Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Religione e scienza non sono incompatibili


Scienziato: l'immagine mostra Johannes Kepler, uno scienziato tedesco. Era motivato dalla convinzione che Dio aveva creato il mondo secondo un piano chiaro accessibile attraverso la ragione.

Elin Sebjørnsen ha scritto in un articolo di dibattito su Bergens Tidende che è “irrimediabilmente antiquato dubitare del cristianesimo”.

Ebbene, sono completamente d'accordo con Sebjørnsen sul fatto che sia molto antiquato attenersi a una visione del mondo e a valori cristiani, ma ovviamente da ciò non consegue nulla.

L'articolo continua sotto l'annuncio.

Anche la ruota è antiquata, significa che dovremmo sbarazzarcene? ovviamente no! Dire che qualcosa è antiquato non è altro che una semplice constatazione.

Successivamente si sono uniti alla discussione Magne Orheim Stofland, Juar Helgas e l’attivista umanitario Lars Alm. Lars Alm sostiene che fede e scienza si escludono a vicenda.

Afferma, tra le altre cose, che la religione si basa su resoconti del mondo obsoleti e non scientifici, che fede e conoscenza sono opposti e che acquisiamo conoscenza del mondo solo attraverso la scienza.

Non sono d’accordo con queste tre affermazioni perché sono tutte basate su una falsa comprensione della religione, della fede, della conoscenza e della scienza. In questo testo mi concentrerò sull’ultimo punto, ovvero il rapporto tra religione e scienza.

Questa obiezione alla religione non è altro che una questione scientifica. Il Norwegian Store Dictionary definisce lo scientismo come la posizione secondo cui “(soprattutto) i risultati svolgono un ruolo decisivo su quali questioni filosofiche siano legittime e quale sia il metodo filosofico corretto”.

La scienza si presenta in diverse forme, una forte e una debole. La scienza forte afferma che solo il metodo scientifico fornisce la conoscenza, mentre la scienza debole afferma che la conoscenza scientifica ha uno status speciale rispetto ad altri tipi di conoscenza. Mostrerò che non ci sono buone ragioni per abbracciare lo scientismo forte o debole.

Ho una sfida per il convinto sostenitore della scienza: mostra gli esperimenti e le osservazioni che hai condotto per raggiungere questa posizione. Ciò è chiaramente impossibile e possiamo quindi concludere che la situazione è controproducente.

Ciò significa che se una teoria scientifica forte è vera, la posizione si indebolirà da sola, perché non può essere legittimata utilizzando il metodo scientifico. Ciò significa che la posizione è necessariamente sbagliata.

L'articolo continua sotto l'annuncio.

Che cosa possiamo dire allora dello scientismo debole? Questa posizione afferma che è del tutto possibile acquisire conoscenza al di fuori del metodo scientifico, ma la conoscenza scientifica si trova ancora in uno status speciale. Ma è vero? Consideriamo le seguenti affermazioni:

1. “Gli atomi sono composti da protoni, elettroni e neutroni”. 2. “Tortare i bambini piccoli per divertimento è sbagliato”. 3. “La Cattedrale di Nidaros è un edificio più bello dell'edificio comunista di Murmansk.” 4. “Se conto 1, 2, 3… posso contare all’infinito.” 5. “Se è vero che le ipotesi p e q sono vere, allora posso concludere che p è vera.”

Lars Alm sta forse sostenendo che sono più razionale nel credere alla Proposizione 1 che alle Proposizioni dalla 2 alla 5? Sembra del tutto irragionevole! Se siamo d'accordo sul fatto che tutte queste affermazioni sono esempi di conoscenza, risulta che sono esempi di diversi tipi di conoscenza. L'affermazione n. 1 è un esempio di conoscenza scientifica, la n. 2 è morale, la n. 3 è estetica, la n. 4 è matematica e la n. 5 è logica.

Le affermazioni 2-5 possono in realtà sembrare più razionali da credere rispetto all'affermazione 1, poiché non c'è nulla che ci impedisca di confutare questa affermazione in un secondo momento. È quindi sbagliato affermare che la conoscenza scientifica sia in una posizione elevata rispetto ad altri tipi di conoscenza. È quindi ragionevole affermare che la scienza debole non è valida.

Poiché né lo scientismo forte né quello debole sono veri, molte delle obiezioni di Lars Alm crollano, perché l'obiezione presuppone una versione dello scientismo. Ma pensiamo ora di voler dimostrare che religione e scienza sono incompatibili. Quindi cosa dobbiamo mostrare? Si presentano due ovvie strategie:

1. Una visione del mondo religiosa include affermazioni che non sono coerenti con ciò che ci dice la scienza. 2. La visione religiosa del mondo non è in grado di spiegare i presupposti necessari dell’impresa scientifica, e quindi rende impossibile la conoscenza scientifica.

La strategia n. 1 dovrebbe essere limitata a una religione specifica. Pensiamo al cristianesimo. Qui diventerà chiaro che i cristiani sono obbligati, in virtù delle loro convinzioni religiose, a credere che l’età della Terra, per esempio, non superi qualche migliaio di anni. È vero che ci sono molti cristiani che affermano questo, ma ciò non significa che tutti i cristiani siano obbligati a crederlo! In questo caso devi dimostrarlo. Personalmente ritengo che questa strategia non abbia successo, poiché i conflitti apparenti sono solo superficiali e possono essere affrontati abbastanza facilmente.

La strategia n. 2 necessita di una spiegazione un po’ più profonda. Non è che la scienza inizi su un terreno nudo. Affinché la metodologia scientifica, che è destinata a fornirci conoscenza, abbia successo, è necessario fare una serie di presupposti come punto di partenza. Questi presupposti sono essenziali per la scienza.

L'articolo continua sotto l'annuncio.

Ciò significa che se una o più di queste ipotesi si rivelano errate, il metodo scientifico semplicemente non funzionerà. Allora quali sono queste ipotesi?

Ecco alcuni esempi: – Esiste un mondo fuori di me che corrisponde alle mie osservazioni e impressioni sensoriali. – La verità è oggettiva. Ciò significa che se una cosa è vera, è vera per tutti e in ogni momento. -Le mie capacità cognitive (come mente, memoria, percezione, ecc.) sono affidabili e possono darmi conoscenza del mondo. Il mondo esterno è caratterizzato dalla regolarità. Ciò significa che posso credere che il futuro assomiglierà molto al passato.

Ma quali sono le conseguenze se uno o più di questi presupposti risultano errati? Grandi parti, se non tutta, della scienza semplicemente collasseranno. Il metodo scientifico non sarebbe affidabile, e quindi non sarebbe in grado di darci conoscenza, e non sarebbe razionale credere alle affermazioni scientifiche.

Se una visione religiosa del mondo entrerà in conflitto con uno o più di questi presupposti dipenderà ovviamente dalla religione in questione. Se guardiamo al cristianesimo, sono personalmente convinto che non vi sia alcuna contraddizione tra la religione cristiana e queste ipotesi. anzi! Questi presupposti appartengono alla visione del mondo cristiana!

Dire che qualcosa è antiquato non è altro che una semplice constatazione.

READ  - Non c'è spazio per lo scoraggiamento della parola - E24