Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Natalina ha tenuto nascosta la sua identità per 28 anni – NRK Oslo e Viken – Notizie locali, TV e radio

– Quando ero giovane, i miei genitori mi dicevano di non dire nulla sulla mia origine. Jansen dice che era per proteggermi.

Ha vissuto in Norvegia per tutta la vita, ma non voleva chiamarsi norvegese.

– Vengo da un paese comune. Sono spazioso e ne sono davvero orgoglioso.

Oggi ci sono circa 500 zingari norvegesi e 10.000 rom in Norvegia. Due su cinque sono minoranze.

La loro storia è un capitolo nero nella storia della Norvegia. Molte persone non osano parlare del proprio passato per paura dello stigma.

Caratterizzato da pregiudizi

Natalina vive a Sarpsborg e ha messo su famiglia. Dice che la crescita è stata caratterizzata dalla discriminazione.

– Eravamo spesso nei campi, perché ci piaceva stare fuori. Per essere accettato, ho dovuto dire che vengo dall’India, piuttosto che dire che sono romano. A volte dovevamo andare. Era una brutta sensazione.

Si sente ancora allo stesso modo con lei oggi. Quando la famiglia va in campeggio, preferisce rimanere in macchina.

Jansen non ha dubbi sul fatto che tutti possano alzare la voce, combattere l’ingiustizia e trovare conforto nel conoscere la propria storia.

Foto: Amali Fgerhog Evgen/NRK

– Ho molti esempi. Quando entriamo in un centro commerciale, spesso ho la sensazione che le guardie ci tengano d’occhio.

Pensa che sia migliorato, ma grazie a più persone che hanno osato alzarsi in piedi e parlare di chi sono.

– Siamo un popolo che vive in Norvegia da diverse generazioni e ci saremo sempre, afferma Jansen.

Nel 2015, ha lavorato per le autorità norvegesi per scusarsi pubblicamente con i rom norvegesi per il modo in cui erano stati trattati.

Le Camere norvegesi rispondono alle domande anonime del pubblico nell’episodio “Non chiederlo” “Norwegian Chambers”. Puoi guardare l’episodio completo su NRK TV.

Il viaggio che ha cambiato tutto

Nel 2010, Janssen è andato in vacanza in Israele. È stato un viaggio più personale di quanto mi aspettassi. Lì vide le foto di suo nonno e di gran parte della famiglia scattate durante la seconda guerra mondiale.

Il nonno Babu è stato incredibilmente risparmiato dalle atrocità del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau.

La storia è stata nascosta a Janssen.

– Non ha mai parlato della guerra ai suoi figli e nipoti, ci ha provato, ma si è messo a piangere.

Quando ha capito perché stava piangendo, ha iniziato a piangere anche lei.

Nonno di Natalina Janssen

Il nonno di Jansen aveva 16 anni ed era fuggito da Auschwitz-Birkenau.

Foto: Amali Fgerhog Evgen/NRK

– C’erano i miei nonni, i loro genitori, i miei fratelli e i miei cugini sui rulli di trasferimento da Malines, un campo di concentramento in Belgio. Da lì, dovevano essere inviati alla distruzione nel gennaio 1944.

A causa della “clausola gitana”, nel 1934 a 68 rumeni fu negato l’ingresso in Norvegia attraverso la Danimarca. La famiglia Janssen era tra loro.

Più della metà dei ricorrenti era nata in Norvegia e la maggior parte aveva documenti che li collegavano allo stato.

Le autorità naziste deportarono 66 norvegesi rumeni dal Belgio occupato alla Polonia. Solo quattro di loro sono sopravvissuti. Non gli fu permesso di entrare in Norvegia fino al 1956.

– Se la Norvegia non avesse rifiutato l’ingresso alla mia famiglia, molto probabilmente molti parenti sarebbero sopravvissuti alla guerra.


NRK
spiegare

rom norvegese / rumeno

Vai a

Zingara o zingara o zingara o zingara?

  • La Norvegia ha avuto gruppi di persone di lingua rom per diverse centinaia di anni. Oggi ci sono due gruppi principali nel paese. Questi si descrivono come rom e romani.
  • rom Forma il ramo dell’Europa orientale del popolo rom, to differenza per l’Europa nordoccidentale rumeno/ tater.
  • I ricercatori ipotizzano che entrambe queste razze abbiano origini in India e che siano arrivate in Norvegia nel XVI secolo. Inizialmente, lo spazio norvegese era chiamato “Gypsy”. L’origine del termine è dibattuta. In Norvegia, “spazio” è diventato oggi il nome ufficiale del gruppo etnico.

clausola gitana:

  • Durante un periodo di sei anni, dal 1921 al 1927, le autorità norvegesi elaborarono una “politica zingara” coerente. In breve, la politica era che lo stato norvegese registrasse sistematicamente i rom, li privasse dei loro diritti civili e ne espellesse il maggior numero possibile, quindi negava loro l’accesso nel paese.
  • Questa politica è stata rafforzata dalla cosiddetta “clausola zingara”.

