domenica, Giugno 16, 2024

Ricerca, Indigeno | Cerca senza grandangolo

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

commento Esprime il parere di chi scrive.

(parlando della Norvegia settentrionale): Nel dibattito sulle questioni relative ai diritti dei Sámi, gli ambienti dell’Università di Tromsø hanno dato il tono.

Ciò vale sia per il Sami Studies Center presso l’HSL College, sia per il cosiddetto Sami Legal Group presso la Law School.

Ciò ha contribuito a far sembrare l’Università di Tromsø sempre meno capace di pensiero critico, e in gran parte senza voci accademiche di dissenso nelle domande sul rapporto tra Sami e Norvegesi.

Allo stesso tempo, aiuta a mitigare le concessioni mentre i fronti del dibattito sociale si surriscaldano.

Ad esempio, i ricercatori dell’UiT mirano alla legge del Finnmark, che è apparsa a molti come un compromesso liberatorio, in un momento in cui molti temono l’escalation delle richieste di diritti territoriali esclusivi.

Un dipendente dell’UiT, Øyvind Ravna, è stato al centro del “Comitato Sami Common Law” istituito dal Parlamento Sami e dal Norwegian Reindrift Samers Landsforbund (NRL) per modificare la legge esistente sull’allevamento delle renne.

Di solito è il Parlamento Sami che istituisce i comitati legislativi in ​​Norvegia, ma ora il Parlamento Sami ha istituito i propri comitati legislativi. È in tutto e per tutto un documento radicale a cui il professore di diritto dell’UiT ha dato la sua autorità.

Propone un’autorità alquanto illimitata per l’allevamento delle renne, in materia di uso del suolo, dal Finnmark nel nord all’Hedmark nel sud, senza enfatizzare altri interessi comuni.

Confini sfumati

La stessa Ravna riveste anche molti ruoli da attivista, in vari ruoli dove i confini tra politica e scienza sembrano essere sempre più sfumati.

Era, ed è tuttora, coinvolto nella maggior parte dei casi riguardanti i diritti dei Sami nel Finnmark. Ma è stato direttamente coinvolto nel caso Nisibi, essendo un assistente legale della parte soccombente.

READ  Gli scienziati sono rimasti stupiti dal "virus dei vampiri" - VG

Tuttavia, dopo la sconfitta alla Corte Suprema, Ravna ha continuato a portare avanti il ​​caso pubblicamente per diversi anni.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debat

Allo stesso problema è stato assegnato un posto centrale anche nell’ultimo progetto di ricerca di Ravna.

Lì prende come punto di partenza il diritto internazionale indigeno. Ma il suo campo di influenza empirica è proprio la Corte Suprema e la sentenza Nisibi.

Corvo nero Ha ricevuto poco più di otto milioni di corone dal Consiglio delle ricerche Ricercare la decisione della Corte Suprema e se è in linea con il diritto internazionale.

In altre parole, gli è stata assegnata una cospicua borsa di studio per ricercare l’esito di una decisione giudiziaria, in cui lui stesso rappresentava la parte soccombente.

Al forno in gergo accademico

Può essere difficile immaginare un progetto di ricerca in Norvegia dove è più chiaro in anticipo quale sarà il risultato.

Il problema della mancanza di voci opposte nella giurisprudenza sami. E sarà possibile per loro alzarsi e andare avanti in un ambiente in cui attivisti come Ravna hanno tutto il potere?

C’è libertà di espressione accademica nell’UiT quando si tratta di legge suprema?

Queste domande devono venire dall’interno, dall’università stessa. Perché quando le persone al potere diventano attivisti, è molto importante che studenti e colleghi resistano.

Via New York, il professore dell’UiT Ravna si è recato in Brasile questa settimana, dove ha sfruttato l’opportunità per affermare che la Norvegia è molto indietro rispetto al Brasile quando si tratta di diritti degli indigeni.

Leggi anche: Riparte la Festa della Salsiccia

READ  Open day su base settimanale - spazio per la partecipazione dei bambini

Il messaggio è formulato in termini accademici, ma il messaggio politico senza compromessi di Sami non deve mai andare storto.

Ciò che è stato sistematicamente omesso dagli attivisti dell’UiT sono tutte le influenze significative e positive della politica sami-norvegese negli ultimi 50 anni, quando la nazione ha aperto gli occhi sulle conseguenze della politica di norvegesizzazione.

le trincee più profonde

Abbiamo il nostro parlamento Sami, buoni accordi di consultazione e un gran numero di istituzioni Sami sono state istituite nei settori della salute, dei media, dell’istruzione e della cultura. La Norvegia è uno dei pochi paesi che hanno aderito alla Convenzione dell’OIL sui diritti dei popoli indigeni.

L’evoluzione è soddisfacente anche per quanto riguarda le condizioni di vita.

Nessun popolo indigeno al mondo vive più a lungo o gode di un’economia migliore del popolo Sami della Norvegia.

Ciò che gli attivisti Sami chiamano colonialismo può essere visto sotto un’altra luce come modernizzazione e piena integrazione nella società del benessere norvegese.

Leggi anche: I porti devono essere chiusi

La domanda è perché è diventato impossibile per l’Università di Tromsø trasmettere le tracce dei progressi compiuti, l’ampia comprensione e l’inclusione dei Sami che si sono incontrati nella maggior parte della vita sociale norvegese.

Invece, la narrazione della vittima a una traccia ha contribuito a far sì che l’intera Norvegia fosse in un angolo di vergogna Il rapporto della commissione per la verità viene letto dal palcoscenico del Teatro Nazionalelo stesso giorno in cui è stato pubblicato.

Allora ci sarà più verità e meno riconciliazione. E la cosa più difficile è costruire ponti tra Sami e Norvegesi.

READ  Dibattito del partito laburista | Il lavoro e la creazione di valore costruiscono una comunità forte

La mancanza di aree grigie e sfumature nella ricerca di Sami, unita all’attivismo politicizzato, porta a una maggiore distanza, a una maggiore polarizzazione ea trincee ancora più profonde.

More articles

Latest article