenza di base.

Ok, cos'è la scienza e la religione? Ebbene, la scienza è lo studio e l'organizzazione del mondo naturale, mentre la religione si occupa più pienamente delle questioni l'esterno Campo della scienza: domande come il significato della vita, perché c'è qualcosa piuttosto che niente, cosa ci aspetta dopo la morte, ecc. In poche parole, ce lo dice solo la scienza Che cosa E Come Le cose stanno così, come ci dice la religione Perché e cosa Egli dovrebbe Egli è. Non c’è alcuna contraddizione evidente qui. anzi.

Alla luce di ciò, molti, compreso il sottoscritto, sosterranno che scienza e religione, lungi dall’essere in conflitto, si completano a vicenda in modo piacevole e necessario. Perché quando studiamo la scienza sorgono rapidamente domande che si rivolgono alla religione, domande a cui la scienza non può rispondere da sola: “C’è un significato dietro a tutto?” “Ha qualche valore?”

Leggi anche

6,1 miliardi di dollari in sostegno pubblico ai religiosi e alle comunità religiose

Leggi anche

READ  Alla RBK la porta è spalancata alla ricerca

Caro te, chi pensa che io debba essere malato se ho scelto di seguire l'Islam?

Queste sono domande importanti, ma la scienza è quindi insufficiente. Il premio Nobel per la fisiologia e la medicina, Peter Medawar, ha scritto quanto segue nel libro Consigli per i giovani scienziati“I limiti della scienza sono dimostrati dalla sua incapacità di rispondere alle domande fondamentali di un bambino sulle prime e sulle ultime cose – domande come: 'Come è iniziato tutto?', 'Perché siamo qui?' “Qual è lo scopo della vita?” Il famoso fisico Erwin Schrödinger ha scritto qualcosa di simile in La natura e i greci:

“Allora sono così stupito che il mio quadro scientifico del mondo reale che mi circonda sia così incompleto. Fornisce una ricchezza di informazioni concrete, riunendo tutta la nostra esperienza in una meravigliosa disposizione sistematica, ma è mortalmente silenzioso su tutto ciò che è più vicino a noi i nostri cuori e ciò che conta davvero per noi. Questa immagine non può dirci nulla del rosso e del blu, dell'amaro e del dolce, del dolore fisico e del piacere, non sa nulla del bene e del brutto, del bene e del male, di Dio e dell'immortalità.

In altre parole, la scienza è limitata e questa limitazione può essere coperta dalla religione. Lo stesso vale anche nell’altro senso, perché proprio come le questioni scientifiche conducono rapidamente a questioni religiose, così si scopre molto rapidamente che le questioni religiose portano allo stesso modo a questioni scientifiche – domande che possono aiutarci a spiegare e correggere le opinioni religiose: “ Se esiste un Creatore… Come è stato creato Lui è il mondo e Come funziona Lui lei?”

Vediamo così che la religione e la scienza non si ostacolano a vicenda, ma in realtà sono strettamente interconnesse. Approfittando di questa simbiosi, saremo in grado di accedere a una verità più profonda di quella che potremmo ottenere con un solo pezzo, come due pezzi di un puzzle che insieme formano solo un'immagine completa. Come persona interessata dal punto di vista religioso e scientifico, non provo conflitto, ma armonia.

READ  L'Europa cerca una coccinella

Questo è anche l’atteggiamento che vediamo in molti dei più grandi scienziati: Galileo, Keplero, Pascal, Boyle, Newton, Faraday, Babbage, Mendel, Kelvin e Maxwell, per citarne solo alcuni, erano tutti religiosi. Una fede del genere che sia in conflitto con la loro scienza sarebbe un pensiero estraneo. Per curiosità, possiamo vederne due.

Charles Townes, premio Nobel per la fisica, ha scritto un articolo dal titolo Logica e dubbi nella scienza e nella religione, Ha detto: “La scienza, con i suoi esperimenti e la sua logica, tenta di comprendere il sistema e la struttura dell’universo. La religione, con le sue ispirazioni e riflessioni teologiche, tenta di comprendere lo scopo e il significato dell'universo. Questi due sono strettamente collegati. […] Quando cerco di comprendere la natura dell'universo attraverso questi due modi di pensare, vedo molte somiglianze e intersezioni tra scienza e religione. “A lungo termine, ha senso che convergano”.

Max Planck, un altro premio Nobel per la fisica e una delle figure chiave dietro lo sviluppo della ben nota (ancora poco conosciuta) meccanica quantistica, ha scritto quanto segue nel libro: Dove è diretta la scienza?: “Non può esserci una reale contraddizione tra religione e scienza; Uno completa l'altro. […] Non è infatti un caso che i più grandi pensatori di tutti i tempi fossero anime profondamente religiose, anche se non manifestavano pubblicamente tale fede. In Religione e scienze naturali, E va oltre: “Non importa dove e quanto lontano guardiamo, da nessuna parte troviamo una contraddizione tra religione e scienze naturali. Al contrario, troviamo un completo accordo su punti di decisiva importanza”, ha scritto Wernher von Braun, uno dei responsabili del razzo. scienziati che hanno guidato lo sviluppo del razzo Saturn V, in un articolo intitolato Scienza e religione“Scienza e religione non sono forze separate o opposte, ma piuttosto sorelle. […] “La scienza e la religione possono essere paragonate a due finestre di una casa, attraverso le quali possiamo osservare il mondo che ci circonda”.

READ  Diventa un esperto di investimenti dell'UE nei mari e nei corsi d'acqua

Infine, ci rivolgiamo al quarto fisico vincitore del Premio Nobel, Robert Millikan, che ha scritto Collier's The National Weekly: “E questo è quello che posso dire con certezza: che non esiste alcuna base scientifica per negare la religione, né, a mio avviso, alcuna giustificazione per il conflitto tra scienza e religione, poiché i loro ambiti sono completamente diversi. Uomini che sanno poco di scienza e uomini che sanno poco di religione cominciano a discutere, e gli spettatori allora immaginano. Questo perché c'è un conflitto tra scienza e religione, ma il conflitto è solo tra due diversi tipi di ignoranza.

Bene, questo farà al caso tuo! Capiamo. Esiste un conflitto tra religione e scienza? NO. Questa idea è solo un fastidioso effetto collaterale di una società che è diventata sempre più apatica nei confronti di queste questioni e, di conseguenza, – nonostante ciò che noi stessi pensiamo – ignorante nei loro confronti. Ricapitoliamo con l'ex direttore di Progetto genoma umanoFrancis Collins, Chi ha scritto quanto segue nel libro Il linguaggio di Dio: È tempo di una tregua nella crescente guerra tra scienza e spiritualità. La guerra non è mai stata necessaria. Come molte guerre terrene, anche questa fu iniziata e intensificata dagli estremisti di entrambe le parti, con campanelli d’allarme che suonavano preannunciando una distruzione imminente a meno che l’altra parte non fosse sconfitta. La scienza non è minacciata da Dio. È stato migliorato Dio non è certamente minacciato dalla scienza; “Lo ha reso possibile.”