olocausto:

  • Facendo riferimento alla “clausola zingara”, a 68 rumeni è stato negato l’ingresso in Norvegia attraverso la Danimarca nel gennaio 1934. Più della metà di quelli rifiutati erano nati in Norvegia e la maggior parte aveva documenti di identificazione che li collegavano allo stato.
  • A volte viaggiavano nel continente europeo, ma volevano tornare nella loro nativa Norvegia. Dopo diverse espulsioni, tutti i romani-norvegesi furono deliberatamente espulsi dal paese, senza possibilità di ritorno legale.
  • Per i successivi dieci anni, la maggior parte dei romani-norvegesi ha vissuto in Belgio, dove è stata loro concessa una residenza temporanea su base cosiddetta umanitaria.

Accesso negato alla Norvegia:

  • Dal novembre 1943 alla fine di gennaio 1944, le autorità naziste deportarono 66 romeni-norvegesi dal Belgio occupato al campo di sterminio di Auschwitz II-Birkenau. Solo quattro dei 66 deportati sono sopravvissuti.
  • I primi rom norvegesi tornarono in Norvegia nell’estate del 1954. La “clausola Rom” a quel tempo rimase invariata nella legge norvegese sugli stranieri. Nel 1956 viene ufficialmente abolita la “clausola gitana”. Per alcune famiglie rom, la lotta per la cittadinanza norvegese è continuata fino agli anni ’70.

scuse del governo

  • Il rapporto di HL Get Rid of Them (2015) ha documentato come le autorità norvegesi abbiano perseguito una politica anti-zingara dal 1915 al 1956 caratterizzata da razzismo ed esclusione e come questa politica abbia contribuito all’uccisione di massa dei Rom norvegesi con essa. Il regime nazista durante la seconda guerra mondiale.
  • Come risultato del rapporto, il governo è venuto a Erna Solberg l’8 aprile con scuse sincere ai romani norvegesi. Nella stessa occasione, il governo ha promesso che la minoranza satellitare norvegese avrebbe ricevuto un risarcimento collettivo.

Visitare i romani dalla Romania:

  • Oltre alle famiglie rom e zingare, ci sono molti altri gruppi di zingari nel paese. La stragrande maggioranza proviene dalla Romania. La visita di Roma in Norvegia è iniziata sul serio dopo che la Romania è entrata nell’Unione Europea nel 2007.
  • I Rom in Romania sono ampiamente discriminati ed emarginati. Il motivo principale per cui così tante persone lasciano il Paese in cerca di una vita migliore è la disoccupazione e l’estrema povertà.
  • La visita dei romani è stata spesso oggetto di atteggiamenti negativi nei media e nel dibattito pubblico.

Fonte: Missione di Church City

– Gli zingari norvegesi subiscono discriminazioni ogni giorno

Quando Janssen tornò a casa da Israele, decise di continuare a scavare. Ha visitato HL nella speranza di far luce sulla storia dello spazio norvegese.

Maria Schwaler Roosevel è la coordinatrice del progetto presso il centro. Ha lavorato con Norwegian Space dal 2006.

Tra le altre cose, ha preparato il rapporto “Getting Rid of Them”, che mostra cosa è successo negli spazi norvegesi prima, durante e dopo la guerra. Janssen era un consulente per il rapporto.

Maria Schuyler Roosephol

Maria Schwaler Roosephol, coordinatrice del progetto del Centro HL, si tuffa negli archivi di Andere, in Francia, alla ricerca dei romani norvegesi.

Foto: Carl Emil Vogt

– Sono sicuro che sono discriminati ogni giorno. Le persone possono sapere molto poco delle stanze in generale, purtroppo. C’è una piccola minoranza in Norvegia, dice Roosevel, il che significa che pochi li hanno incontrati.

HL ha condotto un sondaggio sull’atteggiamento nel 2012 e nel 2017. In entrambi gli anni, i rom sono risultati essere la minoranza con cui i norvegesi avrebbero avuto il minor contatto.

Ovunque vadano, le guardie li seguono. Forse non è solo una sensazione che hanno, è molto reale. Voglio dire, i norvegesi si stanno perdendo molto non conoscendo i romani.

Rosvoll crede che si debba fare qualcosa per fermare la discriminazione.

Natalina Janssen

Jansen trascorre molto tempo nella cucina della casa di Sarpsborg. Il cibo è una parte importante della cultura.

Foto: Amali Fgerhog Evgen/NRK

Se vogliamo essere gentili, possiamo dire che il pregiudizio nasce perché le persone hanno poca conoscenza. Ma seriamente, la discriminazione è radicata nella politica attiva del governo. Mentre i media prendono di mira i pregiudizi.

Natalina Janssen ora spera che suo figlio non cresca con pregiudizi.

Combatterò per la mia gente, la nostra storia e la nostra identità. Lo farò finché vivrò.

READ  Mentre aspettiamo il Natale...